Previsione del prezzo del greggio Brent per la seconda metà del 2020: rialzo limitato per il petrolio greggio nel 2020

Il petrolio greggio è stato un buon investimento, poiché continua a offrire molte opportunità di trading a lungo e breve termine. Nel 2008 abbiamo visto un massimo di $ 147 sia nel greggio WTI statunitense che nel petrolio greggio Brent britannico, il che significava che la domanda era sempre ai massimi, ma non è durata troppo a lungo, poiché la crisi del 2008 ha colpito i mercati e il petrolio greggio si è schiantato più in basso. Gli acquirenti hanno cercato di recuperare le perdite negli anni successivi, ma dal 2012 il Brent Oil del Regno Unito ha registrato una tendenza al ribasso. Tuttavia, le opportunità di trading sono state numerose in entrambe le direzioni. La rottura del coronavirus ha portato il greggio WTI degli Stati Uniti ai minimi storici a -37,50 $, ma il petrolio greggio del Regno Unito si è mantenuto sopra il livello del watermark e ora sta tornando indietro. Sebbene, dopo un tale aumento dalla metà di marzo, il rialzo abbia perso slancio e ulteriori guadagni sono in discussione ora, poiché il rimbalzo economico rallenta, mentre i nuovi casi di coronavirus continuano ad arrivare e l’allarme mediatico sta smorzando il sentimento nei mercati finanziari. In questo articolo, daremo uno sguardo ai possibili scenari e fattori che potrebbero influenzare il petrolio greggio nei prossimi mesi.

Cambiamenti recenti nel prezzo dell’oro

Periodo Modifica ($) Modificare %
30 giorni +$ 2,23 +4,9%
6 mesi $ 14,52 24,2%
1 anno $ 16,34 26,3%
5 anni $ 3,64 7,4%
Dal 2000 +17.04 +60,8%

Il petrolio greggio Brent del Regno Unito era piuttosto piatto negli anni ’90, a parte il 1990, quando aumentò con il crollo del GBP. Gli anni 2000 sono stati molto rialzisti per il petrolio greggio, con il petrolio greggio statunitense e britannico che hanno raggiunto circa $ 147, ma l’ultimo decennio è stato ribassista per il petrolio greggio. Il rafforzamento dell’USD ha avuto un certo impatto sul calo dei prezzi del petrolio, in particolare nel 2014-15, ma questo è stato un fattore secondario, quindi il calo dei prezzi del petrolio mentre l’economia globale si stava riprendendo durante l’ultimo decennio, con la domanda di energia in costante aumento, non è una buona notizia per il petrolio a lungo termine. Almeno il greggio Brent è sopravvissuto al crollo nei primi tre mesi del 2020 senza scendere sotto i $ 0 / barile e ora sta salendo più in alto. Tuttavia, la salita ha anche a che fare con l’indebolimento dell’USD durante questo periodo, mentre i guadagni si sono ridotti al minimo dall’inizio di giugno, il che mostra l’esaurimento degli acquirenti, quindi il rialzo sembra limitato ora, fino alla fine del 2020.

Previsioni petrolio Brent: Q4 2020 Previsioni petrolio Brent: 1 anno Previsioni petrolio Brent: 3 anni
Prezzo: $ 43- $ 47

Driver di prezzo: Rimbalzo economico, correlazione con l’USD, sentimento del mercato

Prezzo: $ 60- $ 65

Driver di prezzo: Dopo le elezioni statunitensi, correlazione con l’USD, ripresa economica globale

Prezzo: $ 50- $ 60

Driver di prezzo: Economia globale, aumento della domanda, aumento dell’offerta

Previsione del prezzo del petrolio Brent per i prossimi 3 anni

Quando si analizza il petrolio greggio, sia Brent che WTI, dobbiamo tenere conto di una serie di fattori, poiché il petrolio è la merce di rischio finale e quindi la sua azione sui prezzi è vulnerabile a molti fattori internazionali. Il petrolio è l’opposto dell’oro, che è l’ultimo rifugio sicuro, quindi entrambi sono influenzati dagli stessi eventi, solo che l’azione dei prezzi è correlata negativamente. Uno di questi fattori è il prezzo dell’USD, che ha influenzato i prezzi del petrolio dal 2014 al 2015, anche il sentiment di rischio è un fattore importante, poiché le materie prime sono molto vulnerabili al sentiment nei mercati finanziari, a parte domanda e offerta, che sono decisi dal petrolio produttori come l’OPEC da un lato e la performance economica globale dall’altro. Analizzeremo questi fattori nelle sezioni seguenti, anche se finora nel 2020 il mercato del petrolio è stato molto frenetico, ma speriamo che si attenui nei mesi a venire.

Sentimento di rischio e petrolio greggio Brent – Il sentimento rimarrà volatile

Il sentimento sui mercati finanziari è stato per lo più positivo durante gli anni 2010, poiché l’economia globale si stava riprendendo dalla crisi finanziaria del 2008-2009. Ma il sentimento non è stato esattamente positivo per il petrolio greggio. Il Brent Oil del Regno Unito si è ripreso dopo il crollo del 2008, ma l’area intorno ai $ 127- $ 128 ha rifiutato il prezzo due volte, una nel 2011 e una nel 2012. I massimi si sono abbassati negli anni successivi, il che mostra che il sentiment stava diventando negativo. Nel 2014 il petrolio ha subito un crollo e nonostante il rally 2016-2018, la tendenza generale è ribassista. La guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina è stata un fattore importante nel trasformare il petrolio al ribasso dal 2018 fino a quest’anno, quando il petrolio è crollato per una serie di motivi. L’indebolimento dell’economia globale degli ultimi due anni, lo shock del coronavirus, l’impennata dell’USD a marzo, le chiusure, la recessione globale del secondo trimestre di quest’anno, i sauditi che inondano i mercati con il petrolio, l’aumento dell’incertezza, ecc. Hanno tutti aggiunto al negativo sentiment, ma c’è qualche speranza visto che l’economia globale è rimbalzata negli ultimi mesi dopo la riapertura. Detto questo, la maggior parte dei fattori negativi per il sentiment sono ancora validi; si indebolisce la ripresa economica, mentre resta alta l’incertezza, con il coronavirus e le elezioni americane in arrivo a novembre. Quindi, mentre il rimbalzo degli ultimi mesi dovuto alla riapertura è impressionante, non vedo che sia sostenibile. Forse dopo le elezioni, il sentimento potrebbe migliorare ulteriormente, ma nemmeno questo ha aiutato il petrolio nell’ultimo decennio.

Domanda e offerta

Fornitura – Il lato dell’offerta di petrolio greggio non è molto difficile da prevedere o calcolare. Fondamentalmente, il cartello OPEC + decide quali saranno i livelli di produzione. Di solito la produzione è ovviamente adeguata alla domanda, per evitare che i prezzi scendano troppo, con OPEC o OPEC + che tagliano la produzione, come i 9,7 milioni di barili / giorno che abbiamo visto a marzo, o aumentano la produzione. Quando il prezzo del petrolio greggio raggiunge un certo livello, anche i produttori statunitensi di petrolio di scisto aumentano la produzione. Quel livello è di circa $ 50 / barile, che è più o meno il livello di pareggio. La produzione annuale è stata di circa 100 milioni di barili / giorno, ma quest’anno è scesa a 94,22 milioni di barili / giorno, con il calo della domanda.


Richiesta – La domanda è un po ‘più difficile da prevedere, poiché è determinata dall’andamento dell’economia globale e, in una certa misura, dalle aspettative per il futuro. Come mostra il grafico sopra, il consumo, ovvero la domanda, è stato in costante aumento, da circa 95 milioni di bpd a oltre 100 milioni di bpd. Ma quest’anno il consumo è diminuito a causa dei blocchi del coronavirus, scendendo a 93,14 milioni di barili al giorno. Tuttavia, la domanda è aumentata con la riapertura del mondo a giugno, ma l’incertezza rimane alta, quindi gli investitori tratterranno gli investimenti, il che significa che la domanda sarà frenata. Oltre a ciò, i viaggi aerei rimangono molto limitati. Nel suo rapporto mensile attentamente monitorato, l’AIE ha concluso che la riduzione dei viaggi aerei ridurrebbe la domanda di petrolio per il 2020 di 8,1 milioni di barili all’anno al giorno a 91,1 milioni di barili al giorno, segnando un calo di 140.000 barili al giorno rispetto alla sua precedente previsione di un mese fa. . Per il prossimo anno, l’agenzia ha tagliato la sua stima della domanda globale di 240.000 barili al giorno a 97,1 milioni di barili al giorno. Ciò contribuirà ad aumentare un po ‘il prezzo del petrolio greggio l’anno prossimo, ma senza dubbio funzionerà ovunque.

Global Petroleum e altri liquidi

2018

2019

2020

2021

Ponderato in base al consumo di olio.

Valuta estera per dollaro USA.

Fornitura & Consumo (milioni di barili al giorno)
Produzione non OPEC 64.06 65.99 63.61 65.28
Produzione OPEC 36.75 34.65 30.61 34.09
Porzione di petrolio greggio OPEC 31.44 29.27 25.75 29.31
Produzione mondiale totale 100.81 100.64 94.22 99.37
Inventario commerciale OCSE (fine anno) 2.865 2.893 2.859 2.757
Capacità totale di produzione di petrolio greggio in surplus dell’OPEC 1.56 2.52 5.83 2.87
Consumo OCSE 47.82 47.49 42.71 45.72
Consumo non OCSE 52.67 53.75 50.43 54.45
Consumo mondiale totale 100.49 101.25 93.14 100.16

Fonte: EIA

Correlazione XPD / USD

Sebbene il sentiment e il petrolio greggio non siano stati correlati per la maggior parte del tempo dal 2010, ci sono stati momenti in cui la correlazione era forte. Ora vediamo come il prezzo del petrolio brent britannico è correlato al dollaro USA. Guardando il grafico settimanale sia per il DXY che per il petrolio britannico, la correlazione sembra più forte qui, ma è ovviamente negativa, il che significa che quando il dollaro USA sale, il petrolio greggio scende. Il Brent Oil nel Regno Unito veniva scambiato a circa $ 147 nel 2008, ma a marzo di quest’anno è sceso a $ 16. Il DXY d’altra parte era scambiato a 70 punti entro il 2008, mentre ha raggiunto quasi 104 punti anche a marzo 2020. Quindi, mentre la salita non è stata così drammatica come il calo del petrolio greggio, c’è stata comunque una correlazione.

Da marzo la correlazione tra petrolio e indice USD è aumentata

La correlazione non era molto forte durante la crisi del 2008 e le conseguenze, con il dollaro che ha reagito ma non tanto quanto il petrolio greggio, ancora una volta nella direzione opposta. Ma la correlazione è cresciuta con il passare degli anni e dal 2014 la correlazione è stata piuttosto forte. Durante il 2014-15 abbiamo assistito a un forte aumento dell’USD, mentre il petrolio Brent ha subito un forte calo, passando da $ 116 a $ 27. Durante quest’anno anche la correlazione è stata forte, soprattutto da marzo, quando il petrolio è crollato al ribasso mentre il dollaro USA è salito al rialzo. La situazione si è invertita a metà aprile e l’USD è in calo, mentre il Brent Oil è salito più in alto, anche se nelle ultime settimane i guadagni sono stati minimi per il petrolio, mentre il calo si è fermato anche per l’USD, che mostra ancora una volta la correlazione.

Analisi tecnica – L’argento sta per superare l’intervallo di 6 anni?

La tendenza è al ribasso dal 2012

Guardando il grafico mensile del petrolio Brent, vediamo che durante la maggior parte degli anni 2000, gli acquirenti erano in carica, poiché il prezzo è salito da circa $ 50 nel gennaio 2007 a $ 147 nel luglio di quell’anno. La media mobile su 20 mensili (SMA – grigio) ha fornito supporto dal 2014 al 2016. Ma il grande crollo è avvenuto nello stesso anno, quando la crisi finanziaria ha colpito duramente i mercati finanziari, in particolare gli asset di rischio come il petrolio greggio. Il prezzo ha recuperato bene negli anni successivi, raggiungendo $ 127, ma dopo aver fallito durante il secondo tentativo a $ 128 e aver formato una candela doji nel periodo di tempo mensile, che è un segnale ribassista, i minimi hanno iniziato ad abbassarsi, il che significa che la pressione si stava spostando da rialzista a ribassista. Poi si è verificato il secondo crollo, a partire da luglio 2014 e si estende fino a gennaio 2016, quando il greggio Brent è sceso a $ 27. Il Brent Oil ha realizzato un paio di candele a martello a gennaio e febbraio 2016, che sono segnali di inversione rialzisti dopo un calo e l’inversione al rialzo è arrivata. Ciò è durato fino a settembre ottobre 2018, quando il prezzo ha raggiunto i 100 SMA (verde) che ha rifiutato il prezzo. Quella media mobile è stata perforata nell’ottobre di quell’anno, ma non è stata considerata una rottura secondo il libro di testo forex, poiché il prezzo è tornato al di sotto di essa prima che il mese finisse e la candela mensile si chiuse al di sotto del 100 SMA. Quindi, la 100 SMA si è trasformata in resistenza nel 2018, mentre nel 2019 e 2020 la 20 SMA mensile (grigia) ha preso il suo posto, rifiutando il prezzo due volte, seguito da un altro crollo nel primo trimestre di quest’anno, quando il coronavirus ha colpito il mondo . Tuttavia, c’è luce dopo il tunnel, poiché il petrolio greggio è salito più in alto, dopo la candela doji di aprile, che è stato un forte segnale di inversione rialzista. Tuttavia, il ritmo della salita è notevolmente rallentato nelle ultime settimane.

Il trend rialzista ha perso ritmo da giugno

Questo può essere visto meglio sul grafico giornaliero. Qui possiamo vedere che il petrolio Brent ha formato una candela a martello il 22 aprile, seguita da un’inversione rialzista al rialzo, poiché è una candela di inversione rialzista. Il petrolio britannico è salito da $ 16 ad aprile a $ 44,40 all’inizio di giugno, un aumento considerevole, ma da allora i guadagni sono stati estremamente duri e lenti per il petrolio, registrando solo $ 46,20 nella prima settimana di agosto. Durante questo periodo, la SMA 20 è stata un buon indicatore nel supportare il petrolio, ma temo che una volta rotto, potremmo assistere a un declino in seguito.

Linea di fondo

Il petrolio greggio ha avuto una forte tendenza rialzista da aprile a giugno, dopo il crollo dei mesi di blocco. Il sentiment è migliorato con la riapertura del mondo e gli indicatori economici hanno ricominciato a saltare più in alto. Tuttavia, l’ottimismo iniziale di maggio e giugno sembra esaurirsi e il rimbalzo economico globale non sembra troppo forte, il che sta attenuando il sentimento per gli asset rischiosi e le materie prime. Questo può essere mostrato anche dal grafico giornaliero del Brent Oil, dove i guadagni sono stati minimi dall’inizio di giugno. Quindi, vediamo ulteriori guadagni limitati nel petrolio e un’ulteriore correzione al ribasso, probabilmente a $ 30 nelle prossime settimane / mesi, prima di diventare probabilmente rialzista se le elezioni statunitensi e la Brexit andranno senza intoppi. Dopotutto, il petrolio ha seguito un trend ribassista a lungo termine, che non cambia così rapidamente

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Adblock
detector