La tendenza rialzista del greggio continua tra gli occhi del dollaro più deboli sulle cifre API!

Durante l’orario di negoziazione asiatica di mercoledì, WTI Il petrolio greggio è riuscito a mantenere il suo rally rialzista della sessione precedente, attirando ulteriori offerte intorno al livello di $ 53. Tuttavia, il prevalente pregiudizio rialzista sui prezzi del petrolio greggio era principalmente legato alle crescenti aspettative che l’amministrazione entrante di Joe Biden spingesse attraverso misure di stimolo statunitensi più massicce, che hanno alimentato le speranze per la domanda di carburante e un calo delle scorte di petrolio greggio..

Vale la pena spiegare che la candidata al Segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen ha recentemente spinto per un massiccio pacchetto di sgravi fiscali, che ha alimentato le speranze degli investitori sulla crescita e sulla ripresa economica dopo il COVID-19. Nel frattempo, anche l’ampia debolezza del dollaro USA, innescata dall’umore ottimista del mercato, ha svolto un ruolo importante nel sostenere i prezzi del petrolio greggio, poiché il prezzo del petrolio è inversamente proporzionale al prezzo del dollaro USA.

Al contrario, le crescenti preoccupazioni sui casi di COVID-19 e gli hard lockdown economicamente dolorosi continuano a sfidare lo slancio al rialzo del petrolio greggio. Dall’altra parte dello stagno, gli acquirenti di petrolio greggio non hanno prestato molta attenzione agli ultimi rapporti che suggeriscono che l’Agenzia internazionale per l’energia ha tagliato le sue prospettive per la domanda di petrolio del 1 ° trimestre di 580.000 barili al giorno, tra chiusure di frontiere e blocchi prolungati in Europa, in uno sforzo per fermare l’aumento dei tassi di infezioni da COVID-19. WTI Il petrolio greggio è attualmente scambiato a 53,40 e si consolida in un intervallo compreso tra 53,07 e 53,45. Andando avanti, i trader sembrano cauti nel posizionare posizioni forti prima dei dati sull’offerta di petrolio greggio degli Stati Uniti dell’American Petroleum Institute, che è previsto nel corso della giornata.

La S&I futures P 500 sono riusciti a mantenere la performance positiva dei 3 giorni precedenti, raggiungendo un record nella giornata. Dietro questa performance positiva c’erano i commenti ottimisti della candidata del Segretario del Tesoro Janet Yellen, che chiedeva maggiori spese di soccorso per il COVID-19. Secondo l’ultimo rapporto, durante la sua audizione di conferma al Senato davanti alla Commissione Finanze del Senato, la Yellen ha spinto il Congresso ad “agire in grande” sul rilievo COVID-19, e non preoccuparsi troppo del debito. Questi commenti positivi hanno aiutato il tono del rischio a rimanere positivo e hanno allontanato gli investitori dalla valuta rifugio degli Stati Uniti.

Dall’altra parte dell’oceano, anche l’indagine ZEW sul sentimento economico in Germania, migliore del previsto, ha svolto un ruolo dominante nel sostenere il sentimento del commercio di mercato. Il tono rialzista del sentimento del mercato globale favorisce gli acquirenti di petrolio greggio, a causa della debolezza del dollaro USA. Sul fronte dell’USD, il dollaro USA a base ampia non è riuscito a fermare i suoi movimenti ribassisti del giorno precedente, rimanendo depresso nel corso della giornata, poiché la domanda di beni rifugio è diminuita grazie ai progressi verso l’accordo su un massiccio stimolo fiscale statunitense. Vale anche la pena ricordare che i rendimenti del Tesoro degli Stati Uniti sono diminuiti dopo che Yellen ha annunciato che i tagli alle tasse per le grandi società, emanati nel 2017, dovrebbero essere abrogati, il che ha aggiunto un ulteriore onere al biglietto verde. Tuttavia, le perdite del dollaro USA hanno aiutato il petrolio a mantenere l’offerta. Nel frattempo, alle 21:17 ET (2:17 AM GMT), l’indice del dollaro USA, che traccia il biglietto verde rispetto a un secchio di altre valute, era sceso dello 0,11%, a 90,365

In alternativa, l’Agenzia internazionale per l’energia ha ridotto di 580.000 barili al giorno le previsioni per la domanda di petrolio del primo trimestre, tra le chiusure delle frontiere e i rigidi blocchi in Europa, nel tentativo di fermare le vertiginose infezioni da COVID-19. Questi rapporti negativi non sono riusciti a lasciare alcun impatto significativo sui prezzi del petrolio greggio, poiché il petrolio ha ottenuto una trazione positiva dall’umore ottimista del mercato e dal biglietto verde più debole.

Nel frattempo, le preoccupazioni sull’aumento del numero di casi COVID-19 e sui blocchi rigidi economicamente dolorosi continuano a sfidare le prestazioni ottimistiche del mercato. Questo è diventato un fattore chiave che potrebbe limitare i guadagni dei prezzi del petrolio greggio. Secondo l’ultimo rapporto, il numero di morti negli Stati Uniti per il coronavirus supera ora i 401.000 e il numero di casi nel paese è di oltre 24 milioni, al 20 gennaio. Il Regno Unito e gli estesi blocchi in Germania continuano a sfidare il sentimento ottimista degli scambi di mercato e contribuiscono ai guadagni nel ORO prezzi. Nel frattempo, i dati mostrano anche che il numero di casi a livello globale ha superato i 96 milioni. Un altro fattore che potrebbe mettere in discussione il sentimento di rischio potrebbe essere le segnalazioni di una probabile carenza di vaccini a New York e il rinvio della consegna del vaccino della Pfizer in Canada.

Oggi, l’attenzione degli investitori rimarrà sui dati sull’offerta di petrolio greggio degli Stati Uniti dell’American Petroleum Institute, che saranno attesi nel corso della giornata. Nel frattempo, i commercianti osserveranno anche da vicino il discorso di Biden alla Casa Bianca. Anche i dati sull’inflazione di Regno Unito, Europa e Canada decoreranno il calendario del giorno. I catalizzatori del rischio, come la geopolitica e i problemi del virus, continueranno a svolgere un ruolo importante. In bocca al lupo!

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Adblock
detector