Mt. Gox, uno dei più grandi scambi di bitcoin e la vittima di furto più popolare è ancora una volta nelle notizie mentre il suo ex CEO Mark Karpeles parla del suo ruolo nel fiasco e guida l’azienda ora in bancarotta attraverso la riabilitazione civile.

annuncio pubblicitario Phemex

 

Mark Karpeles, Mt. L’ex CEO di Gox pubblica il suo cuore

È l’infinito Monte. Gox Saga, ancora una volta! L’ex CEO di Mt. Gox, Mark Karpeles si è fatto avanti e ha pubblicato su Reddit l’intera debacle con un “Chiedimi tutto quello che vuoi”.

Mt. Gox, che era uno dei più grandi scambi di bitcoin che rappresentavano il 70% delle transazioni bitcoin al mondo, è andato in bancarotta dopo il presunto furto di bitcoin nel 2014 che ha portato a un calo del 36% dei prezzi dei bitcoin. Lo stesso Mt. Gox è stato anche responsabile del calo dei prezzi dei bitcoin da dicembre 2017 a febbraio 2018.

Mark Karpeles ha sostanzialmente acquistato il sito da Jed McCaleb nel 2011 ed è diventato l’amministratore delegato dell’exchange. Nel febbraio 2014, Karpeles si è dimesso dalla sua posizione poco prima che la società annunciasse la perdita di bitcoin.

Karpeles racconta i fatti in dettaglio, a partire dalla richiesta di riabilitazione civile del 28 febbraio 2014, la cui quattro mesi dopo lo scambio è fallita. Secondo lui, i suoi sforzi per aiutare il Monte. Gox fuori dai guai non era abbastanza per cui era stato arrestato e ora assiste nella riabilitazione civile del Monte. Gox.

Chiarisce ulteriormente:

“La legge giapponese sui fallimenti ha un esito particolarmente sgradevole qui, e voglio affrontarlo in anticipo. Quando i crediti dei creditori sono stati registrati, tali crediti sono stati registrati nella valutazione dello yen giapponese alla data del fallimento … Ciò significa che i crediti possono essere rimborsati per intero e ci saranno ancora oltre 160.000 bitcoin e contanti in bitcoin nelle attività nella tenuta di Gox … quelle attività vengono distribuite agli azionisti come parte della liquidazione. “

Quanto a se stesso, Karpeles non vuole questi miliardi di dollari perché “Fin dal primo giorno non mi sarei mai aspettato di ricevere nulla da questo fallimento”.

Inoltre, leggi: Breaking: Mt. Gox sospettato di un’altra svendita di BTC!

È la risposta della riabilitazione civile al Monte. Gox pasticcio?

Crede che la riabilitazione civile sia il modo in cui sta lavorando con dedizione a:

“Il fatto che oggi questa sia una possibilità è un’aberrazione e credo che sia mia responsabilità assicurarmi che non accada. Uno dei modi per farlo sarebbe la riabilitazione civile, e poiché sembra che la maggior parte dei creditori concordi con questo, sto facendo del mio meglio per contribuire a realizzarlo “.

Quindi, ora ti starai chiedendo, è così semplice, riavremo indietro i nostri bitcoin, a quanto pare no:


“I pagamenti agli azionisti in Bitcoin sono inauditi e probabilmente non sono un’opzione poiché le tasse sui pagamenti agli azionisti devono essere calcolate, il che significa che qualunque cosa venga pagata deve avere un valore stabile in JPY.”

Se lo scambio non va alla riabilitazione civile, i restanti 165.000 di ogni bitcoin e bitcoin cash saranno venduti dal Monte. Fiduciario di Gox che porterebbe solo al crollo del mercato come l’ultima volta.

Mt. Gox aveva circa 1 milione di bitcoin nella sua fiducia, di cui circa 800.000 sarebbero stati rubati. I restanti 200.000 bitcoin sono stati quindi valutati al prezzo di fallimento, ovvero circa $ 400. Recentemente, il trustee ha venduto circa 35.000 BTC e BCH ciascuno e circa 165.000 bitcoin e $ 100 milioni di BCH sono ancora rimasti.

Il tribunale dice che tutti vengono ripagati, ma poi chi riceverà i restanti miliardi di bitcoin. Ebbene, per legge fallimentare Karpeles sarebbe quella persona. Un individuo che era il responsabile dello scambio quando tutto è andato giù, letteralmente!

Tuttavia, Karpeles nel suo processo nel giugno 2017 ha affermato di essere innocente e ha inoltre affermato che l’azienda stava avendo problemi con la gestione del portafoglio di debiti che potrebbero portare al suo fallimento.

Con il fallimento già in corso da oltre 4 anni, è tempo che il tribunale prenda la decisione giusta e consegni le monete ai legittimi proprietari. È stato esteso per troppo tempo, il che finisce solo per danneggiare i sentimenti degli investitori e del mercato.

Sei convinto che il Monte. Gox che ha ancora grandi quantità di fondi bitcoin non ripeterebbe più lo stesso errore??

Per tenere traccia degli aggiornamenti DeFi in tempo reale, controlla il nostro feed di notizie DeFi Qui.

PrimeXBT

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Adblock
detector