Questo è il modo in cui il coronavirus può influenzare Bitcoin | Ecco perché

coronavirus

Mentre il mercato delle criptovalute sta attualmente attraversando un aumento dei prezzi, il coronavirus ha anche aumentato il numero delle vittime a un ritmo rapido. Ma come può questo nuovo ceppo di virus avere un impatto sulla criptovaluta numero uno, Bitcoin?

Gli investitori temono che la diffusione del coronavirus avrà un impatto profondo sulle principali industrie cinesi, come la produzione, i materiali, i beni di consumo e le criptovalute.

Bitcoin è riuscito a raggiungere un nuovo massimo annuale, continuando a mostrare segnali rialzisti, poiché il mercato azionario cinese ha registrato un forte calo dopo la riapertura dalla prolungata pausa del capodanno lunare.

Diverse misure drastiche sono state attuate da molti paesi, ma la Cina, in particolare, per fermare o almeno rallentare la diffusione del virus.

Ciò significa che molte aziende stanno implementando misure precauzionali, come chiedere alle persone di lavorare a distanza per ridurre al minimo il contatto tra uomo e uomo, poiché il virus si diffonde attraverso le sostanze del corpo presenti negli starnuti e nella tosse. I paesi stanno anche limitando l’accesso agli aerei e ad altri mezzi di trasporto ai loro confini, alcuni addirittura interrompendo completamente tutti i voli dalla Cina.

Con queste misure, potrebbero esserci alcuni effetti che prima o poi si rifletteranno sul prezzo di Bitcoin. Ecco alcuni dei modi in cui il coronavirus può influenzare Bitcoin.

coronavirus vs bitcoincryptoslate.com

Il mining di blockchain diminuisce

È ovvio che in tutto il mondo ci sarà una perdita economica, poiché la Cina è un grande produttore e produttore per alcune delle più grandi aziende sul mercato. Anche il gigante tecnologico Apple prevede di subire enormi perdite per la crescita. Un analista senior ha inoltre spiegato che “Se non fosse per il coronavirus, la sostenibilità della performance in Cina non sarebbe messa in discussione … (È) un rischio importante che gli investitori devono monitorare”.

Anche le piccole e medie imprese ne risentiranno, poiché il flusso di cassa dagli acquisti dei clienti diminuirà drasticamente.

Tuttavia, il mining di Crypto sta ancora continuando le sue operazioni a capacità quasi regolare, poiché le macchine sono principalmente responsabili del processo.

Le fabbriche minerarie non hanno bisogno di un numero elevato di dipendenti, il che, in teoria, non dovrebbe influire più di tanto sul processo di estrazione. Sebbene ci siano state alcune mining farm che hanno avuto ritardi nelle nuove spedizioni di chip e forniture informatiche, le strutture hanno imparato ad adattarsi e continuano a funzionare secondo parametri normali.

Se ci saranno più restrizioni implementate a causa del Coronavirus, tali carenze probabilmente influenzeranno tutti gli aspetti del mining, poiché le società non saranno in grado di aggiornare le macchine e le parti hardware.

Secondo BTC.top, il 4 febbraio, il CEO Jiang Zhuoer ha chiuso una delle sue miniere da una remota regione della Cina, poiché è stato costretto a spegnere tutte le macchine minerarie a causa dell’epidemia. MicroBT, un produttore di hardware crittografico, ha anche annunciato che stanno ritardando le spedizioni.


Poiché l’elettricità e le risorse minerarie sono meno costose nelle aree dello Xinjiang, della Mongolia Interna, dello Yunnan e del Sichuan, la Cina è uno degli enormi mercati per i minatori di Bitcoin.

Le 5 più grandi società minerarie hanno tutte sede in Cina e, insieme, hanno il controllo del 50% di tutta la potenza di calcolo sulla rete Bitcoin, secondo la ricerca di TokenAnalyst.

Bitmain e Canaan Creative sono i principali principali produttori di chip per il mining in Cina, con il primo responsabile della produzione del 66% dell’hardware mondiale per il mining di criptovalute.

A causa dell’epidemia di virus, Bitmain, Canaan e MicroBT hanno rilasciato avvisi pubblici sul loro sito Web in cui annunciavano rinvii nei loro servizi post-vendita, affermando che riprenderanno le operazioni il 10 febbraio.

mining di bitcointrendmicro.com

Annullamento degli eventi crittografici

Molti eventi e conferenze dal mondo cripto e blockchain hanno anche posticipato le loro date iniziali. Eventi importanti, come niTROn2020 a Seoul, Hong Kong Blockchain Week 2020 e Token2049 hanno ritardato la data di inizio.

La conferenza crittografica TOKEN2049, che avrebbe dovuto iniziare il 17-18 marzo e si terrà a Hong Kong, è stata riprogrammata in ottobre, citando il virus come preoccupazione principale.

“Nelle ultime settimane, abbiamo monitorato da vicino gli sviluppi globali intorno al Coronavirus. Mentre Hong Kong sta gestendo bene la situazione e ha preso precauzioni rigorose per contenere qualsiasi potenziale impatto, prevale l’incertezza “, hanno annunciato gli organizzatori dell’evento.

Il post ha proseguito affermando che il luogo e il programma dell’evento rimarranno gli stessi, anche se la data è stata spostata. Nuovi oratori si sono già iscritti, il che significa che l’ordine del giorno potrebbe cambiare.

Anche DeFiner, una startup di criptovaluta, ha cancellato il suo tour di 10 città per investitori a causa del coronavirus.

Inoltre, il principale scambio di criptovalute, Binance, ha respinto il suo evento Binance Blockchain Week Vietnam, che inizialmente doveva svolgersi dal 29 febbraio al 4 marzo a Ho Chi Minh City, Vietnam.

“In Binance, diamo la priorità alla salute e alla sicurezza di tutti durante i nostri eventi e, in questa emergenza sanitaria pubblica globale, ci siamo impegnati a fare la cosa giusta e proteggere gli aspiranti partecipanti dai rischi per la salute associati alle riunioni pubbliche. Quindi, dobbiamo rimandare questo evento “, ha scritto lo scambio il 3 febbraio.

Binance non ha rilasciato nuove date per il loro evento.

Difficoltà di estrazione ridotta

crypto miningmasterdc.com

C’è stato un rallentamento nella difficoltà di mining, il che indica che i miner non sono stati in grado di procurarsi nuovo hardware aggiornato per il mining. Si sospetta che questo sia un risultato diretto della quarantena imposta dalle autorità cinesi, che ha impedito ai produttori di attrezzature minerarie di produrre e spedire il proprio hardware.

La difficoltà di mining è la potenza di calcolo necessaria per risolvere equazioni matematiche, in modo che il miner possa estrarre un nuovo blocco e ottenere la ricompensa in Bitcoin. La difficoltà di mining è stata modificata l’11 febbraio, con uno 0,52% in più rispetto a 2 settimane fa. Questo Spettacoli un forte calo rispetto ai livelli di crescita registrati il ​​28 e 14 gennaio, rispettivamente del 4,67 e del 7,08%.

La difficoltà di mining di Bitcoin è programmata per adattarsi al carico di lavoro del blocco ogni due settimane circa, in base alla potenza di calcolo presente nella rete. Man mano che più minatori sono sulla rete, la difficoltà aumenta e quando i minatori lasciano la rete, la difficoltà diminuisce.

“Molti minatori stanno gradualmente eliminando le macchine minerarie più vecchie e acquistando modelli nuovi e più potenti man mano che ci avviciniamo al dimezzamento”, ha affermato Jason Wu, co-fondatore e CEO della startup di prestiti crittografici DeFiner.

Secondo Wu, le mining farm hanno iniziato ad aggiornare vecchie macchine, come Antminer S7 e S9 di Bitmain dalla seconda metà del 2019.

“L’epidemia potrebbe aver ritardato la transizione e contribuito alla lenta crescita delle difficoltà minerarie”, ha affermato Wu.

Previsioni sui prezzi di Bitcoin

La regione Asia-Pacifico è attualmente sede di venti dei primi 50 scambi di criptovalute e rappresenta quasi il 40% delle transazioni Bitcoin elaborate nella prima metà del 2019, hanno rivelato i dati di Chainalysis. La società di ricerca ha anche concluso che la maggior parte degli scambi ha sede in Cina.

Il CEO degli specialisti di finanza internazionale deVere Group, Nigel Green, ritiene che, durante le epidemie di virus, Bitcoin sarà la valuta in vantaggio, non fiat.

“La continua traiettoria al rialzo del prezzo del bitcoin è correlata alla diffusione del coronavirus”, ha osservato.

“Più casi individuali vengono identificati, più paesi in tutto il mondo sono interessati e maggiore è l’impatto sui mercati finanziari tradizionali, più alto è il prezzo del bitcoin”.

previsione dei prezzi dei bitcoinpixabay.com

L’analista di Chicago, JH Winterburn, vede anche una potenziale crescita per Bitcoin, poiché sul grafico, BTC ha già superato il livello di resistenza di $ 10.000.

“La reazione del mercato cinese va ben oltre quello che ci si aspettava quando il trading è tornato dopo la pausa lunare”, ha affermato.

“Uno spavento per la salute serio e localizzato quasi esclusivo di un paese avrà sempre un effetto potenzialmente devastante sull’economia dei materiali di quel paese – la storia ce lo ha detto molte volte”.

“Possiamo vedere che diversi grandi buy-in su BTC negli ultimi giorni sono arrivati ​​dalla Cina, quindi è ovvio cosa sta succedendo, ma stiamo anche assistendo a una fragilità nel mercato delle criptovalute che è forse sostenuta da questa attività.

“Dobbiamo tenere presente che il bitcoin stava iniziando a costruire verso una prospettiva rialzista settimane prima che il mondo iniziasse a prendere sul serio il coronavirus e questo rende rischioso piazzare tutte le tue fiches su BTC ripetendo i massimi del 2017”.

“Eventi come il coronavirus saranno purtroppo più” normali “di” cigno nero “nei prossimi decenni”, ha affermato Dave Balter, CEO di Flipside Crypto. “L’impatto su settori specifici si farà sentire, ma diventerà parte della nuova normalità”.

Bitcoin viene ancora scambiato oltre $ 10.000, attualmente a $ 10.176,92 al momento della scrittura, con un calo dell’1,08% nelle ultime 24 ore.

Pensieri finali

Se l’epidemia di coronavirus avrà ramificazioni nel prezzo di Bitcoin è ancora oggetto di dibattito. Alcuni ipotizzano che questo evento determinerà la crescita delle criptovalute, mentre altri non vedono forti correlazioni con altri asset.

Immagine in primo piano: l’indipendente

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Adblock
detector