WTI riesce ad estendere la sua serie di vittorie: enormi supporti per l’estrazione dell’inventario!

Durante la prima sessione di negoziazione asiatica di giovedì, il prezzo del petrolio greggio WTI è riuscito a prolungare il suo rally di recupero del giorno precedente. Il greggio ha ricevuto ulteriori offerte al di sopra del segno di $ 39,00, dopo che l’Energy Information Administration ha riferito che le scorte di petrolio greggio negli Stati Uniti erano diminuite di 8 milioni di barili la scorsa settimana, il che ha alleviato le preoccupazioni per l’eccesso di offerta e ha fornito un certo supporto per i prezzi del greggio. Questi dati sono arrivati ​​dopo che l’American Petroleum Institute ha stimato un prelievo di 8 milioni di barili, che inizialmente ha aumentato i prezzi del petrolio greggio.

A parte questo, il sentimento rialzista sui prezzi del petrolio greggio è stato ulteriormente rafforzato dai rapporti che suggeriscono che l’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC) ei suoi alleati stanno ancora valutando l’idea di ritardare gli aumenti pianificati della produzione. Dall’altra parte dello stagno, anche la debolezza dell’ampio dollaro USA, innescata da una combinazione di fattori, ha svolto un ruolo importante nel sostenere i prezzi del petrolio, poiché il prezzo del petrolio è inversamente proporzionale al prezzo del biglietto verde.

Al contrario, le preoccupazioni per l’escalation della pandemia COVID-19 e l’incertezza sull’esito delle elezioni presidenziali statunitensi sono diventati fattori chiave che stanno tenendo un coperchio su qualsiasi rally sfrenato per i prezzi del petrolio greggio. Sulla stessa linea, l’aumento della produzione / esportazioni di petrolio libico potrebbe anche essere considerato un fattore importante che ha frenato un ulteriore slancio al rialzo per i prezzi del greggio. Il petrolio greggio WTI è attualmente scambiato a 39,09 e si consolida nell’intervallo compreso tra 37,27 e 39,23.

Come abbiamo già accennato, le scorte di petrolio greggio sono diminuite più del previsto la scorsa settimana, secondo gli ultimi dati del governo. Sul fronte dei dati, le scorte di petrolio greggio WTI perdono 7,99 milioni di barili, contro le aspettative per una costruzione di 890.000 barili, secondo il rapporto della Energy Information Administration. Vale anche la pena ricordare che tre delle cinque settimane precedenti hanno mostrato un calo dell’inventario.

A parte questo, il sentimento rialzista che circonda i prezzi del petrolio greggio è stato ulteriormente rafforzato dai rapporti che suggeriscono che l’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC) ei suoi alleati, un gruppo noto come OPEC +, guidato dalla Russia, continuano a considerare il idea di posticipare i suoi previsti aumenti della produzione (originariamente previsti per gennaio 2021), che tende ad alleviare i timori di eccesso di offerta e sostenere i prezzi del greggio.

Dall’altra parte dello stagno, il tono ottimista del mercato sostiene anche i prezzi del petrolio greggio. Il sentimento di rischio è quindi favorito dai rapporti che suggeriscono che le possibilità di vittoria del presidente Donald Trump si sono ridotte nello stato chiave del Michigan. I dettagli suggeriscono che lo sfidante democratico Joe Biden ora ha il 49,5% di voti contro il 48,8% di Trump del 97% dei voti attesi contati finora. Nonostante ciò, Donald Trump mantiene ancora un vantaggio di 700.000 in Pennsylvania, sebbene ci siano ancora più di 1,4 milioni di voti da contare nello stato. Pertanto, la crescente probabilità di vittoria di Biden ha aumentato la fiducia degli investitori, poiché si prevede che l’amministrazione Biden passi grandi pacchetti di stimoli per rilanciare l’economia, che è stata duramente colpita da COVID-19. Di conseguenza, i futures sulle azioni statunitensi sono stati potenziati, il che tende a minare la domanda di beni rifugio tradizionali, come il dollaro USA.

Sul fronte dell’USD, il dollaro statunitense a base ampia non è riuscito a estendere la sua serie di guadagni del giorno precedente, poiché è stato sottoposto a pressioni il giorno stesso, dopo che Reuters ha riferito che il vantaggio dell’attuale presidente Donald Trump si è ridotto nello stato chiave del Michigan. . A parte questo, le perdite del dollaro USA sono state ulteriormente rafforzate dopo che il rapporto ADP ha mostrato che i datori di lavoro del settore privato hanno aggiunto meno posti di lavoro del previsto, pari a soli 365.000 posti di lavoro in ottobre, rispetto alla lettura rivista al rialzo di 753.000 del mese precedente. Nel frattempo, la rinascita del coronavirus continua ad alimentare i timori che la ripresa economica negli Stati Uniti possa arrestarsi, il che sta anche tenendo sotto pressione il biglietto verde. Pertanto, le perdite del biglietto verde sono diventate un fattore chiave che sta mantenendo i prezzi del petrolio più alti, poiché il prezzo del petrolio è inversamente proporzionale al prezzo del dollaro USA. Nel frattempo, l’indice del dollaro USA, che traccia il biglietto verde contro un paniere di altre valute, è sceso a 93,490.

Al contrario, i guadagni nei prezzi del petrolio greggio sono stati frenati dai timori in corso di un numero crescente di casi di COVID-19 negli Stati Uniti, in Europa e in alcune delle importanti nazioni asiatiche, che alimentano costantemente le preoccupazioni sulla ripresa economica e è diventato un fattore chiave che ha tenuto a freno eventuali aumenti aggiuntivi dei prezzi del petrolio greggio. Nel frattempo, anche l’aumento della produzione / esportazione di petrolio della Libia potrebbe essere considerato un fattore importante che ha frenato un ulteriore slancio al rialzo per i prezzi del petrolio greggio. Secondo l’ultimo rapporto, la produzione / esportazioni di petrolio della Libia continuano a crescere, dal momento che il paese ha revocato la forza maggiore in molti dei suoi porti e giacimenti petroliferi.

Andando avanti, i trader del mercato terranno gli occhi sulle richieste di disoccupazione degli Stati Uniti, sulla dinamica dei prezzi in USD e sui titoli del coronavirus, che potrebbero dare una nuova direzione ai prezzi del petrolio greggio. Nel frattempo, il continuo dramma che circonda le elezioni statunitensi e gli aggiornamenti sul pacchetto di stimoli statunitensi non perderanno alcun significato nel corso della giornata. In bocca al lupo!

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Adblock
detector