Gli hacker di Twitter hanno catturato $ 121.000 in BTC. Scopri come tenere al sicuro le monete

Gli hacker di Twitter hanno avuto una giornata abbastanza in ufficio di recente, riuscendo a cavarsela Bitcoin per un valore di $ 121.000. Chiunque siano gli autori, ora possiedono quelle monete dopo aver ricevuto non meno di 400 diversi pagamenti Bitcoin dai tweeter. Il modo in cui hanno progettato la truffa è sconosciuto all’uomo comune, ma nel mondo Bitcoin non è una sorpresa, perché questo tipo di hack si verifica sempre.

Non solo la portata di questo particolare hack è impressionante, ma è piuttosto influente per quanto riguarda gli account Twitter che sono stati presi di mira. Vale a dire, questi criminali online hanno violato gli account di alcune delle figure pubbliche più importanti al mondo, tra cui il CEO di Tesla Motors Elon Musk e l’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama. Anche il racconto dell’attuale candidato alla presidenza Joe Biden è stato violato insieme a quasi una dozzina di altri influencer che la maggior parte delle persone riconosce.

L’attacco non era limitato solo agli individui. Anche l’account Twitter dei computer Apple è stato violato. Con questi tipi di hack che si verificano regolarmente negli scambi di criptovaluta e negli account dei social media, anche i giocatori d’azzardo in cerca di adrenalina più ad alto rischio vorranno fare tutto il possibile per proteggere i loro Bitcoin. Prendiamoci un momento per esplorare come farlo.

Non parlare di Bitcoin sui social media

Mentre gli influencer a volte possono cadere vittime degli hacker perché gli hacker sanno che i loro account ricevono traffico e quindi possono promuovere i loro indirizzi Bitcoin a un vasto pubblico e sperare di poter ingannare alcune persone, anche gli utenti regolari ogni giorno possono essere sfruttati e rubati criptovaluta grazie ai social media. Anche se non sei famoso. Come è possibile?

Gli hacker possono utilizzare qualcosa di noto come ingegneria sociale per ottenere l’accesso alla tua crittografia. Molti scambi di Bitcoin e siti di gioco d’azzardo ti permetteranno di utilizzare il tuo telefono per proteggere il tuo account. È qui che entra in gioco la sfida. Se un hacker sa che parli molto di Bitcoin sui social media e il tuo nome è sui tuoi profili di social media, può cercare il tuo nome. Se cercano abbastanza attentamente, potrebbero essere in grado di trovare il tuo indirizzo email, indirizzo di casa e numero di telefono. Molte volte con le società di telefonia cellulare, un nome, un indirizzo e-mail, un numero di telefono e un indirizzo di casa sono le uniche cose di cui hanno bisogno per apportare modifiche al tuo account.

Quindi un hacker anonimo prende le informazioni, finge di essere te al telefono, chiama la compagnia di telefonia cellulare e continua a chiamare finché non trova un rappresentante del servizio clienti abbastanza credulone da apportare modifiche al tuo account. Quindi cambiano la tua scheda SIM con una nuova che inoltra i tuoi messaggi al loro telefono e non al tuo. Una volta che hanno accesso al tuo telefono, possono cambiare le tue password e rubare il tuo Bitcoin. Questo è noto come ingegneria sociale.

Non archiviare Bitcoin online

La maggior parte dei giocatori d’azzardo che non conoscono Bitcoin pensano che sia sicuro archiviare valute digitali online perché Bitcoin e la blockchain non possono essere hackerati. Sebbene sia vero che entrambi non sono hackerabili, i siti web che memorizzano Bitcoin e altre criptovalute si trovano su server centralizzati. Quei server possono effettivamente essere violati. Ciò significa che se stai archiviando criptovaluta online, anche se possiedi il sito Web (nella maggior parte dei casi non lo sarai sul sito Web), quelle monete possono essere rubate.

La soluzione migliore è acquistare una chiave USB hardware, altrimenti nota come portafoglio hardware (Trezor e Ledger Nano S sono i marchi più popolari). I portafogli hardware ti consentono di archiviare le tue monete lontano dal tuo computer e lontano da Internet. Il portafoglio hardware memorizza i dati crittografici relativi alle tue monete personali direttamente sulla chiave, il che significa che nessuno può portarteli via, a patto che tu non li condivida. Questo ci porta al nostro ultimo consiglio.

Se non possiedi le tue chiavi private, non sei il proprietario dei tuoi Bitcoin

I dati crittografici privati ​​memorizzati su un portafoglio hardware o collegati a uno qualsiasi dei tuoi portafogli Bitcoin online fungono da timbro che identifica le tue transazioni sulla blockchain, proteggendo allo stesso tempo il tuo valore e rendendolo solo tuo. Ogni chiave privata è associata a una chiave pubblica che puoi condividere con altri. Quella chiave pubblica viene generata nell’indirizzo del portafoglio che hai effettivamente utilizzato per inviare e ricevere Bitcoin tra gli utenti sulla rete Bitcoin. In ogni caso, condividi la tua chiave pubblica dove preferisci, purché tu sia pronto per effettuare transazioni e inviare o ricevere monete.

Non condividere mai le tue chiavi private e meno vuoi che qualcun altro abbia accesso al tuo Bitcoin per tuo conto.

Bitcoin ti consente di essere la tua banca e di prenderti cura del tuo bankroll. Questa è roba potente. Tieni presente che con un grande potere derivano grandi responsabilità.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Adblock
detector