Un mercato razionale porta grandi profitti – Analisi settimanale 16-22 maggio

Venerdì abbiamo chiuso la terza settimana di maggio con alcuni guadagni ragionevoli e spero che siate contenti dei progressi che abbiamo fatto finora in questo mese. Questa settimana ha registrato grandi cambiamenti nel sentiment presso gli uffici della Federal Reserve (FED). I verbali della riunione della FMOC di aprile sono stati pubblicati mercoledì e abbiamo visto che molti membri della FED erano molto più aggressivi di quanto indicato nella dichiarazione ad aprile. Ma, personalmente, non posso dire di essere sorpreso dagli sbalzi d’umore che la FED ha mostrato negli ultimi tempi. Ad ogni modo, il brusio è andato a nostro favore da quando avevamo due segnali forex di acquisto in USD aperti e, in effetti, è stata un’altra buona settimana per noi. Abbiamo fatto 151 pips questa settimana, il che porta il totale mensile a 536 pips finora con una settimana e mezza rimasta.   

Si scopre che i membri della FED non sono così amareggiati a porte chiuse come appaiono in pubblico

Segnali Forex

Dopo l’ottima performance della scorsa settimana di 422 pips, siamo entrati nel mercato questa settimana con un atteggiamento positivo, ed è stato davvero ripagato. Non siamo riusciti a eguagliare il profitto della scorsa settimana, ma 151 pips è ancora qualcosa di cui scrivere a casa. Il numero di segnali forex non era molto alto, ma ciò era dovuto a un mercato più calmo negli ultimi due giorni di negoziazione. Infatti, nei primi tre giorni di negoziazione, abbiamo aperto 11 segnali forex a breve termine, otto dei quali hanno colpito il take profit. Tuttavia, giovedì, la volatilità è diminuita notevolmente, quindi siamo riusciti ad aprire solo due segnali forex … e poi venerdì è stato assolutamente tranquillo. Era come guardare la vernice asciugarsi. L’intervallo nella maggior parte delle coppie forex era di 20-30 pips. Venerdì abbiamo aperto due segnali forex, ma solo un segnale ha preso profitto e l’altro è rimasto aperto. Quindi, in totale, abbiamo aperto 16 segnali forex, tutti a breve termine, 13 dei quali hanno colpito il take profit mentre gli altri tre hanno raggiunto lo stop loss. Questo ci dà un rapporto vincite / sconfitte di 81:19. Il mercato era abbastanza prevedibile questa settimana e questo ci ha aiutato molto. Ci sono stati due eventi sfortunati che hanno ridotto il nostro profitto di 80 pips: il calo dell’1% nell’inflazione del produttore in Nuova Zelanda e un’impennata inaspettata di 250 GBP. Abbiamo avuto un segnale di acquisto forex in NZD / USD e un segnale di vendita forex in GBP / USD durante questi eventi, quindi siamo rimasti coinvolti nel caos, ma tutto sommato, non possiamo lamentarci del comportamento del mercato di questa settimana e del profitto lo dimostra. Il prezzo è andato nella direzione in cui doveva andare, rispettando i livelli mentre andava.   

Il mercato di questa settimana

Il mercato forex è continuato dalle ultime due settimane; l’azione dei prezzi ha seguito la logica comune, il che rende tutto più semplice per noi trader e analisti forex. I dati economici degli Stati Uniti hanno mostrato un miglioramento, quindi l’USD si è ragionevolmente spostato al rialzo passo dopo passo. Ma il motore principale di questa settimana è stata la FED. Mercoledì sera sono stati pubblicati i verbali mensili del FOMC di aprile. La dichiarazione di aprile è stata da neutrale a accomodante e il mercato si aspettava che i verbali si attengano a questo sentimento. Ma i verbali hanno mostrato che la maggior parte dei membri del consiglio di amministrazione della FED era aggressiva nei confronti degli Stati Uniti e dell’economia globale e hanno fatto commenti che suggerivano un tasso più alto, quindi l’aumento del tasso di giugno è stato rimesso sul tavolo.

La frase esatta era “La maggior parte dei partecipanti ha ritenuto che se i dati in arrivo fossero coerenti con la ripresa della crescita economica nel secondo trimestre, le condizioni del mercato del lavoro continuerebbero a rafforzarsi e l’inflazione avanza verso l’obiettivo del 2% del Comitato, allora sarebbe probabilmente appropriato per il Comitato aumentare la fascia obiettivo per il tasso sui fondi federali a giugno.”Le probabilità di aumento dei tassi di giugno sono balzate al 24% da appena il 4% all’inizio della settimana. L’indice USD ha raggiunto circa. 100 pips in più e alcuni livelli importanti sono stati infranti in alcune coppie. La coppia USD / JPY ha finalmente rotto sopra 110 e USD / CAD ha rotto sopra 1,30. Questa è stata una mossa improvvisa della FED ma, di recente, ci siamo abituati a questi cambiamenti di umore. A settembre dello scorso anno, la FD ha rilasciato una dichiarazione ribassista che ha diminuito le speranze di un aumento dei tassi a dicembre, ma a ottobre l’ha rimessa decisamente sul tavolo. Quest’anno, a marzo, sono improvvisamente diventati accomodanti e la dichiarazione di aprile ha seguito i loro passi. E poi, un mese dopo, vediamo commenti piuttosto aggressivi! C’era un avvertimento; la FED voleva vedere dati più positivi, ma i dati statunitensi della riunione di aprile hanno mostrato un notevole miglioramento – e questo indica che stiamo andando nella giusta direzione. Ad ogni modo, la tendenza al ribasso del dollaro statunitense degli ultimi mesi sembra essere giunta al termine e questi minuti hanno avuto un impatto importante su questo risultato. Anche le banche hanno cambiato opinione e per ora chiedono un minimo in USD.

Dati economici

Come abbiamo detto nell’analisi settimanale della scorsa settimana, i dati sull’inflazione dovevano essere pubblicati questa settimana. Dopo la loro pubblicazione, abbiamo visto alcuni numeri buoni e altri cattivi. I numeri dell’Eurozona sono stati di gran lunga i peggiori; l’inflazione di fondo è scesa dello 0,1% mentre il numero principale, che include i prezzi dell’energia, è risultato a -0,2%, il che significa deflazione. Anche l’inflazione nel Regno Unito è scesa a due punti e l’inflazione core di tre punti, ma all’1,2% … è ancora in una buona posizione. Ma, cosa più importante, l’inflazione statunitense è balzata allo 0,4% il mese scorso dallo 0,1%. L’inflazione statunitense è diminuita negli ultimi mesi, avvicinandosi alla contrazione, e questo suggerisce che l’economia era in difficoltà. Inoltre, il mandato principale della FED è l’inflazione, quindi un’inflazione debole significava che i futuri rialzi dei tassi sarebbero stati ritardati per sempre. Ma eccoci qui: un balzo dello 0,3% rispetto al mese precedente dà alla FED un motivo per aumentare a giugno. Hanno detto che volevano vedere dati economici più incoraggianti e questi dati sono ciò che stavano cercando. 

Analisi di coppia

USD / JPY e USD / CAD hanno rotto al di sopra di alcuni livelli importanti questa settimana, quindi penso sia giusto dare un’occhiata a queste coppie. Come mostra chiaramente il grafico giornaliero, la coppia USD / JPY ha registrato un trend ribassista negli ultimi tre mesi. Ma sembra che la tendenza al ribasso sia giunta al termine, almeno per il breve termine. Dopo aver toccato 105,50 all’inizio di questo mese, il trend si è invertito e da allora è solo salito. Ha rotto sopra la 20 MA, in grigio, che si è trasformata in supporto di tanto in tanto e poi ha chiuso la settimana appena sopra la 50 MA in giallo. Ma questa non è una rottura chiara … la 50 MA potrebbe facilmente trasformarsi in resistenza come ha fatto prima. Nel grafico mensile, gli indicatori stocastici e RSI sono entrambi ipervenduti e ora si dirigono verso l’alto, quindi questo dà ai rialzisti un altro motivo per credere che lo scenario inverso rimarrà vero. Ma le rispettive banche centrali saranno il fattore decisivo.

Il 50 MA in giallo è un osso duro


Stocastico e RSI sono ipervenduti e in aumento

Analogamente a USD / JPY, USD / CAD ha registrato una forte tendenza al ribasso di 23 centesimi da metà gennaio. Ma questo mese, il prezzo è passato da 1.2450 a 1.3160: una mossa di 700 pip! Questo sembra più un rovescio che un ritracciamento, perché i ritraccia prima sono stati meno profondi, non più di 200-300 movimenti di pip. La 200 MA, in rosa nel grafico giornaliero, è stata interrotta e si è trasformata in supporto come possiamo vedere. Ma, il 100 MA liscio in rosso sta fornendo resistenza ora e tutti e tre gli indicatori nella finestra sono ipercomprati, il che significa che potremmo vedere un ritorno al ribasso prima della prossima tappa. Nel grafico mensile, sembra che il 200 MA abbia tenuto. L’indicatore stocastico è ipervenduto e questo mese sembra una candela rialzista inghiottita, ma manca ancora più di una settimana prima della fine del mese.

 

Il 100 MA liscio, in rosso, sta fornendo resistenza

La candela engulfing rialzista significa che il ritracciamento al ribasso è terminato

La settimana in conclusione

La terza settimana di maggio è finita e il profitto mensile dai nostri segnali forex è maggiore. Abbiamo fatto 151 pips questa settimana da 16 segnali forex a breve termine. La FED ci ha reso più facile quando i verbali della riunione di aprile sono risultati piuttosto aggressivi, a differenza della dichiarazione. Hanno fatto commenti su un aumento dei tassi a giugno se i dati continuassero ad essere positivi e da aprile i dati economici degli Stati Uniti sono stati positivi. Abbiamo assistito a un balzo dei dati sull’inflazione negli Stati Uniti questa settimana e nella prossima avremo la possibilità di vedere i dati preliminari del PIL del primo trimestre e gli ordini di beni durevoli. Se sono positivi, il rialzo dei tassi di giugno si avvicinerà di poco.  

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Adblock
detector