I progetti Blockchain dell’UE e il loro potenziale

L’impatto economico dell’esistenza dell’UE, la più grande alleanza politica e finanziaria del mondo, è abbondantemente chiaro. Nel mondo moderno, l’Unione europea è uno dei fattori più importanti della crescita e dello sviluppo globale. Allo stesso tempo, la natura dei suoi membri, che appartengono alla nazione sviluppata del Vecchio continente, fornisce lo sfondo perfetto affinché la stessa unione sia un fulcro del progresso tecnologico.

In realtà, la verità è che l’UE è in qualche modo in ritardo rispetto a paesi come il Nord America e l’Estremo Oriente. Oggi, non è vista come una regione in cui la tecnologia applicata viene spinta ai suoi limiti e ulteriormente evoluta. Ci sono molti luoghi nell’UE che producono soluzioni estremamente high-tech, ma queste si concentrano su industrie di nicchia o si svolgono nel più ampio contesto educativo o accademico.

A differenza dei suoi partner sviluppati nel mondo occidentale, l’UE ha molto da recuperare per raggiungere il livello di avanzamento tecnologico nelle regioni precedentemente menzionate. La tecnologia blockchain appartiene alla stessa categoria, essendo gravemente travisata nel file Circoli FinTech dell’UE. Tuttavia, ci sono alcune notizie che suggeriscono un cambiamento nel modo in cui questo problema viene affrontato da Bruxelles.

Condivisione delle informazioni aziendali

Il ramo esecutivo dell’UE ha recentemente svelato che sta creando un sistema basato su blockchain progettato per aiutare gli utenti ad accedere e condividere informazioni sul dominio delle società quotate che operano nel blocco. La notizia mostra che questo è ancora un progetto pilota ma che indica che l’UE è generalmente interessata a sviluppare progetti blockchain rivolti ai suoi cittadini.

Inoltre, esiste una connessione tra questo progetto e il cosiddetto osservatorio blockchain dell’UE. Si tratta di una configurazione in crescita da parte dell’UE in cui vengono spesi migliaia di euro settimanalmente con lo scopo di creare un sistema che potrebbe essere utilizzato per osservare e valutare il valore dei singoli progetti blockchain e il loro potenziale significato per i cittadini e le istituzioni dell’UE.

Il progetto citato in precedenza mira a fornire maggiore trasparenza nell’area aziendale, mentre altri potrebbero funzionare in modo diverso. Ma tutti dovrebbero essere collegati al settore pubblico dell’UE e al modo in cui fornisce i suoi servizi e informazioni ai cittadini del blocco.

Dato che questa suona come una grande idea per qualsiasi parte del mondo in cerca di crescita e sviluppo, dovrebbe essere naturale per l’UE. Tuttavia, la storia dei rapporti del blocco con le valute digitali in generale indica un punto di vista diverso.

Riluttanza ad accettare valute digitali

L’UE è stata un’entità che non ha mai fornito alcun supporto per le valute digitali esistenti non nazionali. Invece, ha offerto un muro di sistemi di protezione dei consumatori che vengono utilizzati per assicurarsi che i loro cittadini non subiscano in alcun modo torti dalle stesse valute digitali.

Per questo motivo, c’è la sensazione che l’UE non abbia simpatie per la comunità di sviluppo di bitcoin o qualsiasi altra cosa per quella materia. Invece, l’UE sembra preoccupata per le salvaguardie che sono state per lo più ritenute troppo restrittive dagli sviluppatori, in particolare la recente iniziativa di creare un database di tutti gli utenti di criptovaluta sul suo territorio.

Ci sono milioni di detentori di valuta digitale nell’UE, molti dei quali utilizzano BTC per accedere ai casinò online, investire bitcoin, acquistare cose online o fare qualsiasi altra cosa nella gamma di potenziali usi, le misure restrittive avrebbero un impatto su tutti loro. Allo stesso tempo, è diretto proprio al centro di ciò che le valute digitali offrono ai propri utenti: un livello di protezione dell’identità e anonimato, che è ciò che sembra essere incompatibile con il sistema giuridico dell’UE.

Digital Currency Bridge troppo lontano

Tutto ciò mostra che l’UE non è disposta a cercare di trovare un quadro giuridico per le valute digitali. La questione non ha nulla a che fare con la sua capacità di supportare tecnicamente questi cambiamenti, poiché i fondi spinti nell’iniziativa blockchain mostrano quanto supporto pratico e finanziario ci sia per le applicazioni blockchain che l’UE ritiene rilevanti.

Al contrario, manca la volontà politica di cercare di individuare un percorso per l’accettazione della valuta digitale nella popolazione del blocco. Questo approccio potrebbe essere pieno di preoccupazioni per la sicurezza, ma sta ostacolando lo sviluppo futuro del blocco, soprattutto contrassegnando alcune delle sue caratteristiche (anonimato) incompatibili con le sue leggi.


Recentemente, il Giappone ha dimostrato che anche le nazioni più sviluppate possono trovare un metodo per mantenere le loro leggi sulla protezione dei consumatori e lavorare ancora legalmente con le valute digitali (in questo caso, bitcoin). L’UE potrebbe provare a seguire la stessa strada, ma per ora non c’è abbastanza pressione o potenziale per i legislatori per farlo, motivo per cui le valute digitali rimangono un ponte troppo lontano.

La possibilità di Blockchain

A partire da ora, l’applicazione della blockchain nel progetto governativo sembra che rimarrà l’approccio desiderato dall’UE. Questi hanno chiaramente molto da offrire a qualsiasi paese, non solo all’UE, ma la natura sconnessa dello stesso processo dovrebbe preoccupare chiunque voglia vedere il blocco migliorare le sue possibilità di crescita economica futura.

Gli Stati Uniti sono un buon esempio del modo in cui potrebbero essere condotti gli affari quando si tratta di valute digitali e blockchain. Invece di avere un unico approccio unificato per regolamentare sia le valute digitali che lo sviluppo di queste iniziative blockchain, gli Stati Uniti stanno adottando un approccio oscuro. Chiaramente, a livello statale, c’è molta autonomia legata al suo problema, mentre il governo federale centrale sta investendo molto nella ricerca blockchain.

In questo modo, le porte per le valute digitali esistenti non si chiudono o si aprono completamente; questo, tuttavia, non ostacola il modo in cui vengono sviluppate altre applicazioni. Naturalmente, gli Stati Uniti non sono l’UE a molti livelli, ma lo stesso approccio indefinito potrebbe servire molto bene ai leader europei – invece di evitare le valute digitali prima che qualcosa possa essere completamente determinato su di loro, dovrebbe essere data loro una possibilità. Man mano che la loro configurazione e funzionalità individuali diventano più chiare, le commissioni di regolamentazione dovrebbero reagire, ma con la possibilità di fare ciò che ha fatto il Giappone e riconoscere una o più valute digitali come mezzi finanziari praticabili nel blocco.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map