Le scommesse sugli eSport continueranno a prosperare quando tornerà Pro Sports?

L’11 marzo 2020 il mondo dello sport si è fermato dopo che l’NBA ha annullato una partita tra Oklahoma City Thunder e Utah Jazz, annunciando che un giocatore del Jazz ha contratto il coronavirus. I giocatori sono stati messi in quarantena e ai Thunder è stato ordinato di non lasciare l’arena per diverse ore fino a quando non hanno ricevuto l’autorizzazione. Successivamente è stato annunciato che il giocatore a cui è stata diagnosticata la malattia altri non era che il centro jazz Rudy Gobert.

Pochi giorni prima Gobert è apparso in una partita contro i Toronto Raptors nonostante si sentisse male. Ha anche fatto una battuta sul coronavirus in una conferenza stampa toccando timidamente tutti i microfoni allestiti dai giornalisti solo per procedere negli spogliatoi e toccare gli effetti personali dei suoi compagni giocatori, con il risultato che anche il compagno di squadra Donovan Mitchell si è ammalato..

La chiusura della NBA è stata annunciata quasi immediatamente dopo che è seguita presto un’altra grande lega sportiva in tutto il mondo. Mentre chiudere gli sport e tutti gli incontri pubblici era ed è ancora la cosa giusta da fare durante questi COVID-19 volte, il virus ha lasciato i giocatori senza uno sport dal vivo su cui scommettere. L’alternativa è scommettere sugli eSport, una tendenza che è sicuramente in aumento con il passare del tempo.

La domanda è: con l’NBA che riprenderà l’azione alla fine di luglio e altri campionati sportivi che seguiranno l’esempio, le scommesse sugli eSport continueranno a prosperare quando torneranno gli sport professionistici?

Perché le scommesse sugli eSport sono fondamentali per Bitcoin e criptovaluta

Vent’anni fa, l’idea di un videogiocatore professionista che guadagnava $ 100.000 all’anno ed era sponsorizzato da un importante marchio di bevande per giocare a League of Legends o Counterstrike: Global Offensive era decisamente assurda.

Oggi, i premi in denaro coinvolti nei tornei più importanti non sono niente da starnutire ei tornei riempiono regolarmente gli stadi pieni di fan dei videogiochi che tifano e fischiano le loro squadre preferite. Stiamo parlando di 20.000 persone che fanno i bagagli nell’arena qui.

Con il premio in denaro e gli spettatori che diventano sempre più grandi, ha senso quindi che sempre più persone si interessino a scommettere su questi eventi.

Ci sono diversi motivi per cui mantenere queste persone interessate agli eSport è fondamentale. Numero uno, sostiene l’industria delle scommesse sulla valuta digitale in un periodo in cui non ci sono grandi sport. Numero due, espone più giocatori all’idea di scommettere sugli eSport mentre cercano modi per aumentare il proprio bankroll. In terzo luogo, e soprattutto, sia il pubblico di destinazione per le scommesse sugli eSports sia il pubblico di destinazione per coloro che hanno maggiori probabilità di investire in Bitcoin e altre valute digitali sono gli stessi. Vale a dire che le persone che giocano ai videogiochi e da Bitcoin sono probabilmente giovani maschi adulti con un interesse per lo sport e la tecnologia, due cose che le scommesse sportive di Bitcoin combinano molto bene.

Quanto si scommette sugli eSport rispetto agli sport tradizionali?

Si stima che nel 2016 siano stati scommessi 5,5 miliardi di dollari sugli eSport. Questo numero è suddiviso tra tre tipi di scommesse: scommesse in contanti, scommesse con skin e scommesse criptate. Quest’anno quel numero è dovrebbe essere di 12,9 miliardi di dollari.

Per metterlo in prospettiva, i giocatori d’azzardo hanno scommesso più di 368 miliardi di dollari nel 2011 su eventi sportivi tradizionali. Anche se una bella fetta di quei soldi, poco meno di 32 miliardi di dollari proveniva dal gioco d’azzardo online regolamentato, gli altri $ 336 miliardi proveniva dal gioco d’azzardo offline.

Dato che l’adozione delle criptovalute è ancora molto lontana dal vedere le persone che la usano regolarmente in ogni negozio o casinò fisico ogni giorno, il fatto che il gioco d’azzardo online sia molto più popolare nel 2020 rispetto al 2011 lo è solo parte di ciò che il mondo delle criptovalute deve vedere affinché le scommesse e le criptovalute siano tanto popolari quanto farlo con denaro contante. Ma ovviamente la vera domanda è: le scommesse sugli eSports rimarranno stabili quando lo sport tornerà?

La risposta è molto probabilmente sì. I giocatori d’azzardo più seri che scommettono sugli sport tradizionali lo fanno perché sono fan degli sport tradizionali, ma non tutti i giocatori d’azzardo sportivi sono fan dei videogiochi, o almeno non abbastanza per scommettere su di esso. Quindi, mentre alcuni giocatori d’azzardo sportivi stanno certamente alimentando il loro bisogno di scommesse con gli eSport, i giocatori d’azzardo seri che sono nel gioco per fare soldi probabilmente non stanno buttando via la maggior parte delle loro criptovalute nei videogiochi come lo sono al ritorno del baseball o dell’NBA. per esempio.

Tuttavia, i numeri dimostrano che sia le scommesse sugli eSport che quelle sportive tradizionali sono qui per restare, indipendentemente dal fatto che tali scommesse siano piazzate in criptovaluta o meno..


Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Adblock
detector