Settimana Forex in vista, 17-21 dicembre: FOMC, BOJ e dati del PIL sotto i riflettori!

È stata una settimana lenta poiché i mercati hanno mostrato una debole volatilità in assenza di eventi economici importanti. Tuttavia, venerdì il dollaro si è rafforzato rispetto all’euro e allo yen, poiché le solide vendite dei negozi al dettaglio a novembre hanno attenuato alcune preoccupazioni per un forte rallentamento dell’economia statunitense, a sostegno dell’economia. La maggior parte dei trader si è sentita riluttante a entrare in operazioni di swing in anticipo rispetto al tasso sui fondi federali, previsto nella prossima settimana.

Tecnicamente, è l’ultima settimana di negoziazione di dicembre poiché la maggior parte dei broker e delle istituzioni finanziarie non saranno disponibili sulla scia delle vacanze di Natale. Tuttavia, questa settimana in corso è piena di alcuni eventi economici ad alto impatto che riguardano le decisioni sui tassi di interesse della Federal Reserve statunitense e della Banca del Giappone. Oltre a ciò, ci sono una serie di eventi economici ad alto impatto da scambiare. Diamo un’occhiata a loro …

Watchlist – I principali eventi economici di questa settimana

Mercoledì – 19 dicembre

GBP – CPI a / a

L’indice dei prezzi al consumo del Regno Unito è cresciuto del 2,7% ad agosto, dispensando crescenti pressioni inflazionistiche e contribuendo a giustificare il rialzo dei tassi di interesse della Banca d’Inghilterra per quel mese. Da allora, l’economia del Regno Unito non è stata in grado di ottenere un buon numero. I dati sull’inflazione sono scesi dal 2,6% al 2,4% a novembre.

Un dato sull’IPC più lento del 2,3% è previsto per dicembre. Mentre le vendite al dettaglio dovrebbero aumentare dello 0,3%, il che si oppone all’idea di un calo previsto del tasso di inflazione. Per i neofiti, la cifra dell’inflazione più debole è considerata ribassista per la sterlina.

CAD – CPI a / a

Anche l’inflazione canadese sta soffrendo ultimamente a causa del calo dei prezzi del greggio. Nel mese di ottobre, la cifra dell’IPC si è attestata a -0,4%, in calo battendo i guadagni di agosto dello 0,5%. Alla fine fa pressione sulla BOC (Bank of Canada) per mantenere i tassi di interesse in attesa.

I dati di dicembre dovrebbero mostrare un calo del -0,1% rispetto allo 0,3% di aumento di novembre. Questo potrebbe mantenere il Loonie più debole questa settimana.

USD – Riunione sulla politica monetaria della FED

Mercoledì, la Federal Reserve, la banca centrale degli Stati Uniti, prende i riflettori in quanto si prevede che rilasci la decisione sui tassi di interesse. Gli investitori si aspettano ampiamente che si traduca in un altro aumento dei tassi, la quarta volta dell’anno.

Il presidente della Fed Jerome Powell ha chiarito che crede che la Fed dovrebbe continuare ad aumentare costantemente i costi di prestito e il mercato dei futures sembra comprare ciò che sta vendendo.

Aumento dei tassi della Fed – Ha un prezzo??

Sappiamo tutti del piano della Fed di aumentare i tassi di interesse a dicembre. Gli investitori hanno già preso le loro posizioni per garantire i massimi rendimenti del dollaro.

Quindi, cosa aspettarsi dall’aumento dei tassi?

A mio parere, la maggior parte dell’aumento del tasso del 2,50% è già stato preso in considerazione. La risposta iniziale sarà probabilmente un picco del dollaro e quindi un’improvvisa inversione di tendenza. A pensarci bene, potremmo vedere una risposta in sordina al rilascio del 2,50%.

Tuttavia, sarà uno scambio straordinario se la Fed alza il tasso di interesse di 50 punti base al 2,75% o non alza affatto i tassi. (Entrambi questi scenari sono altamente improbabili, ma dovremmo avere un piano B per affrontare qualsiasi movimento incerto).

Successivamente, gli investitori si concentreranno sul comunicato post-riunione e sulla conferenza stampa di Powell che si terrà alle 19:30 (GMT), 30 minuti dopo il Fed Fund Rate. Ci si aspetta che i commercianti siano al limite delle loro sedie in attesa di ascoltare le opinioni di Powell sull’inflazione e sulla crescita dei salari.

Quindi, cercherò anche indizi sui prossimi aumenti dei tassi, in particolare su cosa stanno pianificando per il 2019.

NZD – PIL finale t / t

La statistica della Nuova Zelanda dovrebbe rilasciare la cifra del PIL alle 21:45 (GMT). Il PIL (prodotto interno lordo) dovrebbe scendere dallo 0,6% all’1%. Mentre il loro deficit commerciale dovrebbe scendere da -1295 milioni a -880 milioni.

Giovedì – 20 dicembre

AUD – Cambiamento di occupazione & Tasso di disoccupazione

L’Australian Bureau of Statistics sarà tenuto d’occhio per i dati sul mercato del lavoro alle 00:30 (GMT). L’economia australiana ha registrato un impressionante aumento di 32,8 mila a novembre, significativamente al di sopra delle aspettative. Il mercato del lavoro australiano sta andando bene nonostante alcuni problemi nel settore immobiliare e le preoccupazioni per la Cina.

Le previsioni di questo mese sono un po ‘traballanti poiché gli economisti si aspettano 20.000 nuovi posti di lavoro. Mentre anche il tasso di disoccupazione dovrebbe rimanere fermo al 5%. Quindi, possiamo aspettarci un tono ribassista nell’australiano fino a giovedì.

JPY – Dichiarazione di politica monetaria

La Banca del Giappone ha la politica monetaria più accomodante nel mondo sviluppato con tassi di interesse in territorio negativo. Ciò è dovuto al fatto che l’economia giapponese deve affrontare un rischio di deflazione e la sua inflazione core è lontana dall’obiettivo del 2% della BOJ. Pertanto, ci si aspettava che la BOJ mantenga invariato il tasso del tasso ufficiale a -0,10% ed è esattamente quello che hanno fatto oggi.

Si prevede che la BOJ continuerà a puntare al rendimento delle obbligazioni a 10 anni. Il governatore Haruhiko Kuroda terrà una conferenza stampa dopo la decisione, ma è un tentativo. Non mi aspetto alcuna mossa importante per il suo rilascio fino a quando ea meno che il governatore Kuroda non proponga nuove osservazioni sull’economia giapponese e le loro imminenti decisioni politiche.

Venerdì – 21 dicembre

GBP – Conto corrente

L’Office for National Statistics dovrebbe rilasciare il conto corrente alle 8:30 (GMT). È una differenza di valore tra beni, servizi, flussi di reddito e trasferimenti unilaterali importati ed esportati durante il trimestre precedente. Le cifre dovrebbero mostrare un deficit commerciale di 22,2 miliardi rispetto a 20,3 miliardi nel settembre 2018.

GBP – PIL finale t / t

L’Office for National Statistics dovrebbe rilasciare la cifra del PIL alle 8:30 (GMT). Il PIL (prodotto interno lordo) dovrebbe rimanere invariato allo 0,6% contro lo 0,6% del trimestre precedente.

Tuttavia, considerando il recente calo dei dati sull’inflazione del Regno Unito dal 2,7% al 2,4%, il mercato scambierà la sterlina con un sentimento più debole.

Con il rilascio delle notizie positive, la sterlina può rimanere rialzista poiché ci si aspetta che la BOE (Banca d’Inghilterra) mantenga il tono da falco nelle sue riunioni di politica monetaria.

CAD – PIL m / m

Allo stesso modo, la Statistics Canada pubblicherà il prodotto interno lordo alle 12:30 (GMT). Commercianti, sarà davvero interessante vedere come le recenti tariffe degli Stati Uniti abbiano influenzato la produttività canadese.

Le aspettative degli economisti sono dello 0,2% in aumento dal -0,1%.

Ragazzi, per ora è tutto, ma preparatevi per la settimana emozionante. Resta sintonizzato sui leader FX e facciamo dei profitti prima di Natale.

Ti auguro un fantastico weekend.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me