Un anno difficile ma redditizio – Analisi annuale 2016

Abbiamo superato un altro anno. Il 2016 è ormai storia, ma è stato un anno emozionante pieno di eventi forex. Non è stato il periodo più facile, ma abbiamo aggiunto altre armi al nostro arsenale commerciale.

Il sentimento degli investitori è passato da negativo a positivo diverse volte e il mercato del forex ha seguito l’esempio, ma le nostre strategie di trading ci hanno tenuto a galla e ci hanno assicurato un buon profitto nel 2016 in queste montagne russe di un mercato.

Durante il 2016 abbiamo dovuto utilizzare ogni tipo di strategia. Le strategie di trading a lungo e breve termine, come lo scalping, le strategie fondamentali e tecniche sono state tutte incluse nel nostro libro di testo di trading forex quest’anno.

Tutte queste strategie hanno prodotto 731 segnali forex quest’anno, 220 dei quali erano segnali a lungo termine mentre gli altri 511 erano segnali a breve termine, rispetto allo scorso anno quando abbiamo fatto poco più di 4.000 pips e ci siamo impegnati ad aumentare il profitto quest’anno. Abbiamo mantenuto quella promessa poiché i nostri segnali forex ci hanno portato a 4.907 pips.

Abbiamo avuto un solo mese di perdite quest’anno, febbraio, periodo in cui i mercati finanziari hanno attraversato un periodo di panico, ma ci siamo ripresi bene. Tutti gli altri mesi sono stati davvero proficui per noi, nonostante alcuni dei più importanti cambiamenti politici che abbiamo visto dalla caduta della cortina di ferro nell’Europa orientale.  

Nessuno ci crederebbe all’inizio del 2016, ma la Brexit è avvenuta e Trump ha vinto le elezioni presidenziali statunitensi. Ora, un anno dopo, il mondo è un po ‘diverso, l’economia globale sta un po’ meglio, ma la nostra performance è rimasta costante.

Celebriamo i semi che abbiamo fatto nel 2016

Segnali Forex

Quando si tratta di segnali forex, posso dire che posso quasi ricordare tutto quello che abbiamo passato quest’anno. Come posso dimenticare il panico che ha travolto i mercati finanziari a febbraio e che ha quasi innescato un’altra crisi globale … o Brexit? Abbiamo perso alcuni pips a febbraio, ma abbiamo guadagnato il doppio a giugno quando i britannici hanno votato per lasciare l’UE, anche se dovevamo scommettere contro il mondo.

In effetti, non potevamo chiedere un inizio migliore per quest’anno quando abbiamo chiuso gennaio con un profitto di 818 pip. Ma il mercato aveva altre idee. Un’oscura nuvola di dubbi ha attraversato i mercati finanziari nei primi giorni di febbraio e non ci è voluto molto prima che tutti iniziassero a farsi prendere dal panico.

I flussi di cassa in valute rifugio sicuro, come lo JPY, quando in modalità panico, quindi sebbene questa valuta principale sia stata l’anello più debole nel 2015, nel febbraio 2016 lo yen è stato il più grande vincitore. Abbiamo aperto un paio di segnali a lungo termine mentre questa coppia di forex scendeva, sperando che i livelli di supporto 116, 115 e 110 avrebbero tenuto, ma il prezzo li ha attraversati come un coltello nel burro.

Ci siamo tagliati le mani cercando di afferrare quel coltello che cadeva, quindi abbiamo dovuto restituire al mercato circa la metà dei semi che abbiamo fatto a gennaio. Tuttavia, abbiamo modificato la nostra strategia di trading e ci siamo rimessi in piedi in pochissimo tempo, quindi alla fine di maggio eravamo più di 1.500 pip in verde.

A giugno la Brexit è stata la vincitrice… ma come accennato in precedenza abbiamo preso la direzione opposta, scommettendo contro l’euro e la sterlina nell’ultima sessione di negoziazione prima del referendum. La mattina del giorno successivo, abbiamo ricevuto 400 pips di profitto da quei due segnali forex a lungo termine. Non mi sembrava giusto scommettere contro il mondo, ma qualcuno deve essere l’avvocato del diavolo.

Da luglio a ottobre è stato piuttosto semplice per noi. Il nostro profitto era stabile a circa 400 pip al mese, quindi il nostro profitto annuale ha continuato ad accumularsi. Fortunatamente per noi, il flash crash di 700 pip GBP di ottobre non ci ha colti. O forse siamo stati noi ad essere testardi a non andare contro la coppia GBP / USD per qualsiasi cosa fino a quando non si verificherà effettivamente la Brexit. Solo allora il trend GBP a lungo termine potrebbe spostarsi verso l’alto.


Abbiamo continuato con la stessa performance a novembre e dicembre, nonostante l’enorme shock dopo il trionfo di Trump. Abbiamo venduto EUR / USD prima del giorno delle elezioni poiché tutti i sondaggi stavano portando la Clinton in vantaggio, ma lei ha perso e il mercato forex è impazzito per alcune sessioni di negoziazione.

Il nostro segnale forex è sopravvissuto al salto di 300 pip nelle prime ore dopo le elezioni. Poi, con il passare delle ore e dei giorni, il mercato ha finalmente visto qualcosa che era di fronte a noi; Trump è positivo per il dollaro, punto, almeno nel breve termine.

Abbiamo ottenuto altri pips da quel segnale EUR / USD, ma ancora lontani dal suo potenziale. Tuttavia, abbiamo fatto 968 pips negli ultimi due mesi, terminando il 2017 con 4,907 pips nel nostro conto forex. La quantità di denaro che avete guadagnato dai nostri segnali forex dipende dalle dimensioni del conto, ma se stai usando una leva 10 volte … allora il tuo account deve essere circa 5 volte più grande ora e questo se hai scambiato solo lo stesso importo in ogni commercio come il primo giorno.

Supponiamo che tu abbia un account da $ 10.000 il 1 ° gennaio. Se hai utilizzato una leva 10 volte superiore alla prima operazione, significa che guadagneresti / perderai $ 10 / pip. Un profitto di 5.000 pip significa un profitto di $ 50.000 ormai.

Tuttavia, la dimensione del trade aumenta man mano che il conto diventa più grande, quindi se stai solo riadattando le tue posizioni alla fine di ogni mese, la progressione geometrica aumenta ulteriormente il tuo profitto.

Dopo aver fatto 800 pip a gennaio (il che significa $ 8.000 extra sul tuo conto forex), a febbraio stai scambiando quasi il doppio di tale importo, quindi i profitti / le perdite sarebbero in natura. In questo caso, che è il modo in cui i commercianti di forex fanno davvero trading, a questo punto il tuo account sarebbe circa 50 volte più grande.

La maggior parte del nostro profitto quest’anno è venuto da EUR / USD e GBP / USD poiché circa la metà dei nostri segnali erano in queste due coppie forex. Tuttavia, NZD / USD e AUD / USD non erano molto indietro. Abbiamo anche fatto 111 pips da USD / JPY, il che è abbastanza buono considerando il dolore che questa coppia ci ha fatto provare a febbraio. Quindi, dopotutto abbiamo avuto un anno abbastanza buono e il nostro rapporto vittorie / sconfitte è rimasto lo stesso dell’anno scorso a 71:29.  

Il mercato di questa settimana

L’anno scorso si è concluso con una sensazione piuttosto positiva nei mercati. La FED aveva appena alzato i tassi di interesse per la prima volta in circa un decennio, il che significava che l’economia statunitense si stava dirigendo nella giusta direzione. La BCE (Banca centrale europea), d’altra parte, ha aumentato il suo programma di allentamento monetario, il che significava che l’economia dell’Eurozona sarebbe presto andata nella giusta direzione.

Almeno, è così che l’ha presa il mercato quando la BCE ha tagliato ulteriormente i tassi di interesse lo scorso dicembre. Le coppie di euro sono aumentate di oltre cinque centesimi. In effetti, l’economia della zona euro quest’anno è andata nella giusta direzione ei dati economici della EZ che abbiamo visto nel 2016 supportano fortemente questa visione.

Ma, ovviamente, niente è così facile o diretto quando si parla di economia globale. I mercati finanziari sono entrati in un pericoloso periodo di panico a febbraio per una serie di ragioni: il rallentamento invernale degli Stati Uniti, i bassi prezzi del petrolio e la bassa inflazione / deflazione in alcuni luoghi come il Giappone e, ovviamente, le preoccupazioni per l’economia cinese.

Tutti questi elementi hanno provocato una spirale discendente e il mondo è quasi finito in un’altra crisi globale. Poi, la politica ha preso il via e il mercato del forex non ha mai più guardato all’economia, in parte a causa di un notevole miglioramento dell’economia globale. Tutte le principali economie del globo sono entrate in un’altra fase quest’anno, con una buona ripresa dell’inflazione e del PIL.

Ma non puoi mai avere un momento di pace in questo business. Proprio quando l’economia globale è migliorata, i britannici hanno deciso di rovinare tutto a giugno quando hanno votato per lasciare l’Unione europea. Ciò ha riportato all’attenzione le nuvole scure di una possibile rottura dell’UE.

La sterlina ha perso circa un quinto del suo valore il giorno successivo e nei mesi successivi le perdite si sono estese a circa un quarto. Successivamente, l’economia del Regno Unito si è contratta a causa della svalutazione del settore immobiliare, scivolando al 6 ° posto della classifica mondiale (dal 5 °), che ora è stata occupata dalla Francia. Prima che mi dimentichi, GBP ha subito un altro flash crash durante una notte di ottobre, ma si è ripresa rapidamente.   

Il prossimo evento da seguire è stato il tanto atteso e discusso incontro dell’OPEC. Dopo mesi di trattative e giochi di spionaggio, il cartello ha finalmente deciso di tagliare la produzione di petrolio e ha convinto anche i produttori di petrolio non OPEC a partecipare. I prezzi del petrolio stanno meglio ora e l’inflazione è aumentata di conseguenza, quindi questo è stato un evento positivo, nonostante abbia dovuto pagare un po ‘di più alle stazioni di servizio per i galloni nel mio serbatoio.

Non era tutto, però, la sorpresa più grande doveva ancora arrivare. Le elezioni presidenziali statunitensi avrebbero dovuto essere un evento semplice, con Clinton molto avanti in tutti i sondaggi. Ma le elezioni nel Regno Unito dello scorso anno e la Brexit all’inizio di quest’anno ci hanno insegnato a non scommettere su questi sondaggi. Non ci volle molto prima che gli elettori gettassero di nuovo i sondaggi nella spazzatura, questa volta con gli elettori statunitensi.

Donald Trump ha vinto le elezioni statunitensi e tra pochi giorni sarà il prossimo presidente degli Stati Uniti, ma contrariamente al consenso del mercato in anticipo, è più probabile che la sua presidenza sia positiva per l’economia statunitense e per l’economia globale a breve termine. Un ambizioso piano di stimolo fiscale, un migliore sentiment del mercato, tasse più basse e meno regolamentazione dovrebbero dare un’altra spinta all’economia globale. Aggiungendo a ciò il fatto che anche i repubblicani hanno preso il senato, il che significa che, a differenza di Obama, l’auto di Trump non avrà fango sulle ruote – tutto va a posto. Tutto inizia ad avere un senso ora, da qui l’impennata dell’USD nelle ultime settimane.

La FED ha dovuto chiudere di nuovo quest’anno in modo simile al 2015. Ha promesso di aumentare i tassi di interesse da due a quattro volte quest’anno, ma li ha aumentati solo una volta di altri 25 punti base (punti base). Ancora una volta, hanno promesso altre escursioni per il prossimo anno, ma vedremo se manterranno la parola questa volta.

Dati economici

All’inizio di quest’anno, i dati economici erano piuttosto deludenti. I rapporti sull’inflazione dall’Europa hanno continuato a deludere le aspettative poiché è rimasta intorno allo 0-0,1% e il Giappone stava nuovamente assaporando la deflazione.

Anche l’economia statunitense non stava andando molto meglio. Dopo un ottimo periodo primavera / estate nel 2015, l’economia statunitense è entrata in uno stato vegetativo nel tardo autunno ed è peggiorata durante l’inverno. Si è diffuso anche nei primi mesi di quest’anno.

Dall’altra parte del globo, l’economia cinese stava soffrendo così come il PIL e i dati manifatturieri continuamente delusi. Come se non bastasse, anche i mercati emergenti stavano soffrendo a causa dei bassi prezzi delle materie prime e della debole domanda da parte delle economie grandi / sviluppate.  

Ma in qualche modo, l’intero quadro è diventato più luminoso con l’arrivo della primavera ei dati economici globali sono migliorati ulteriormente durante l’anno. Il Giappone è finalmente uscito dalla deflazione, l’inflazione dell’Eurozona si è avvicinata all’1% dall’essere piatta un anno fa, mentre anche i rapporti sui servizi e sulla produzione hanno impressionato, soprattutto negli ultimi mesi.  

Oltre all’inflazione, il mercato del lavoro è migliorato enormemente, sia in Europa che negli Stati Uniti. Anche il sentiment dei consumatori e degli investitori è aumentato, ma per qualche motivo i salari rimangono bassi.

Bene, questa è la prima vera ondata di miglioramento economico globale dalla crisi finanziaria globale del 2008, quindi non mi aspetto che i salari aumentino allo stesso ritmo del resto dell’economia poiché sono l’ultima cosa a salire dopo tutto il resto. Ma in generale, l’economia globale si trova in una posizione molto migliore alla fine del 2016 rispetto a un anno fa.

Analisi di coppia

In una revisione annuale come questa, gli unici grafici forex da guardare sono i grafici settimanali o mensili e le uniche coppie forex che ritraggono il quadro generale sono USD / JPY e EUR / USD, quindi diamo un’occhiata a loro.

Come puoi vedere dal grafico mensile USD / JPY qui sotto, questa coppia forex ha raggiunto il suo apice entro la metà del 2105 ed è stata scambiata in un intervallo di 500 pips la maggior parte dell’anno scorso, per lo più al di sopra del livello di 120. Quest’anno però è iniziato così e la valuta più debole degli ultimi quattro anni si è trasformata in quella più forte, almeno fino a novembre.

Con il rafforzamento dello JPY, l’USD / JPY è sceso; all’inizio ha perso circa 10 centesimi, ma il livello 111 lo ha tenuto a galla per un po ‘di tempo. Quindi, la seconda ondata di vendite di USD / JPY ha portato questa coppia fino a 105. La Brexit ha innescato la terza ondata di vendite e il prezzo ha raggiunto 99 per un momento, ma 100 è rimasto il livello di supporto finale.

Questo è vicino al livello di ritracciamento di Fibonacci del 50%, ma più di questo, è stata l’importanza di questo livello enorme che ha tenuto a bada i venditori. Dopo aver tentato molte volte di superare questo limite durante l’estate e l’autunno, i venditori alla fine si sono arresi quando Trump ha vinto le elezioni statunitensi. Ora questa coppia di forex è di circa 17 centesimi in più e punta ancora a nord.

Le perdite del primo semestre 2016 sono state quasi cancellate ora

Guardando il quadro più ampio della coppia EUR / USD, possiamo dire che la tendenza al ribasso di 35 centesimi iniziata nel 2014 era ufficialmente terminata quando siamo entrati nel 2016. È stata scambiata in un intervallo di 10 cent per la maggior parte dell’anno scorso, che è esattamente ciò che ha fatto anche l’anno. 1.0520 era il minimo e 1.14-15 era il massimo.

Ma analogamente a USD / JPY, questa coppia ha iniziato a svegliarsi quando Donald Trump ha vinto le elezioni. Ha continuato a scivolare nelle ultime settimane dell’anno e alla fine è sceso al di sotto di quel livello di supporto che si estende da 1.0520 fino a 1.0460 secondi..

Possiamo dire che il range degli ultimi due anni è ora rotto e quel livello di supporto si è trasformato in resistenza ora. Gli indicatori stocastici e RSI sono già ipervenduti sul grafico settimanale e mensile, quindi potremmo vedere un periodo di ritracciamento nelle prossime settimane / mesi, ma la media mobile liscia 100 (100 SMA) in verde che si aggira intorno al livello di 1,1050 posizionerà un Copri ancora un’altra volta questa coppia, se ci alziamo.

Quindi, questo sarebbe il posto migliore per aprire un segnale forex di vendita a lungo termine, ma 1.07 e 1.08 potrebbero anche offrire alcune buone opportunità di trading se non possiamo arrivare così in alto.

Il supporto precedente si è ora trasformato in resistenza

Possiamo fidarci della linea verde su questo grafico

Settimana in conclusione

Quindi, ecco un altro anno. Ce l’abbiamo fatta con un bel profitto di 4,907 pip ma non è stato facile. Ci aspettavamo che le banche centrali fossero al centro della scena quest’anno, ma la politica le ha strappate, come fa di solito la politica.

È in corso un nuovo ordine mondiale con la Gran Bretagna fuori dall’UE e Trump come prossimo presidente degli Stati Uniti. Anche l’OPEC è stata sotto i riflettori per un periodo di tempo, a parte il crollo del mercato di febbraio.

È così che funziona nel forex, ti aspetti qualcosa dalle tue carte ma non puoi nemmeno usarle poiché tutti questi eventi mescolano le carte tutto il tempo. Il 2017 dovrebbe essere positivo per il dollaro e probabilmente per l’euro se la ripresa dell’Eurozona continuerà, mentre la sterlina e lo yen probabilmente perderanno più valore e pubblicheremo un editoriale per l’anno a venire, ma a giudicare da quest’anno, ci aspettiamo l’inaspettato.

Comunque, saremo qui per tutto il prossimo anno come abbiamo fatto in tutti questi anni, quindi staremo insieme nel bene e nel male qualunque cosa accada nel mercato forex. Si spera di aumentare ulteriormente il nostro profitto annuale nel 2017.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Adblock
detector