Come fare trading in modo redditizio in mercati volatili

La volatilità è aumentata notevolmente in queste ultime settimane. Sebbene questa natura altalenante sia stata comune negli ultimi 18 mesi, ora è aumentata. Abbiamo visto mosse enormi di molte centinaia di pips; La coppia USD / JPY è diminuita di 1.000 pips in soli otto giorni di negoziazione, mentre la coppia GBP / JPY ha perso 1.500 pips nello stesso periodo di tempo.

È pericoloso fare trading in mercati forex così volatili e alcuni trader potrebbero addirittura ritirarsi, ma ci sono anche alcune buone possibilità per realizzare un grande profitto. Dopotutto, siamo commercianti di forex e il profitto è ciò per cui siamo qui! Dobbiamo anche tenere conto del fatto che in questa attività c’è sempre un rischio. L’elevata volatilità non dovrebbe scoraggiarci dal trading sul forex in modo strategico. Detto questo, dobbiamo avere un piano di trading. Durante le ultime 2-3 settimane, abbiamo dovuto modificare le nostre regole di trading per avere successo in tali periodi.

È difficile fare trading in un mercato volatile, ma con la giusta strategia forex puoi essere redditizio

Non cercare di afferrare un coltello che cade

Questa regola si applica alle strategie di trading forex di tutti i giorni e in particolare al trading di volatilità; se il prezzo è in forte calo, niente panico e affrettati a sistemare tutto. Non puoi influenzare l’azione dei prezzi e cambiare la direzione del mercato. Se provi a prendere un coltello nella vita reale, probabilmente ti taglierai la mano. Nel forex trading, se cerchi di catturare un mercato in calo durante un’elevata volatilità, è probabile che tu dimezza le tue vincite.

Quindi, non essere un eroe che cerca di scegliere top o bottom. Non sai mai dove finirà il mercato. Se pensi che un calo di 5 centesimi in pochi giorni sia sufficiente e la caduta è esagerata, aspetta un momento e ripensaci. Dai un’occhiata al grafico GBP / JPY di seguito.

Dopo un calo di 600 pip durante la prima settimana di estrema volatilità, penseresti che il calo sia finito. Il prezzo è a 100 MA, lo stocastico è stato ipervenduto per alcune sessioni e l’indicatore RSI ha appena toccato la linea di ipervenduto. Ebbene, la settimana successiva è stata ancora più folle e il prezzo ha continuato a scendere per altri 900 pips. Qualcuno ha tasche così profonde ?! Quindi la prima regola nel trading di volatilità è: non cercare di selezionare massimi e minimi in condizioni di estrema volatilità.

Sbarazzati del rumore

Tengo diverse medie mobili e altri indicatori tecnici sui miei grafici quando eseguo le mie operazioni quotidiane. Sono molto utili durante i periodi normali, mostrando quando il mercato è ipercomprato / ipervenduto ecc. Ma quando il mercato va nel panico questi indicatori non contano nulla. Potresti avere tre linee di tendenza, quattro medie mobili, RSI e indicatori stocastici nel grafico orario o H4 – tutti che mostrano che una coppia forex è ipervenduta – ma in queste condizioni, non puoi fidarti di loro.

Quando il mercato è estremamente volatile, dovresti guardare ai grandi livelli ed eliminare il rumore. Il livello 116 è stato un importante livello di resistenza in USD / JPY e si è tenuto più volte. Quando il crollo del mini mercato azionario cinese si è verificato nell’agosto 2015, è stato a questo livello che il prezzo si è bloccato. È logico ignorare i piccoli livelli intraday e concentrarsi su quelli grandi. Due settimane fa, quando abbiamo assistito a un altro crollo del mercato forex, mi sono concentrato solo su questo livello. Quando finalmente si è rotto, ho smesso di pensare di acquistare di più poiché le posizioni si erano spostate e gli orsi avevano preso il controllo. Questo ci porta alla prossima strategia di trading sulla volatilità: vai con la pausa.

Vai con la pausa

I grandi livelli tecnici sono importanti nel forex. Molti trader si affidano a loro e aprono posizioni quando il prezzo si avvicina abbastanza, con stop dall’altra parte. Ma quando un grande livello viene rotto, come il livello 116 in USD / JPY, allora tutta la fiducia viene persa e molte posizioni di acquisto vengono chiuse (a parte gli stop loss innescati).

Ora, immagina che accada quando il mercato del forex è già in preda al panico. Il panico si moltiplica e la volatilità diventa estrema. Diamo ancora una volta un’occhiata al grafico USD / JPY; il livello 116 si è tenuto più volte per un periodo di tempo di 14-15 mesi. Tuttavia, poco più di una settimana fa durante l’estrema volatilità, quel livello di resistenza alla fine ha lasciato andare e c’è stato un calo di 500 pip. Quindi nel trading di volatilità, quando un livello elevato viene violato durante periodi volatili, devi solo andare con la pausa. È molto facile farsi prendere dal panico durante questi periodi e questo spinge il prezzo ancora più in basso.


Pensa in grande e mungi il mestiere

Quando la volatilità è estrema, non è il momento di scalpare o scambiare i piccoli intervalli di tempo. Livelli di 20 o fino a 60 stop loss sono facilmente raggiungibili quando l’intervallo giornaliero è di 300 pips. Quante volte abbiamo visto il prezzo muoversi di 50 pip in pochi minuti? Pertanto, è sensato ampliare i tuoi obiettivi in ​​tali occasioni.

In FX Leaders una delle nostre strategie di trading sulla volatilità è aumentare il numero di segnali forex a lungo termine quando la volatilità aumenta e diminuisce sui segnali forex a breve termine. Devi pensare in grande quando il prezzo si muove di 500-700 pips a settimana. Come abbiamo detto sopra, la migliore strategia di trading di volatilità è scegliere i grandi livelli di resistenza / supporto e lasciare che il prezzo e la volatilità facciano il lavoro – ricorda solo di mantenerlo semplice. Non devi nemmeno essere estremamente paziente perché non ci vuole molto tempo prima che il prezzo si sposti da un grande livello a un altro.

Se guardiamo di nuovo all’esempio di USD / JPY sopra, dopo aver infranto il livello di supporto 116, ci sono voluti solo circa due giorni e mezzo di negoziazione perché il prezzo raggiungesse 111. Quindi, quando si negozia la volatilità, mantenere la posizione aperta per mungere il commercio al massimo. Di solito, quando il prezzo si muove di diverse centinaia di pip in pochi giorni, non si inverte così rapidamente. Ci sono alcuni giorni di consolidamento e alcuni segnali, quindi c’è tempo per giudicare e decidere se chiudere il commercio.

Come puoi vedere, ci sono opportunità di profitto durante l’estrema volatilità. È vero che è pericoloso fare trading in questi periodi, ma questa è la natura del forex. Tuttavia, esistono metodi per ridurre al minimo il rischio, come spiegato in questo articolo. La strategia di trading in questi tempi è pensare in grande, guardare i grandi livelli e le tempistiche più ampie e seguire il flusso.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Adblock
detector