Il CEO di ShapeShift chiama WSJ per aver spinto le notizie narrative e fuorvianti “Crypto is Criminal Money”

annuncio pubblicitario Phemex

Nel mondo di oggi, l’influenza dei media su coloro che pensavano che il processo fosse a un punto culminante. Che si tratti di social media sui media mainstream, è molto difficile differenziare le notizie dalle voci. Le criptovalute ne sono state vittime per molto tempo e se si deve credere al CEO di Shapeshift, continuano a farlo. In un recente articolo pubblicato sul Wall Street Journal, l’autore accusa Shapeshift (e altre criptovalute) di fornire una piattaforma ai criminali per riciclare il loro denaro.

Il giornale di Wall Street spiazza Voorhees e la comunità crittografica

Il recente articolo pubblicato dal Wall Street Journal intitolato “How Dirty Money Disappears Into the Black Hole of Cryptocurrency”, scritto da Justin Scheck e Shane Shifflett, propone la narrativa secondo cui chiunque desideri riciclare il proprio denaro sporco, sia esso un agente nordcoreano, un venditore ambulante di carte di credito rubate e la mente di uno schema Ponzi da $ 80 milioni, utilizza ShapeShift AG e lo converte in modo anonimo in criptovalute. La scrittura prosegue per indirizzare le monete per la privacy come Monero che sono completamente non rintracciabili e migliori nascondigli per i riciclatori di denaro..

L’articolo accusa ulteriormente Shapeshift e le sue politiche dicendo

“Dopo che gli hacker ritenuti provenienti dalla Corea del Nord hanno estorto milioni di dollari nel cosiddetto attacco ransomware WannaCry ad aziende e governi, i criminali hanno utilizzato ShapeShift per convertire bitcoin in una criptovaluta non rintracciabile chiamata Monero, hanno scoperto i ricercatori di sicurezza. Per il prossimo anno, ShapeShift non ha apportato modifiche alla sua politica di non identificare i propri clienti e ha continuato a processare milioni di dollari in proventi criminali, secondo l’indagine del Journal “.

Incolpa anche Voorhees di mantenere Shapeshift non conforme alle norme KYC e lo cita, da una delle sue interviste dicendo,

“Non credo che le persone dovrebbero registrare la propria identità per catturare un criminale occasionale”,

L’articolo accusa anche Erik di convincere falsamente i Venture Capitalist

“Attirati dal boom di bitcoin, gli investitori in Europa, California e Colorado hanno guardato oltre i rischi legali per mettere più di $ 12 milioni dietro ShapeShift. Dicono che il signor Voorhees, che dice che “vorrebbe che il governo nazionale venisse sciolto”, li ha convinti di essere un uomo d’affari pragmatico disposto a seguire le leggi federali “.

L’uso del suo nome e di quello di Shapeshift in modo così sciolto non è andato bene con il CEO Erik e ha risposto con forza a WSJ e ai suoi autori. Usando il suo handle di Twitter, Voorhees ha twittato come i media mainstream stiano ancora pubblicando articoli scarsamente ricercati sulle criptovalute senza preoccuparsi delle implicazioni che potrebbero essere false e fuorvianti.

1/2 Siamo a conoscenza del pezzo scarsamente studiato scritto contro di noi da qualcuno al WSJ. Le implicazioni sono false e fuorvianti. pic.twitter.com/IIyOjactGk


– Erik Voorhees (@ErikVoorhees) 28 settembre 2018

2/2 Dati selezionati dall’autore, esclusi fatti contrari alla narrativa di denigrazione. La cifra di 9 milioni di dollari è inferiore allo 0,2% del nostro volume nel periodo di tempo. Nel frattempo, il riciclaggio di denaro globale attraverso le banche è del 2-5%. Op-ed imminente.

– Erik Voorhees (@ErikVoorhees) 28 settembre 2018

Anche, leggere: Bitcoin & Le criptovalute fanno ancora parte del portafoglio di investimenti della nuova classe media cinese: la ricerca rivela

Erik Voorhees trova sostegno da Joseph Young che sottolinea che i divieti gestiti a livello federale riciclano anche denaro

Mentre Erik combatte la sua battaglia per dimostrare che la narrativa dell’articolo è sbagliata, ha trovato il sostegno di Joseph Young che ha risposto al tweet di Erik dicendo che tali articoli non riguardano realmente il riciclaggio di denaro, ma in realtà riguardano la diffusione di una narrativa secondo cui la criptovaluta è denaro criminale.

Una banca in Danimarca ha riciclato 230 miliardi di dollari. Perché stiamo anche parlando di $ 9 milioni su scambi di criptovalute?

Non si tratta davvero di riciclaggio di denaro nel caso in cui non sia ancora ovvio. Si tratta di spingere una narrativa secondo cui le criptovalute sono denaro criminale.https://t.co/F77XOxtenK

– Joseph Young (@iamjosephyoung) 29 settembre 2018

Indica anche come le banche riciclano denaro, ma nessuno dei media ne parla mentre ne parlano Bitcoin e Cryptos. Mentre spiega come i media siano prevenuti, indica una banca in Danimarca che è stata dichiarata colpevole di riciclaggio di 230 miliardi di dollari. Il riferimento è alla Danske Bank, la più grande banca danese, che ha affermato che più di 230 miliardi di dollari nelle transazioni sospette di riciclaggio di denaro sono fluiti attraverso la sua piccola filiale estone, una divulgazione accompagnata dalle dimissioni dell’amministratore delegato della banca.

Ciò che Erik e Joseph affermano è che le frodi e il riciclaggio di denaro sono ovunque, sia che si tratti di banche centralizzate e gestite a livello federale o di criptovalute, ma evidenziare solo le criptovalute come colpevoli è qualcosa che non è corretto. Bisogna capire che i tempi stanno cambiando e le criptovalute hanno il potenziale per fare molto di più che riciclare denaro

Sei d’accordo con Erik Voorhees e Joseph Young sulla loro visione dei media mainstream? Fateci sapere le vostre opinioni sullo stesso.

Per tenere traccia degli aggiornamenti DeFi in tempo reale, controlla il nostro feed di notizie DeFi Qui.

PrimeXBT

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Adblock
detector