Gli scambi di Bitcoin più sicuri da utilizzare nel 2020

Bitcoin è spesso pubblicizzato come uno dei modi più sicuri per condurre affari online. Questo è per lo più vero poiché la criptovaluta è costruita su una rete decentralizzata con accesso pubblico ai record delle transazioni. 

Ma lo stesso non si può dire per tutti i luoghi in cui acquisti e vendi Bitcoin. In effetti, alcuni scambi di criptovaluta hanno caduto preda degli hacker negli anni. 

Potresti ricordare l’exchange giapponese di Bitcoin Mt. Gox. È stato lanciato nel 2010 ed è diventato il più grande scambio al mondo l’anno successivo nel 2011. Quello è stato anche l’anno degli hacker fatto via con 2.609 BTC a scapito dei suoi utenti. Da allora gli hacker hanno colpito diversi scambi di Bitcoin ogni anno. 

Allora, dove è sicuro acquistare e vendere Bitcoin? Continuate a leggere per scoprirlo. 

Cosa rende uno scambio di criptovaluta vulnerabile all’hacking? 

Prima di entrare in scambi di Bitcoin specifici, è utile vedere perché alcuni scambi sono sicuri e altri no. Ecco cinque dei motivi più comuni per cui gli hacker hanno successo. 

  1. Perdite di dati 

Le credenziali di accesso sono fondamentali per accedendo a tutti i Bitcoin in uno scambio. Se un dipendente memorizza queste informazioni su un personal computer, è molto probabile che gli hacker possano metterci le mani sopra. 

  1. Lavori da insider 

Anche gli hacker possono collaborare con qualcuno chi lavora in una borsa per ottenere l’accesso. In questo modo, forniranno semplicemente le credenziali di accesso agli hacker in cambio di una quota del Bitcoin rubato. 

  1. Malware 

Il malware è un software dannoso travestito da qualcosa di benigno. Se un dipendente lo installa accidentalmente su un computer di scambio, gli hacker possono facilmente accedere al Bitcoin. 

  1. Phishing 

Probabilmente riconosci il phishing dalla tua casella di posta elettronica. Gli hacker non hanno bisogno di violare nulla se possono convincere semplicemente un dipendente per consegnare il Bitcoin con un’e-mail. 

  1. Sicurezza del portafoglio 

La maggior parte degli scambi ha “portafogli caldi” in cui i trader conservano i propri Bitcoin. Se questi portafogli non sono adeguatamente protetti, gli hacker possono farlo utilizzare vari metodi per rubare il Bitcoin in essi contenuto. 

Ecco gli scambi di criptovaluta più sicuri nel 2020 

Ora che sai perché alcuni scambi di Bitcoin vengono violati mentre altri no, è il momento di guardare le tue migliori scommesse. Abbiamo selezionato a mano gli scambi più sicuri da utilizzare proprio qui: dai un’occhiata. 

  1. Coinbase 

Coinbase ha sede negli Stati Uniti ed è uno degli exchange di Bitcoin più conosciuti al mondo. Non sono mai stati hackerati fino ad oggi, sebbene siano stati certamente effettuati tentativi di hacking. 


Perché è sicuro da usare: Coinbase è molto diffidente nei confronti degli hacker, incluso il phishing. Leggi il loro post sul blog del 2019 dove spiegano come il loro protocollo di sicurezza è stato rilevato e bloccato un attacco. 

  1. Kraken 

Kraken è un altro popolare scambio di Bitcoin americano che non è stato violato. A partire dal 2011, hanno trascorso due anni di rigorosi beta test prima ancora di aprire le porte al trading. 

Perché è sicuro da usare: Kraken è lento e non aggiunge nuova criptovaluta al loro portafoglio di trading fino a quando non sono sicuri che sia sicuro. Ciò significa che a volte sono in ritardo, ma rimangono al sicuro. 

  1. NordikCoin 

NordikCoin è un nuovo scambio Bitcoin europeo avviato da un team di avvocati, revisori dei conti e tecnologi. La vasta esperienza del team significa che lo scambio impiega le più recenti misure di sicurezza. La maggior parte dei fondi viene archiviata in portafogli multi-firma di celle frigorifere, evitando un singolo punto di errore e rendendo sostanzialmente più difficile la compromissione dello scambio. Inoltre, NordikCoin impiega una vasta gamma di procedure antiriciclaggio e Know-Your-Customer (KYC) per garantire un onboarding rapido e sicuro dei clienti. 

Un esempio di ciò è l’uso innovativo di NordikCoin di soluzioni di ID elettronico ufficiali come BankID, NemID e MobileID per accedere e registrarsi. Ciò consente a NordikCoin di eseguire controlli KYC obbligatori sui nuovi clienti, riducendo i tempi di registrazione e verifica a pochi minuti, se non secondi. 

Perché è sicuro da usare: NordikCoin è uno dei primi scambi di criptovaluta al mondo che offre verifica avanzata dell’ID e protegge i Bitcoin dei loro utenti con celle frigorifere multi-firma. 

  1. Nash 

Nash è un altro nuovo scambio di criptovaluta che impiega nuove misure di sicurezza per proteggere i suoi utenti. Sebbene si siano concentrati principalmente su Ethereum, hanno recentemente adottato Bitcoin. 

Perché è sicuro da usare: Nash elimina la necessità di terze parti Conservazione del tuo Bitcoin. È un sistema simile alla tecnologia Smart Contract che potresti riconoscere da Ethereum. 

  1. Gemelli 

Gemelli è stato avviato dai gemelli Winklevoss, famosi per aver vinto una causa da 65 milioni di dollari contro Mark Zuckerberg. Hanno anche trasformato un investimento di 11 milioni di dollari in Bitcoin in profitti del valore di 1 miliardo di dollari. 

Perché è sicuro da usare: Gemini non è mai stato violato ed è lodato come uno degli scambi di criptovaluta più sicuri: ecco perché assicurato il primo regolamento di futures su Bitcoin

Suggerimenti per rimanere al sicuro quando si utilizzano scambi di Bitcoin 

Sai come quali scambi di Bitcoin non sono stati hackerati e perché è improbabile che non lo saranno mai. Detto questo, è comunque una buona idea stare al sicuro, quindi ecco alcuni suggerimenti che puoi utilizzare. 

  1. Attenzione al phishing 

Gli scambi di bitcoin non sono le uniche vittime di tentativi di phishing. Assicurati di cercare il mittente di eventuali e-mail sospette che sembrano troppo belle per essere vere. 

  1. Proteggi il tuo dispositivo 

Sia che utilizzi un computer desktop, uno smartphone o un tablet, assicurati di aver installato la giusta protezione anti-malware e antivirus. In questo modo, puoi ridurre il rischio di attacchi di hacking. 

  1. Diffondi i tuoi depositi di Bitcoin 

Riceverai un portafoglio Bitcoin quando crei un account su uno scambio. Ma non conservare tutti i tuoi fondi in un unico posto. Distribuiscili in modo da non perdere tutto in caso di attacco. 

  1. Usa l’autenticazione a due fattori 

Poiché le credenziali di accesso possono essere trapelate o rubate, è importante autenticare i dettagli di accesso con un passaggio aggiuntivo. Usa messaggi di testo o e-mail con autenticazione a due fattori per restare al sicuro. 

  1. Usa password difficili 

Non usare la tua data di nascita, il nome da nubile di tua madre o qualsiasi altra cosa che un hacker possa facilmente capire. Ricorda che hanno programmi in grado di indovinare un milione di probabili password in pochi secondi. 

Trova oggi uno scambio sicuro di criptovaluta 

Si spera che ora tu sappia cosa cercare in modo da poter scegliere gli scambi di Bitcoin più sicuri da utilizzare nel 2020. 

Ricapitoliamo rapidamente ciò di cui abbiamo parlato. 

Ricorda che gli scambi sono vulnerabili se non adottano misure per evitare fughe di dati, lavori interni, malware, phishing e attacchi di sicurezza del portafoglio. 

Puoi stare al sicuro usando gli scambi di Bitcoin come Coinbase, Kraken, NordikCoin, Nash e Gemini. 

Ma dovresti anche proteggerti facendo attenzione alle e-mail, proteggendo il tuo dispositivo, mantenendo il tuo Bitcoin in diversi posti e utilizzando l’autenticazione a due fattori e password difficili. 

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Adblock
detector