Interesse istituzionale che esplode alle cuciture, Bitcoin e Altcoins lanciano il tappeto rosso

annuncio pubblicitario Phemex

L’interesse istituzionale sta crescendo mentre Morgan Creek Digital, Bakkt, Iconiq Lab, Bittrex e Coinbase, tra gli altri, stendono il tappeto rosso per gli investitori istituzionali con il loro bitcoin focalizzato & offerte crittografiche. Nel frattempo, lo studio Deloitte ci fornisce una panoramica dell’interesse delle aziende per la tecnologia blockchain.

Interesse istituzionale in aumento

Si ritiene che l’interesse degli investitori istituzionali spinga il prezzo del Bitcoin a nuovi picchi. Dato che questi investitori porteranno un’enorme quantità di denaro, l’aspetto mantiene credibilità. Tuttavia, un certo numero di appassionati di criptovalute ritiene anche che l’ingresso di investitori istituzionali porterà a un’enorme quantità di manipolazioni dei prezzi, poiché verranno pompati e scaricati denaro significativo..

Tuttavia, l’interesse istituzionale ha raggiunto il picco ed è in costante crescita. A poco a poco, stanno facendo il loro ingresso nel mercato delle criptovalute, anche se a un ritmo lento, mentre elaborano i loro piani più grandi dietro le porte chiuse.

Secondo un recente studio di Deloitte, l’84% delle aziende afferma che le soluzioni basate su blockchain sono migliori delle tecnologie convenzionali. Tuttavia, il 39% cita questioni normative e il 28% non comprende le barriere nell’implementazione di questa tecnologia.

I grandi nomi si stanno facendo strada nelle criptovalute

In precedenza, aziende come Circle, Coinbase, Binance e ledgerX, tra le altre, hanno segnalato il significativo aumento dell’interesse istituzionale.

Inoltre, nomi come Goldman Sachs, Northern Trust e recentemente Bank of America sono entrati nelle criptovalute tramite custodia. Tuttavia, un certo numero di grandi nomi nel mercato delle criptovalute stanno lanciando il tappeto rosso per gli investitori istituzionali.

Tutto è iniziato con Coinbase e la sua introduzione di prodotti e servizi premium rivolti esclusivamente agli investitori istituzionali. E ora altri sono pronti a spingerlo ulteriormente in avanti.

Per cominciare, Bittrex, uno scambio di criptovalute con sede negli Stati Uniti, ha portato alla luce una serie di fattori come il fiat trading, i piani di espansione e l’apertura dei suoi servizi agli investitori istituzionali.

Inoltre, leggi: Anti-Dollar in Full Force, mentre Bitcoin sta guadagnando sempre più trazione in tutto il mondo

Bakkt, il grande affare o ETF sugli steroidi


ICE, la società madre del più grande gruppo di scambio del NYSE, ha introdotto Bakkt, una piattaforma di risorse digitali che verrà rilasciata a novembre. Kelly Loeffler, il CEO ha dichiarato esplicitamente:

“Bakkt è progettato per fungere da rampa di accesso scalabile per la partecipazione di istituzioni, commercianti e consumatori alle risorse digitali promuovendo maggiore efficienza, sicurezza e utilità”.

Con futures sostenuti fisicamente, come promesso dalla società, questa piattaforma consentirà agli investitori istituzionali di acquistare Bitcoin attraverso la sua infrastruttura di mercato regolamentato. Inoltre, ha menzionato nel suo post “Un mercato in evoluzione – La necessità di una formazione di prezzi affidabili”, non sarà consentito alcun effetto leva o margine, piuttosto tutti i contratti bitcoin di Bakkt saranno prefinanziati o garantiti.

Morgan Creek accoglie con favore gli investimenti istituzionali in Bitcoin

In collaborazione con Bitwise Asset Management, Morgan Creek Digital ha lanciato un fondo indicizzato digitale. Il fondo offrirà esposizione alle criptovalute a investitori accreditati, pensionati e persone facoltose come affermato da Anthony Pompliano, il partner di Morgan Creek Digital:

“Siamo pienamente preparati e riteniamo di aver costruito qualcosa che gli investitori istituzionali troveranno interessante, indipendentemente da come sono classificati gli asset. Che si tratti di titoli o meno. “

Il portafoglio del fondo comprende la più grande delle dieci risorse digitali, vale a dire. Bitcoin (70%), Ethereum (15%), Bitcoin Cash (BCH), Litecoin (LTC), EOS, Monero (XMR), Dash, Ethereum Classic (ETC), Zcash e OmiseGo (OMG). Ma esclude Ripple e Stellar come ha rivelato:

“Se c’è un partito centrale che possiede il 30% o più dell’offerta, li escludiamo dall’indice. Perché pensiamo che ciò introduca molti rischi aggiuntivi che potrebbero non esserci se si trattasse di una rete più decentralizzata “.

Laboratorio Iconiq che realizza ICO & criptovalute accessibili

Inoltre, la tedesca Iconiq Holding sta lanciando una serie di fondi indicizzati di asset digitali che, secondo il suo managing partner, Maximilian Lautenschläger, porterebbero nuovo capitale nel mercato delle criptovalute:

“L’obiettivo di Iconiq è rendere gli ICO e gli investimenti in criptovaluta accessibili a investitori istituzionali, family office e investitori al dettaglio. Solo attraverso tali veicoli regolamentati possiamo aprire le porte a trilioni di capitali dai mercati istituzionali per entrare nelle criptovalute “.

Le istituzioni si stanno facendo strada nelle criptovalute da un po ‘di tempo, che ora sta iniziando a includere anche i grandi nomi. Tuttavia, a meno che non arrivi la chiarezza normativa, non raggiungerà il potenziale che il mercato delle criptovalute sta cercando, almeno non ancora!

Per tenere traccia degli aggiornamenti DeFi in tempo reale, controlla il nostro feed di notizie DeFi Qui.

PrimeXBT

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Adblock
detector