Il petrolio greggio WTI non riesce a fermare la sua serie di perdite e raggiunge un minimo di cinque mesi!

Durante la prima sessione di negoziazione asiatica di venerdì, il prezzo del petrolio greggio WTI non è riuscito a porre fine al bias ribassista degli ultimi due giorni, scendendo a un minimo di cinque mesi intorno al livello di $ 35,00, a causa dei timori di un altro aumento globale dei casi di coronavirus e un aumento settimanale sorprendentemente ampio delle scorte di greggio USA ha tenuto sotto pressione il mercato energetico. Oltre a questo, la ripresa dell’offerta libica e un accordo norvegese potrebbero anche essere considerati come fattori principali che hanno tenuto sotto pressione i prezzi del petrolio.

Dall’altra parte dello stagno, la mancanza di progressi su un accordo riguardante il pacchetto di soccorso per il coronavirus degli Stati Uniti ha aggiunto un’ulteriore pressione ribassista ai prezzi del petrolio greggio. Nel frattempo, le preoccupazioni per le tensioni geopolitiche tra Stati Uniti e Cina stanno mantenendo sotto pressione il sentiment degli scambi di mercato, che ha un impatto ribassista sui prezzi del greggio. Anche la forza del dollaro USA a base ampia, sostenuta dall’umore di propensione al rischio sul mercato, ha svolto un ruolo importante nel minare i prezzi del petrolio, poiché il prezzo del petrolio è inversamente proporzionale al prezzo del dollaro USA. Al momento, il petrolio greggio viene scambiato a $ 36,08 e si consolida nell’intervallo compreso tra 34,93 e 37,77.

Il numero crescente di casi di COVID-19 ha rafforzato le restrizioni di blocco in tutta Europa, alimentando le preoccupazioni sulle prospettive di ripresa economica negli Stati Uniti e nel mondo. Secondo l’ultimo rapporto, Germania e Francia hanno dichiarato nuove misure per frenare la diffusione del virus, che a sua volta sta minando la domanda di petrolio greggio. Altrove, il Regno Unito sta iniziando a seguire lo stesso percorso, mentre anche Italia, Spagna, Portogallo e Polonia hanno registrato nuovi massimi in termini di casi giornalieri.

Inoltre, il sentimento ribassista che circonda i prezzi del petrolio greggio è stato ulteriormente rafforzato dalle scorte di greggio inaspettatamente grandi accumulate negli Stati Uniti per la scorsa settimana, come riportato dall’Energy Information Administration il giorno precedente, che ha sostenuto le preoccupazioni per il calo della domanda di carburante, in mezzo al peggioramento. diffusione globale di COVID-19, che sta minando il sentiment per quanto riguarda i prezzi del petrolio greggio. Sul fronte dei dati, le scorte di greggio sono aumentate di 4,3 milioni di barili, contro le attese di un aumento di 1,23 milioni di barili. Ciò avviene una settimana dopo che le scorte di greggio sono scese di 1 milione di barili. Di conseguenza, i prezzi del petrolio greggio sono crollati di circa il 5% durante la notte, scendendo al di sotto del supporto chiave di $ 40 al barile.

Oltre ai problemi del virus, la ragione dietro il sentimento cauto tra gli investitori potrebbe anche essere associata alla lunga lotta tra Stati Uniti e Cina sulla potenziale vendita di missili di fabbricazione americana a Taiwan, che sta aumentando continuamente di ritmo. D’altro canto, anche l’incertezza prevalente sul risultato delle elezioni presidenziali statunitensi ha attenuato l’umore del mercato. Secondo l’ultimo rapporto, i sondaggi nazionali mostrano che il rivale democratico Joe Biden ha un vantaggio sul presidente in carica repubblicano Donald Trump.

Sul fronte dell’USD, l’ampio dollaro statunitense è riuscito a mantenere la sua serie di vittorie per tutta la sessione precedente, poiché i trader preferiscono ancora le attività rifugio, a causa dell’attuale umore del mercato. Tuttavia, i guadagni del dollaro USA sono stati ulteriormente rafforzati dai dati sul PIL degli Stati Uniti più forti del previsto, che hanno affermato che la più grande economia mondiale si era espansa a un ritmo annualizzato del 33,1% durante il terzo trimestre del 2020. Tuttavia, il pregiudizio rialzista circostante il dollaro USA non è stato influenzato dall’intensificarsi dell’incertezza politica, in vista delle imminenti elezioni presidenziali statunitensi del 3 novembre. Tuttavia, i guadagni del dollaro USA potrebbero essere di breve durata o temporanei, a causa delle preoccupazioni che la ripresa economica negli Stati Uniti potrebbe fermarsi a causa della recrudescenza dei casi di coronavirus. Oltre a questo, i guadagni del biglietto verde sono stati ulteriormente rafforzati dalla mancanza di progressi per quanto riguarda un pacchetto di stimoli statunitensi, che ha messo i commercianti in uno stato d’animo cauto. Pertanto, i guadagni del dollaro USA sono diventati il ​​fattore chiave che tiene sotto pressione i prezzi del greggio, poiché il prezzo del petrolio è inversamente proporzionale al prezzo del dollaro USA. Tuttavia, i guadagni del biglietto verde hanno tenuto il petrolio sotto pressione. Nel frattempo, l’indice del dollaro, che contrappone il dollaro a un paniere di 6 valute principali, si attesta a 93,955.

Dall’altra parte dello stagno, il motivo delle perdite di greggio potrebbe anche essere associato alla ripresa della produzione in Libia, poiché il paese inizia ad espandere la propria capacità di produzione / esportazione dopo un blocco durato diversi mesi.

Al contrario, l’Arabia Saudita e la Russia hanno indicato la loro disponibilità ad estendere i loro tagli alla produzione di petrolio e posticipare gli aumenti pianificati quando si incontrano per i colloqui con i loro partner OPEC + alla fine di novembre, il che potrebbe aiutare a limitare le perdite più profonde dei prezzi del petrolio. Guardando al futuro, i trader di mercato terranno gli occhi sui movimenti dell’USD, in mancanza di dati / eventi importanti nel corso della giornata. Inoltre, anche i catalizzatori del rischio, come la geopolitica e le pene del virus, per non dimenticare la Brexit, saranno anche la chiave per guardare per una nuova direzione. In bocca al lupo!

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me