Trading del Nikkei 225 – Guida per principianti

Il Nikkei 225 è un indice azionario ponderato in base al prezzo o una media azionaria delle principali 225 azioni blue chip quotate alla Borsa di Tokyo. Il Nikkei può essere paragonato all’indice Dow Jones Industrial Average degli Stati Uniti.

Storia del Nikkei 225

Il Nikkei prende il nome dal quotidiano Nihon Keizai Shimbun (Nikkei) che calcola l’indice su base giornaliera dal 7 settembre 1950. L’indice è stato calcolato retroattivamente al 16 maggio 1949.

Il Nikkei è stato fondato nel periodo in cui il Giappone è stato industrializzato e ricostruito dopo la seconda guerra mondiale.

I principali eventi nella storia del Nikkei 225

Tra il 1985 e il 1990 si è verificata una grave bolla patrimoniale nell’economia giapponese. Durante questo periodo, i prezzi delle azioni e dei valori immobiliari sono triplicati. Quando è scoppiata la bolla, il Nikkei ha perso più del 33% del suo valore in meno di un anno.

Questo calo è continuato fino all’ottobre 2008, quando il Nikkei aveva perso più dell’80% del valore che aveva nel dicembre 1989 quando ha stabilito un importante massimo.

Dopo un lungo periodo di consolidamento laterale durato circa 4 anni, il Nikkei ha registrato una forte ripresa, alimentato dagli stimoli economici della Banca del Giappone e del governo giapponese, e ha guadagnato un impressionante 150% tra giugno 2012 e giugno 2015.

Al momento (04/03/2020), il Nikkei è scambiato a 21.189, che è al di sopra del massimo importante che è stato frenato nel giugno 2015.

Negoziazione del Nikkei 225 1

Una fabbrica altamente meccanizzata in Giappone.

Come scambiare il Nikkei 225

Sebbene ci siano altri modi per negoziare il Nikkei, ci concentreremo solo su come viene fatto sulle piattaforme di trading forex al dettaglio.

Valore pip del Nikkei 225

Un punto indice (1.0) vale 1 yen giapponese. Pertanto, il valore del pip (o valore in punti) di 10 contratti Nikkei è di 10 yen.

Il valore pip di una dimensione di scambio di 10 contratti è sempre 10 yen giapponesi, indipendentemente dal prezzo dell’indice. Questo perché l’indice è quotato in yen.


Un pip è una variazione di prezzo incrementale, con un valore particolare a seconda del mercato in oggetto. È un’unità standard per misurare la fluttuazione di valore di un tasso di cambio.

Tuttavia, il valore del pip in dollari USA dipende dal tasso di cambio USD / JPY. Pertanto, il valore del pip del Nikkei in USD è dinamico. Per calcolare il valore pip di uno scambio di 10 contratti sul Nikkei in USD, dividi semplicemente 10 yen per il tasso di cambio USD / JPY: 10 yen diviso per 111,280 equivale a $ 0,0896. Arrotondiamo questo numero a $ 0,09.

I calcoli del valore pip Nikkei e USD / JPY sono gli stessi. Se desideri saperne di più sul trading della coppia di valute USD / JPY, ecco un link a un articolo dedicato specificamente a questa coppia: Trading della coppia di valute USD / JPY.

Dimensioni del contratto Nikkei 225

Con molti broker forex, il numero minimo di contratti Nikkei che puoi negoziare è 10. Alcuni broker hanno un numero massimo di contratti per operazione, come ad esempio 1000. Di solito puoi scambiare solo incrementi di 10 contratti.

Il valore nozionale di 10 contratti Nikkei è dieci volte il prezzo corrente dell’indice. Il prezzo attuale è di 19.680 yen giapponesi, quindi il valore nozionale di 10 contratti è di 196.800 yen.

Per calcolare il valore nozionale in dollari USA, dividi semplicemente 196.800 per l’attuale tasso di cambio USD / JPY di 111,280 per ottenere un importo di $ 1768,51.

Fortunatamente, non hai bisogno di $ 1768,51 per acquistare o vendere 10 contratti Nikkei. Dovresti essere in grado di fare trading con una leva di almeno 1: 100, il che significa che dovrai investire una piccola quantità inferiore a $ 18.

Uno dei miei broker ha una dimensione minima di negoziazione di 100 contratti sul Nikkei. Offrono una leva di 1: 200, il che significa che hai bisogno di circa $ 88,50 per aprire una posizione di 100 contratti.

Ovviamente, è necessaria un’equità aggiuntiva per mantenere la posizione una volta aperta perché qualsiasi perdita fluttuante deve essere supportata da un margine libero (disponibile).

Calcolo di profitti e perdite

Qui a FX Leaders, facciamo il possibile per offrire ai trader i migliori segnali forex possibili. Solo nel 2019, abbiamo raccolto i fenomenali 2.118 pips!

Abbiamo recentemente aggiunto alcuni strumenti finanziari davvero interessanti al nostro programma di segnali che includono oro, petrolio greggio e un potente indice azionario: il Nikkei 225.

Non vedo l’ora di vedere i dati dei segnali Nikkei dei primi 6 mesi, poiché questo strumento volatile ha un grande potenziale per aumentare il numero di pip che produciamo. Diamo un’occhiata a come calcolare i profitti realizzati sui segnali di trading Nikkei, con un semplice esempio:

Calcoliamo quanto guadagneresti se acquistassi 160 contratti Nikkei a 19.500 e raggiungessi un obiettivo di profitto di 80 punti / pip a 19.580. Supponiamo che il tasso di cambio USD / JPY rimanga vicino a 111,111 per la durata del commercio. Supponiamo inoltre che la valuta di base del tuo conto di trading sia il dollaro USA.

Il valore del pip è $ 0,09 perché il tasso di cambio USD / JPY è 111,111. Questo è il valore del pip di una dimensione di posizione di 10 contratti.

La dimensione del trade che stiamo osservando è di 160 contratti. Pertanto, il valore del pip su questa operazione è 16 X $ 0,09 = $ 1,44. Basta moltiplicarlo per 80 pips e otterrai un importo di $ 115,20.

Strumenti correlati al Nikkei 225

Valute correlate

Lo yen giapponese ha una forte correlazione inversa al Nikkei 225. Pertanto, l’USD / JPY è positivamente correlato al Nikkei, con una correlazione di un anno di 0,89. Lo yen di solito colpisce il Nikkei.

La ragione di questa causa è che uno yen più debole aiuta le esportazioni giapponesi. Ad esempio, i prezzi delle azioni delle principali case automobilistiche giapponesi tendono a salire quando lo yen si indebolisce. Ci sono diverse grandi aziende automobilistiche quotate al Nikkei.

Negoziazione del Nikkei 225 2

Una Toyota FJ Cruiser.

Molte società quotate al Nikkei 225 sono grandi esportatori di beni manufatti come diversi tipi di macchinari e veicoli. Uno yen debole tende ad aumentare enormemente la redditività di queste società.

Sebbene lo yen di solito influenzi il Nikkei, quest’ultimo può anche avere un effetto sullo yen, ovviamente. O forse dovrei piuttosto dire che il Nikkei insieme agli altri principali indici azionari di riferimento possono influenzare lo yen giapponese.

Vedete, lo yen è una valuta rifugio sicuro che tende ad apprezzarsi quando gli investitori si spaventano e riducono la loro esposizione ad attività più rischiose come le azioni.

Questo, e il fatto che lo yen è un’importante valuta di finanziamento, spesso fa sì che i fondi tornino dalle azioni allo yen che è stato utilizzato per acquistare queste azioni in primo luogo..

Vedete, il costo del prestito in yen è esiguo a causa del suo tasso di interesse estremamente basso. Pertanto, può essere molto redditizio utilizzare lo yen per acquistare attività più rischiose con un rendimento più elevato.

Il “problema” è che, quando gli investitori riducono la loro esposizione a queste attività rischiose, i fondi devono essere rimpatriati nello yen giapponese. Ciò può causare il calo del Nikkei e di altri indici mentre lo yen giapponese sale simultaneamente.

Il Nikkei è correlato positivamente a tutte le coppie di valute giapponesi in una certa misura.

Indici azionari correlati

L’indice più importante da tenere d’occhio quando si negozia il Nikkei è probabilmente l’indice Dow Jones Industrial degli Stati Uniti.

Se il Dow si comporta bene in un determinato giorno, il Nikkei tende a seguire l’esempio il giorno successivo. Al contrario, una brutta giornata per il Dow spesso significa che il Nikkei potrebbe essere scambiato al ribasso il giorno successivo, specialmente all’inizio della giornata lavorativa giapponese.

Negoziazione del Nikkei 225 3

Una fabbrica nella regione industriale giapponese di Keihin.

Vedete, l’economia giapponese si basa principalmente sulle esportazioni e la maggior parte di queste esportazioni va negli Stati Uniti. Pertanto, il mondo degli affari giapponese è influenzato direttamente dallo stato dell’economia americana.

Di conseguenza, il Nikkei è altamente correlato al Dow (0,93) e ad altri indici azionari statunitensi come l’S&P500 (0,90) e Nasdaq (0,84). I numeri tra parentesi sono le correlazioni di un anno con il Nikkei 225.

Il Nikkei 225 è correlato positivamente alla maggior parte dei principali indici azionari di riferimento globali. Alcuni altri esempi includono il tedesco Dax (0,92), l’Australia 200 e il francese CAC 40 (0,90).

Grandi eventi che hanno un impatto sul Nikkei 225

Tra i tanti eventi economici e politici che influenzano il Nikkei, ce ne sono alcuni che possono causare una sostanziale volatilità in questo indice azionario.

1. Politica monetaria – Azioni e commenti della Banca del Giappone e della Federal Reserve

La politica monetaria è sicuramente uno dei driver più importanti del Nikkei. La Banca del Giappone (BOJ) è responsabile della politica monetaria giapponese e fa rispettare le politiche economiche del governo giapponese.

Allo stesso modo, la Federal Reserve degli Stati Uniti governa la politica monetaria negli Stati Uniti.

Le azioni intraprese dalla Banca del Giappone per mantenere la stabilità del sistema finanziario del proprio paese possono causare movimenti violenti nel Nikkei, come ad esempio l’effetto positivo che l’allentamento quantitativo ha avuto su questo indice azionario negli ultimi anni.

Come ho già detto, l’economia giapponese dipende in gran parte dall’economia degli Stati Uniti. Pertanto, anche la Federal Reserve degli Stati Uniti (FED) gioca un ruolo importante nel prezzo del Nikkei.

Ad esempio, le azioni intraprese dalla FED per stringere le redini economiche, come un aumento dei tassi di interesse, possono rafforzare il dollaro USA. Di conseguenza, l’USD / JPY potrebbe salire al rialzo, il che di solito è positivo per gli esportatori giapponesi e, naturalmente, per il Nikkei.

2. Principali eventi politici

I principali eventi politici possono causare enormi mosse nel Nikkei. Le elezioni presidenziali statunitensi in cui Donald Trump ha ottenuto la vittoria ne sono un esempio. L’effetto di queste elezioni si è tradotto in una massiccia candela giornaliera sul Nikkei, con un range di 1300 punti.

Ovviamente, il voto sulla Brexit a giugno 2016 ha anche causato una grande volatilità nel Nikkei che ha stampato una candela ribassista di quasi 1700 punti, in calo con altri indici di riferimento globali.

3. Disastri naturali

I terremoti si verificano frequentemente in e vicino al Giappone. Il Nikkei non reagisce bene ai disastri naturali che danneggiano le industrie e le infrastrutture del paese.

4. Indicatori economici

Gli indicatori economici vengono utilizzati per analizzare il rendimento dell’economia di un paese e per prevedere la crescita economica futura. Esistono tre categorie principali di indicatori economici, ovvero indicatori anticipatori, ritardati e coincidenti.

Indicatori come i numeri del PIL (prodotto interno lordo), i numeri dell’IPC (indice dei prezzi al consumo), le decisioni sui tassi di interesse, il tasso di disoccupazione, la crescita dei salari, la produzione industriale e i numeri delle vendite al dettaglio, vengono regolarmente pubblicati sia negli Stati Uniti che in Giappone..

Sebbene questi non siano gli unici indicatori economici importanti, hanno un grande potenziale per spostare il Nikkei e i mercati azionari statunitensi; in particolare le decisioni sui tassi di interesse, i numeri del PIL e dell’IPC e i dati del mercato del lavoro (come i numeri sui libri paga non agricoli degli Stati Uniti, il tasso di disoccupazione, ecc.).

Le notizie economiche provenienti sia dal Giappone che dagli Stati Uniti possono spostare considerevolmente il Nikkei.

Il Nikkei è considerato uno degli indici azionari di riferimento più volatili. Tienilo a mente quando lo scambi!

Segnali Forex e preziose informazioni di trading

Se stai cercando una svolta nella tua carriera di trading, vorrei invitarti a visitare la nostra pagina dei segnali forex oggi.

Ma non è tutto. Abbiamo anche una straordinaria libreria di strategie di trading forex, oltre a una moltitudine di articoli relativi al trading forex, consigli sui broker e, naturalmente, il nostro corso di trading forex.

Che cosa state aspettando? Unisciti subito alla community di FX Leaders!

Grazie per aver visitato il sito web di FX Leaders. Buona fortuna con il tuo trading!

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map