Le nuove unità GPU prodotte da Asus saranno abilitate al mining

Il dominio delle criptovalute, almeno per la maggior parte di quelli del pubblico in generale e anche per molti tra i ranghi di sviluppatori, investitori e commercianti, è principalmente un’impresa software. Ciò significa che sono interessati ad applicazioni digitali che possono essere impiegate in relazione a bitcoin, ethereum o qualche altra rete di valuta digitale blockchain. Per tutti questi individui, l’hardware di back-end che abilita intere reti non ha un’importanza così grande. Sebbene sia lecito ritenere che nessuno ignori il fatto che esiste, il livello di interesse fornito all’hardware di mining dai non miner è minimo da tutti gli account per tutte le reti.

Ma di recente, una grande azienda di hardware per computer ha fatto un annuncio interessante relativo a questo stesso argomento, sopprimendo molti nel dominio della valuta digitale. L’azienda in questione se la taiwanese Asus e le loro nuove unità di elaborazione grafica che verranno vendute con una serie di caratteristiche che le rendono molto efficaci per il processo di hashing, altrimenti noto come coin mining.

Asus Mining Series

La notizia è arrivata quando la società ha rivelato le proprie schede grafiche Mining P106 e Mining RX 470. Entrambi sono stati progettati specificamente per gestire sia il calore che l’energia del processo di estrazione. Poiché i calcoli di hashing sono estremamente intensi, i mining rig, che di solito sono realizzati con unità GPU, devono essere molto robusti e anche concentrati sul loro compito principale. Praticamente senza interfaccia utente o altri elementi di un normale computer, i rig vengono posizionati online e qui sono i loro compiti utilizzando i pezzi di codice della loro rete.

Allo stesso tempo, è interessante notare che Asus non ha marchiato queste schede grafiche come elementi di futuri mining rig. Tuttavia, le persone non hanno impiegato molto a capire, soprattutto dalla presentazione dei prodotti e delle loro specifiche, che erano stati creati con l’obiettivo di estrarre ethereum. La più grande rete che supporta una valuta digitale, che è bitcoin, ha superato il livello del mining individuale.

Nella sua fase attuale, le miniere di bitcoin utilizzano quelli che vengono chiamati ASIC, o circuiti integrati specifici dell’applicazione. BTC è molto diffuso e utilizzato per qualsiasi cosa da poker online a utilizzare bitcoin per gli investimenti. Per questo motivo, le miniere utilizzate per supportare la rete sono enormi sistemi di piattaforme minerarie che sono distanti anni luce da qualsiasi operazione mineraria domestica.

Ma ora sembra che Asus abbia un’offerta interessante per chiunque sia in valute digitali ma non specificamente bitcoin. Con il potenziale di mining di Ethereum, Asus crede chiaramente che ci sia profitto da realizzare soddisfacendo questo mercato.

Ethereum Mining

Asus sta marchiando le proprie schede grafiche come dispositivi progettati con lo scopo di estrarre monete, motivo per cui sono in grado di fornire tassi di hash massimi mentre operano a un costo minimo. Con questo, è chiaro che Asus sta facendo di tutto a parte chiamare le proprie carte come elementi di mining.

La notizia arriva quando una carenza globale di schede grafiche colpisce la maggior parte delle regioni del mondo. I minatori dell’hobby hanno riferito che molti negozi locali stanno esaurendo questi prodotti, mentre anche i giganteschi rivenditori online come eBay o Amazon stanno esaurendo le loro scorte.

Per alcuni, questo ha tutte le caratteristiche di un GPU Rush che ha avuto luogo nel 2014. In questo periodo, altcoin come litecoin e dogecoin hanno iniziato ad essere minati da un pool di individui in crescita, acquistando tutte le scorte disponibili di schede grafiche. Questa volta, sembra che l’etere sia la moneta preferita da molti nuovi minatori.

Ma tutti coloro che decideranno di entrare in questo dominio incontreranno un problema crescente per la loro nuova operazione. Mentre le schede grafiche come queste lanciate da Asus potrebbero essere più efficienti, la difficoltà di hashing è in costante aumento, come impone il protocollo di rete di base.

Per Ethereum, il trend mostra un livello di difficoltà triplicato che si è verificato nel periodo tra la fine di aprile e la fine di giugno di quest’anno. Alla lunga, la stessa difficoltà continuerà a crescere ed è solo questione di tempo prima che la rete debba passare a una configurazione simile a quelle utilizzate dai miner di BTC per lungo tempo.

Investire in Ethereum?

Il mese di giugno 2017 è stato un periodo in cui molti credevano che avrebbe avuto luogo il cosiddetto flippening, in cui ethereum prende il posto di bitcoin come leader quando si tratta di capitalizzazione di mercato. Tuttavia, negli ultimi giorni, nulla degli inizi si è verificato poiché ETH ha iniziato a diminuire di prezzo.


Ora si aggira intorno ai 250 dollari e le indicazioni per la ripresa della rete in poco tempo sono, nella migliore delle ipotesi, dubbie. Uno dei motivi principali per cui è stato venduto così tanto ETH è il fatto che diversi ICO hanno iniziato a portare via fondi, alimentato da investitori che sperano di ottenere maggiori profitti in un lasso di tempo più breve.

Ma chiunque desideri intraprendere il mining di ETH dovrebbe essere pronto ad impegnarsi per un investimento a lungo termine. In caso contrario, devono avere un grande istinto di trading per ottenere un flusso costante di profitti. Lo stesso problema non esiste quando si parla di investimento ethereum a lungo termine e questo non cambierà con uno o anche più cali di prezzo sui mercati globali.

Forza latente della rete

Nonostante il calo, molti esperti hanno ancora una volta sottolineato la loro opinione che questa valuta digitale rimarrà molto rilevante ma produrrà anche un grande passo avanti in un momento futuro. Quando ciò accadrà, verranno realizzati grandi profitti, soprattutto quando si tratta dei minatori che hanno risparmiato le loro monete.

Il ribaltamento potrebbe non avvenire in una forma così intensa come suggerisce il nome: in questo momento, il denaro intelligente dice che accadrà, ma nessuno può dire con certezza quando. Ma il consenso è che la rete Ethereum guadagnerà in valore e posizione di mercato. Per questo motivo, chiunque abbia iniziato a estrarre ETH farebbe bene a conservare le proprie monete e ad aspettare l’aumento di prezzo che senza dubbio sta arrivando.

Fonte: CoinDesk

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map