Sessione Forex Brief negli Stati Uniti, 5 febbraio – Una giornata dei servizi in Europa

Oggi è stata una giornata dei servizi per l’Europa poiché il rapporto sul PMI dei servizi è stato pubblicato durante la sessione europea. L’economia della zona euro così come l’economia globale ha subito un rallentamento nella seconda metà dello scorso anno e non sembra fermarsi poiché i numeri dei servizi di oggi lo hanno confermato ancora una volta.

Il settore dei servizi italiano ha subito un considerevole rallentamento negli ultimi mesi e il rapporto di oggi ha mostrato che questo settore è ormai entrato in contrazione, dopo che il settore manifatturiero è caduto in contrazione pochi mesi fa. Il settore dei servizi in Francia riceve un doppio calcio poiché le proteste dei giubbotti gialli hanno danneggiato in particolare i servizi, oltre a un indebolimento dell’economia della zona euro.

Il settore dei servizi è in contrazione in Francia da alcuni mesi poiché il rialzo di oggi nelle cifre finali del PMI non cambia nulla. I servizi tedeschi hanno registrato un calo a gennaio, mentre il PMI dei servizi spagnolo ha superato le aspettative e si è spostato al rialzo rispetto al mese precedente. I numeri della Spagna hanno avuto un impatto positivo sull’intera area dell’euro, ma l’indice per le nuove operazioni in Spagna è sceso al minimo in quasi due anni, che recupererà nei prossimi mesi. Anche i servizi del Regno Unito sono diminuiti cadendo molto vicino alla contrazione, quindi l’incertezza sulla Brexit sta interessando tutti i settori dell’economia.

  • PMI dei servizi spagnoli – Il settore dei servizi in Spagna è il più performante tra i principali paesi dell’Eurozona. A dicembre l’indicatore PMI dei servizi spagnolo si è attestato a 54 punti, anche se a gennaio era previsto un calo a 53,1 punti. Ma è aumentato ulteriormente a 54,7 punti. D’altra parte, l’indice per le nuove imprese è sceso ai minimi di quasi due anni.
  • PMI dei servizi italiani – Il settore manifatturiero è caduto in contrazione alcuni mesi fa in Italia. I servizi hanno registrato un calo in ottobre al di sotto del livello di stagnazione, ma sono migliorati negli ultimi due mesi. Ora, il settore dei servizi cade di nuovo in contrazione poiché il numero di gennaio è arrivato a 49,7 punti da 50,5 in precedenza.
  • PMI dei servizi francesi – Le proteste per i giubbotti gialli in Francia sono in corso da circa tre mesi, il che ha colpito in particolare il settore dei servizi. Il PMI dei servizi è arrivato a 47,5 punti per dicembre e il numero di oggi è leggermente superiore a 47,8 punti, anche se è ancora lontano dal livello di pareggio a 50.
  • PMI dei servizi tedeschi – In Germania, il settore dei servizi ha tenuto un po ‘meglio che in Italia e Francia. Tuttavia, il numero di oggi è sceso a 53 punti dai 53,1 di dicembre. Tuttavia, questo settore è ancora lontano dalla stagnazione in questo momento.
  • PMI sui servizi finali dell’Eurozona – Il PMI dei servizi dell’Eurozona è salito leggermente a 51,2 punti dai 50,8 punti di dicembre, che è stato influenzato dai dati sui servizi spagnoli. Tuttavia, la lettura composita scivola al minimo da luglio 2013, mentre l’indice delle nuove imprese scende a 49,5 punti a gennaio, da 50,7 a dicembre. Questa è la lettura più debole nel nuovo sentimento imprenditoriale dal giugno 2013.
  • PMI dei servizi nel Regno Unito – I servizi del Regno Unito si sono avvicinati alla contrazione a novembre, ma sono aumentati a dicembre. Il numero di oggi, che è di gennaio, è arrivato a 50,1 punti, in calo rispetto a 51,2 in precedenza, mancando anche le aspettative di 51,1 punti. La Brexit continua a danneggiare l’economia e sta diventando sempre più incerto per le imprese investire nel Regno Unito.
  • Vendite al dettaglio nell’Eurozona – Le vendite al dettaglio sono cresciute dello 0,3% a novembre e dello 0,6% a dicembre, rivisto al rialzo oggi allo 0,8%. Ma il rapporto di oggi, che è per gennaio, ha mostrato un calo dell’1,6% quel mese, che cancella i guadagni dei due mesi precedenti. Anche le vendite su base annua sono scese allo 0,6% dall’1,8% precedente.

La sessione degli Stati Uniti

  • PMI dei servizi finali degli Stati Uniti –Oltre ai rapporti sui servizi dall’Europa, nella sessione USA abbiamo il rapporto finale sui servizi dagli Stati Uniti. Questo indicatore è arrivato a 54,2 punti per dicembre e dovrebbe rimanere invariato a 54,2 punti. L’economia degli Stati Uniti è in una forma molto migliore di quella dell’Eurozona, e questi numeri raccontano la storia.
  • PMI non manifatturiero ISM USA  Questo settore dell’economia statunitense è stato davvero in buona forma poiché è rimasto al di sopra del livello 60 per alcuni mesi verso la fine dello scorso anno. Tuttavia, ha perso più di tre punti a dicembre, come ha mostrato il rapporto pubblicato a gennaio. Oggi, questo indicatore è previsto a 57,2 punti in calo rispetto ai 57,6 punti di dicembre.
  • Ottimismo economico USA IBD / TIPP  Questo indicatore era di circa 56-57 punti a fine estate e primavera, ma è diminuito negli ultimi mesi, dimostrando che l’ottimismo economico si è indebolito con il rallentamento dell’economia globale. Tuttavia, il numero di oggi dovrebbe aumentare a 53,1 punti dai 52,3 punti precedenti.

Mestieri in vista

Rialzista EUR / GBP

  1. La tendenza è diventata ribassista la scorsa settimana
  2. I fondamentali si stanno deteriorando
  3. L’incertezza sulla Brexit è in aumento
Attenderemo un pullback superiore a 200 SMA prima di andare short

La coppia GBP / USD è diventata ribassista all’inizio della scorsa settimana quando il piano Brexit di Theresa May è diventato sempre più non convenzionale per il Parlamento britannico. Di conseguenza, il GBP si è invertito al ribasso e da allora è entrato in un trend ribassista. Anche i dati economici si sono indeboliti a gennaio e finora questo mese, e il declino dei servizi di oggi ha dato alla GBP un’altra spinta al ribasso. Cercherò di essere short su GBP / USD, ma aspetterò un ritracciamento superiore alla 200 SMA (viola) prima di aprire uno scambio.

Insomma

L’USD continua a strisciare verso l’alto un po ‘alla volta contro la maggior parte delle major del forex a parte l’AUD che ha ricevuto una spinta dalla Reserve Bank of Australia nella sessione asiatica. Questo tipo di azione sui prezzi ci dice che il mercato non sa a chi rivolgersi, quindi si sta appoggiando all’USD solo per essere al sicuro.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Adblock
detector