Il Primo Ministro di Malta chiama le criptovalute “Futuro del denaro” all’Assemblea generale delle Nazioni Unite (UNGA)

annuncio pubblicitario Phemex

Malta è un paese che supporta attività basate su criptovalute, blockchain e criptovalute in lungo e in largo. Il paese è così ottimista su blockchain e criptovalute che il primo ministro di Malta, Joseph Muscat nel suo discorso all’Assemblea generale delle Nazioni Unite, ha affermato che la criptovaluta è inevitabile il futuro del denaro.

Malta loda la criptovaluta a livello mondiale

Malta si è guadagnata la reputazione di paese a misura di criptovaluta. Il paese ei suoi ministri sono così ottimisti su blockchain e criptovalute che non lasciano nulla da perdere per lodarlo. La scorsa settimana, il primo ministro di Malta, Joseph Muscat, ha parlato alla 73a sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite tenutasi a New York City. Nel suo discorso, ha sottolineato il potenziale della blockchain e delle criptovalute e il futuro che detengono. Egli ha detto

“Credo fermamente che la tecnologia rivoluziona e migliora i sistemi. Ecco perché, a Malta, ci siamo lanciati come Blockchain Island essendo la prima giurisdizione a regolarizzare una nuova tecnologia che in precedenza esisteva in un vuoto giuridico “.

Ha inoltre affermato che

“Blockchain rende le criptovalute un futuro inevitabile per il denaro. Più trasparente, aiuta a filtrare buoni affari da cattivi affari “.

Il Primo Ministro ha proseguito affermando che il governo locale è appassionato del potenziale della blockchain e della sua capacità di eliminare fornitori di servizi di terze parti per dare agli utenti la completa libertà su informazioni e denaro. È stato citato dicendo

“Può fornire nuove soluzioni ai sistemi sanitari in cui i pazienti hanno la proprietà reale delle loro cartelle cliniche. I sistemi di scambio di quote di emissioni possono essere portati al livello successivo. Possiamo aiutare a verificare che l’assistenza umanitaria stia raggiungendo la destinazione prevista. Possiamo assicurarci che nessuno venga privato della loro proprietà legittima a causa di dati compromessi. Le aziende potranno diventare più responsabili nei confronti dei loro azionisti. Gli Stati dovranno passare dall’accumulo di informazioni sui cittadini alla regolamentazione di un ambiente in cui i cittadini si fidano del trattamento dei loro dati “.

Secondo Joseph Muscat, ci sono ovviamente alcuni problemi legati alla transizione verso un’economia digitale. Molte persone in tutto il mondo si attengono a “concetti che credevamo sarebbero rimasti con noi per sempre”, come il significato del lavoro, la compensazione per il lavoro e il ruolo del governo nel fornire reti di sicurezza per i cittadini.

Ha anche sottolineato che alcune delle sfide deriveranno dalla resistenza di coloro che temono che la nuova economia emergente porterà a massicce perdite di posti di lavoro e ulteriore povertà.

Inoltre, leggi: Crypto’s Slow Development simile ai primi giorni di Internet & “Non importa cosa” Govt. regolerà -Co-fondatore di Apple

Malta – L ‘”isola Blockchain”


Dall’inizio del 2018, Malta si è concentrata sulla costruzione di un ecosistema che migliora in modo significativo le attività delle società legate alla crittografia e alla blockchain. Sforzandosi di trasformare la nazione mediterranea in “Blockchain Island”, il governo sta aprendo le sue porte alla blockchain e ad altre cosiddette tecnologie di registro distribuito. Malta ritiene che l’isola possa diventare un paradiso per le criptovalute come Bitcoin – l’applicazione più nota delle tecnologie di registro – ma ritiene anche che la blockchain possa aiutare a trasformare i sistemi di trasporto e di istruzione del paese.

Sul fronte legislativo, a luglio, il parlamento maltese ha approvato tre progetti di legge per stabilire un quadro normativo e guidare l’innovazione nelle tecnologie simili a blockchain con la speranza che queste leggi attirino società di tecnologia finanziaria straniera a stabilirsi nel paese..

Questo ambiente favorevole fornito dal governo di Malta ha attirato molte aziende criptate nel paese. Di spicco di quelli che sono Binance, il più grande scambio di criptovalute del mondo, ha spostato la sua sede da Hong Kong a Malta, seguendo gli ostacoli normativi in ​​Estremo Oriente. Non solo, lo scambio prevedeva anche di rendere Malta la sede della prima banca decentralizzata al mondo, la Founders Bank. Founders Bank non avrà alcuna autorità centrale. Invece, sarà di proprietà della comunità di tutti i suoi clienti. Binance sta sostenendo la banca, fungendo da uno dei suoi primi investitori.

Nell’agosto di quest’anno, un altro importante scambio di criptovaluta, ZB.com, ha annunciato che avvierà le sue operazioni in Europa con il lancio di un nuovo scambio a Malta. Quest’ultimo annuncio ha fatto seguito all’annuncio di OKEx e DQR, che hanno anche aperto uffici sull’isola.

Con il trasferimento del business delle criptovalute a Malta, il paese giustifica definitivamente il nome di “Blockchain Island” che il paese si è guadagnato. E ora con il discorso all’UNGA, il Paese ha annunciato il suo arrivo sulla scena mondiale. Questo sicuramente lancerà una sfida al suo vicino europeo, la Svizzera, che sta anche combattendo la corsa per essere una nazione che supporta le criptovalute

Malta sarà davvero un vero leader nel business delle criptovalute? Fateci sapere le vostre opinioni sullo stesso.

Per tenere traccia degli aggiornamenti DeFi in tempo reale, controlla il nostro feed di notizie DeFi Qui.

PrimeXBT

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Adblock
detector