Previsione del prezzo dell’euro per la seconda metà del 2020: il ritracciamento per la coppia EUR / USD sembra essere terminato a 1,20

L’euro ha avuto una tendenza ribassista rispetto al dollaro USA dal 2008 e molti analisti hanno previsto la parità per la coppia EUR / USD, a 1: 1 o inferiore, molte volte dal 2015, quando questa coppia era diretta, come l’USD stava aumentando, mentre i problemi nell’UE erano / non finiscono mai. Tuttavia, questa coppia ha resistito alla parità, da quando è salita da un rapporto inferiore a 1: 1 nei primi due anni dopo l’introduzione dell’euro, nel 2001-2002. Dopo la debolezza del 2014-16, abbiamo assistito a un rimbalzo da 1,03, che ha portato il prezzo a un rialzo di oltre 20 centesimi nel corso del 2017. Ma il trend ribassista è ripreso di nuovo, fino all’inizio di quest’anno, quando si è invertito nuovamente da 1,0650, dopo averne formato alcuni candele di inversione rialzista sul grafico mensile. La situazione del coronavirus ha contribuito a migliorare il sentiment che circonda l’euro, ma sia i fondamentali che l’analisi tecnica indicano presto un’inversione ribassista in questa coppia, dal momento che non è riuscita a rimanere sopra 1,20 ad agosto. Invece, la coppia EUR / USD si è invertita abbastanza rapidamente da lì, il che suggerisce una forte pressione di vendita lassù, e non sarei sorpreso, dal momento che Europa e Stati Uniti stanno divergendo fondamentalmente, anche se daremo uno sguardo più approfondito a tutti i fattori che influenzano questa coppia. in questa previsione EUR / USD.

Leggi l’ultimo aggiornamento su Previsioni per il prezzo EUR / USD 2021

 

attuale EUR / USD Prezzo: $

Cambiamenti recenti nel prezzo EUR / USD

Periodo Modifica ($) Modificare %
30 giorni +$ 0,008 +0,6%
6 mesi +$ 0,104 +8,8%
1 anno +$ 0,085 +7,2%
5 anni $ 0,043 3,6%
Dal 2000 +$ 0,184 +15,5%

EUR / USD

L’euro è stata un’impresa coraggiosa da parte dell’UE sin dall’inizio, e all’inizio è andata a valle contro il dollaro, con la coppia EUR / USD che è scesa a livelli da 0,82 a 0,83, ma con il passare del decennio, l’euro ha guadagnato fiducia e EUR / L’USD è stato rialzista fino al 2008, raggiungendo 1,60, anche a causa del calo dell’indice USD. Ma la crisi del 2008 ha messo in luce le debolezze dell’Eurozona, con la crisi del debito greco, il debito italiano e successivamente gli eventi politici nel paese, seguiti dalla Brexit e ora dalle ricadute del Covid-19. L’euro è sopravvissuto bene alla crisi greca, ma ci sono ancora altri problemi che danneggeranno l’euro, soprattutto se l’Italia si dirige verso uno scenario Brexit, che sarebbe dannoso per l’euro. È vero che la coppia EUR / USD ha beneficiato durante i mesi COVID, ma i guadagni sono stati in gran parte a scapito dell’USD, e ora la situazione sta cambiando, il che significa che il recente pullback a 1,20 dovrebbe essere finito e il trend ribassista più ampio è probabilmente riprenderà presto.    

Previsioni EUR / USD Q4 2020: 1.14-1.15 Previsione EUR / USD 1 anno: 1.06-1.07 Previsione EUR / USD 3 anni: 1: 1?
Driver di prezzo: Restrizioni Covid-19 in Europa, dati tecnici, correlazione USDX Driver di prezzo: Ripresa economica dell’UE, Brexit, dopo le elezioni statunitensi, sentimento del mercato Driver di prezzo: Fondamenti, Politica in Europa, USD

La previsione del prezzo EUR / USD per i prossimi 5 anni

La situazione del Covid-19 è stata positiva per l’EUR / USD, principalmente a causa del calo dell’USD, ma ora sta volgendo al termine, come mostra l’analisi tecnica qui sotto, nelle previsioni EUR / USD. Secondo l’analisi tecnica, questa coppia si dirigerà verso l’1,15 e probabilmente l’1,10 entro la fine del 2020 o l’inizio del 2021, e anche l’analisi fondamentale supporta questo scenario. Le probabilità di una Brexit di successo diminuiscono ogni giorno che passa, mentre ci avviciniamo alla scadenza di fine anno, la situazione italiana rimane un problema che morderà molto presto, mandando a rotoli l’euro. Anche la ripresa economica dalla chiusura si sta raffreddando rapidamente, quindi il futuro non sembra troppo roseo per l’euro.   

Questa è la fine della spinta COVID-19 per la coppia EUR / USD?                      

La coppia EUR / USD ha reagito abbastanza bene alla diffusione del coronavirus in Europa. La pandemia è esplosa prima in Italia, e subito dopo, in Spagna, verso la fine di febbraio, e l’euro è diventato rialzista anziché ribassista. Ciò è durato fino al 10 marzo, nonostante il virus si fosse diffuso in tutta Europa e i paesi iniziassero a bloccarsi uno dopo l’altro. La situazione in Europa sembrava davvero brutta, con l’UE che ha lasciato i paesi più colpiti a badare a se stessi nel momento peggiore, ma la coppia EUR / USD è aumentata fino a 1,15, tuttavia. Tuttavia, il virus si è diffuso in tutto il mondo e il panico si è diffuso, con i trader che si sono rivolti all’USD come valuta di riserva globale. Questa è stata la ragione per l’inversione della coppia EUR / USD da 1,15 il 10 marzo, che è durata fino al 20 marzo, quando i trader si sono resi conto che il mondo non sarebbe finito e il mercato si è rivolto totalmente contro il dollaro, poiché l’USD enormemente lungo gli ordini si stavano allentando dal panico iniziale, e poi il sentiment è diventato fortemente ribassista per l’USD, e quindi rialzista per la EUR / USD, che è salita brevemente sopra 1,20, fino al 1 settembre. Anche l’euro ha avuto un ruolo da svolgere in questa tendenza rialzista , con l’UE che ha introdotto una serie di programmi per aiutare l’economia della zona euro, per un importo di 2.364,3 miliardi di euro. Oltre ai 540 miliardi di EUR per occupazione / lavoratori, imprese e Stati membri, il 21 luglio i leader dell’UE hanno concordato un altro pacchetto per un importo di 1.824,3 miliardi di EUR, che combina il quadro finanziario pluriennale (QFP) e uno sforzo di ripresa straordinario, Next Generazione UE (NGEU). L’obiettivo del pacchetto è aiutare a ricostruire l’UE dopo la pandemia COVID-19 e sosterrà gli investimenti nelle transizioni verdi e digitali, ma d’altra parte tutti i paesi hanno introdotto anche misure straordinarie.

 

Fondamenti e BCE

All’inizio la Banca centrale europea (Bce) è stata colta impreparata, quando è scoppiata la pandemia di coronavirus. Ma hanno agito rapidamente, con il pacchetto iniziale di 750 miliardi di euro, che è stato portato a 1.350 miliardi di euro, come programma di acquisto di emergenza pandemico (PEPP). Mira a ridurre i costi di finanziamento e ad aumentare i prestiti nell’area dell’euro. Questo programma della BCE mira ad aiutare i cittadini, le imprese e i governi europei ad accedere ai fondi di cui potrebbero aver bisogno in questi tempi difficili. Il programma PEPP si aggiunge ai programmi di acquisto di asset che erano in vigore in precedenza. Anche i tassi della BCE sono ai minimi storici, con tassi di rifinanziamento allo 0,0%, tassi sui depositi a -0,50% e strumenti di prestito marginale allo 0,25%. Hanno promesso di intraprendere ulteriori misure di allentamento monetario in futuro, se l’economia della zona euro si indebolisce ulteriormente o cade di nuovo in contrazione. Tuttavia, dipende da come va la situazione in Europa, in termini di virus e politica. L’economia della zona euro ha iniziato a rimbalzare bene inizialmente, poiché il sentiment è migliorato dopo la riapertura, il che ha aiutato la coppia EUR / USD. Ma il rimbalzo non è stato forte come il calo, quindi non c’è stata una ripresa a forma di V e nelle ultime settimane i dati hanno mostrato che il rimbalzo è rallentato, con alcuni settori rimasti in contrazione. Se ci sono più restrizioni sul coronavirus a causa di una seconda ondata, come è stato suggerito, i programmi economici dell’UE e della BCE non aiuteranno la situazione.  

 


Brexit e altre questioni politiche nell’UE

La Brexit è ormai una vecchia storia, anche se non è ancora finita. Il Regno Unito è ancora in fase di negoziazione con l’UE, prima di lasciare il blocco. Mentre era in carica, Theresa May non è riuscita a ottenere un accordo sulla Brexit approvato dal parlamento britannico, mentre Boris Johnson è riuscito nel secondo tentativo, dopo aver affrontato la questione del confine irlandese. Ma un accordo sulla Brexit non significa nulla senza un accordo commerciale tra l’UE e il Regno Unito. Entrambe le parti stanno ancora negoziando per un accordo commerciale, ma con il coronavirus e il crollo economico dei blocchi al centro della scena, la Brexit è stata nell’ombra. I segnali non sono molto positivi, quindi le probabilità di un accordo commerciale sono intorno al 50-50. Se non raggiungono un accordo, l’accordo Brexit porta il Regno Unito fuori dall’UE senza alcun accordo, il che significa tariffe da entrambe le parti. Sebbene questo non sarà così dannoso per l’economia della zona euro come lo sarà per il Regno Unito, uno scenario del genere sarebbe sicuramente negativo per l’euro. Oltre a ciò, l’intera situazione del coronavirus non è favorevole alla politica dell’UE. Le proteste sono scoppiate nei principali paesi europei e molti vecchi incarichi politici saranno sostituiti da nuovi politici. Mateo Salvini rappresenta una minaccia per l’euro se tornerà al potere in Italia, il che è molto probabile. Nemmeno lui è molto affezionato all’UE, ed è stato formato un partito Ital-exit, simile alla Brexit nel Regno Unito, che probabilmente si schiererà con Salvini alle prossime elezioni. Questo è tutto negativo per l’euro, quindi non vedo eventi positivi per l’euro dalla scena politica europea.   

EXY – Correlazione EUR / USD

Guardando il grafico EXY dell’indice Euro, sin dal suo inizio, intorno al 2007, sembra abbastanza simile al grafico EUR / USD. Ciò è anche in parte dovuto al fatto che l’USD rappresenta una parte importante del peso nel paniere delle valute in cui viene pesato l’euro. Durante gli anni 2000, l’indice EXY era su un trend rialzista, così come l’EUR / USD. Ma si è invertito appena sopra i 160 punti durante la crisi finanziaria del 2008. L’EXY è stato molto volatile, registrando alcuni cali importanti, seguiti da rapide inversioni al rialzo. Nel 2014, l’abbiamo visto crollare al ribasso, dopo che il precedente presidente della Bce, Mario Draghi, aveva detto che avrebbero fatto tutto il necessario per aiutare l’economia dell’Eurozona. Questo indice è sceso al di sotto delle medie mobili e da allora è rimasto lì. Il 100 SMA, in particolare, si è trasformato nel supporto definitivo per l’EXY nella tabella temporale mensile. Questa media mobile ha fornito resistenza all’inizio del 2018, dopo il pullback dai minimi, e sembra che stia fornendo resistenza anche in questo momento. Lo approfondiremo ulteriormente nella sezione tecnica di seguito. L’indice DXY d’altra parte, nonostante sia correlato negativamente, non è così azzeccato con l’EUR / USD come l’EXY. Il 100 SMA sta fornendo supporto per il DXY ora, ma il prezzo si è invertito al rialzo nel 2018. Quindi, l’indice USD non è strettamente correlato all’EUR / USD come all’Euro, ma vale comunque la pena guardare se si fa trading la coppia EUR / USD a lungo termine.    

L'indice Euro continua la tendenza al ribasso

L’indice Euro continua la tendenza al ribasso

Il 100 SMA non ha agito in precedenza come supporto per l'indice USD

La 100 SMA non ha agito in precedenza come supporto per l’indice USD

Analisi tecnica – La 100 SMA sta ribaltando nuovamente la coppia EUR / USD

Il precursore dell’Euro, prima che fosse introdotto, era l’ECU; questo è il motivo per cui la storia del grafico risale al 2000. L’ECU era in una tendenza ribassista dal 1995, quindi l’euro ha iniziato la sua vita con il piede posteriore a 1,00, ed è sceso ulteriormente fino a gennaio 2003, quando ha fatto la grande inversione a 0,82 – 0,83. Gli acquirenti si sono imbattuti nel 50 SMA (giallo) sul grafico mensile, che si è trasformato da resistenza in supporto, alla fine è stato rotto e la coppia EUR / USD si era spinta più in alto, a 1,60, entro il 2008. Durante il trend rialzista, le medie mobili si sono trasformate in supporto, con prima il 100 SMA (verde) e poi il 50 SMA che prende il suo posto, mentre il trend aumenta.

La coppia EUR / USD dovrebbe riprendere la sua tendenza ribassista subito dopo aver fallito a 100 SMA

Ma la crisi finanziaria del 2008 ha invertito questa coppia al ribasso, facendo precipitare l’euro contro il dollaro, come è avvenuto con la maggior parte delle valute a rischio. Il 50 SMA è stato infranto, segno che le medie mobili avevano perso importanza, poiché sia ​​il supporto che il trend stavano cambiando. Il 200 SMA (grigio) è stato mantenuto come supporto un paio di volte, una nel 2010 e una nel 2012, ma alla fine è stato infranto quando l’USD è progredito verso l’alto e quelle medie mobili si sono trasformate in supporto. Una base formata a 1.0330 e la coppia EUR / USD si è invertita al rialzo, ma si è rivelato solo un ritracciamento, che si è concluso a 1.2550, dove i 100 e 200 SMA hanno fornito resistenza. I venditori si sono arresi e il prezzo è tornato al ribasso, con il 50 SMA che ha spinto il prezzo verso il basso mentre scendeva. Tuttavia, dopo i mesi di blocco e alcune candele di inversione, come doji e martelli, la situazione è migliorata per questa coppia e da allora è stata rialzista. Il 50 SMA è stato rotto, ma il 100 SMA è in piedi come resistenza, nonostante il prezzo si sia spostato al di sopra di esso per un po ‘di tempo. Ora sembra che questo sarà un altro ritracciamento che sta volgendo al termine e gli acquirenti stanno mostrando una grande debolezza al momento, poiché il prezzo si è invertito abbastanza rapidamente da sopra 1,20. Ma suppongo che 1,20 fosse l’obiettivo per gli acquirenti. Il livello grande era ovviamente perforato, il che sembrava essere quello di smettere di caccia, che di solito è il caso di questi livelli grandi. Sebbene, come accennato, l’inversione sia stata rapida, il che indica una più ampia inversione ribassista a 1,15 prima dopo che il supporto a 1,17 è stato rotto, poi a 1,10 e forse inferiore, se c’è un chiaro vincitore nelle elezioni statunitensi.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Adblock
detector