Criptovaluta anonima in fase di sviluppo da parte della Banca centrale norvegese

L’inizio di maggio 2017 ha sicuramente fornito alla comunità della valuta digitale alcune ottime notizie. In primo luogo, bitcoin ha ufficialmente battuto il suo record di moneta unica venduta per oltre $ 1400. Allo stesso tempo, l’ether ha raggiunto un prezzo di oltre $ 80, continuando una spettacolare scalata per un asset digitale relativamente nuovo. Con tutto questo, nessuno può incolpare così tante persone e persino aziende in questo settore che sono entusiaste del prossimo futuro e di ciò che porta.

Ma, mentre le notizie dai mercati sono spesso positive, ora c’è uno sviluppo su scala nazionale che è legato alla valuta digitale costruita su misura. Non sono una novità, ma in questo caso, ciò che è impressionante è il fatto che lo stato attuale della Norvegia e la sua banca centrale nazionale abbiano iniziato a ricercare un modo per creare e avviare la propria valuta digitale.

In un clima in cui molte nazioni sviluppate, paradossalmente, evitano o ignorano la valuta digitale, sembra che si sia deciso di andare avanti con un piano diverso. La maggior parte degli elementi di questo piano sono ancora in fase di elaborazione, la notizia mostra ancora che ci sono luoghi in cui l’idea di impiegare la valuta digitale non è solo qualcosa che deve essere respinto lungo la strada per la prossima entità decisionale.

Ecco i fatti chiave relativi al fatto che la Banca centrale norvegese sta entrando nel campo della ricerca e sviluppo blockchain.

Valuta digitale di Norges

Norges, la banca centrale norvegese, ha recentemente rivelato di essere nelle fasi iniziali della ricerca del potenziale per l’emissione della propria valuta digitale. La dichiarazione è arrivata dal vice governatore della Norges Bank, Jon Nicolaisen, che ha parlato all’Accademia norvegese di scienze e lettere.

Ha detto che c’è una chiara ascesa delle valute digitali, che oggi sono ampiamente utilizzate per cose che vanno da bingo bitcoin a cose come investimenti di capitale multimilionari effettuati esclusivamente in criptovaluta, inclusi gli investimenti in bitcoin. Per questo motivo, il vice governatore ha affermato che è importante percepire il progetto di ricerca di Norges alla luce di un mondo in cui l’uso delle criptovalute sarà un evento normale.

Ha aggiunto che questo tipo di valore monetario è particolarmente interessante per alcuni tipi di utenti, inclusi fattori come i sistemi operativi peer-to-peer e l’anonimato degli utenti. Qui, sembra che Norges abbia affrontato il problema con un’interessante dose di pensiero pragmatico. Nella stessa dichiarazione, Nicolaisen ha affermato che esistono già blockchain private, incluso bitcoin, che sono già sul mercato e che forniscono queste funzionalità.

Questi possono, secondo lui, continuare a funzionare anche in caso di totale fallimento dei sistemi bancari. È necessaria solo una connessione Internet e possono continuare a funzionare senza sosta, proprio come i sistemi che la utilizzano su larga scala, come eSports e molte altre iniziative solo online.

Potenziali funzionalità della valuta digitale

Grazie a tutte queste realtà dell’attuale dominio della valuta digitale, Norges Bank ha deciso di provare a imitarne alcune per il proprio progetto. Questo è il motivo per cui sta ora valutando la creazione di una valuta digitale che i loro clienti possono tenere su un conto presso la banca, eliminando la necessità di un portafoglio digitale esterno aggiuntivo.

Un’altra opzione include la Norges Bank che crea un’app che consentirebbe pagamenti anonimi più simili ai contanti rispetto alle transazioni tradizionali. Sembra inoltre che la banca sia disposta a esplorare opzioni ancora più audaci all’interno della sua ricerca e trovare un modello che si adatti sia al loro quadro di riferimento per lo sviluppo sia alle esigenze dei loro clienti.

Per ora, entrambe le opzioni sembrano una valida strada per ulteriori esplorazioni e potenziali progetti pilota. Una volta convalidata, la banca di Norges non avrebbe grosse difficoltà a portare l’idea al livello di un prodotto attivo disponibile con il suo marchio. Questo sarebbe vero almeno per il mercato interno.

Un’altra iniziativa della banca centrale

Per chiunque si occupi del dominio delle valute digitali e della blockchain, in particolare, non c’è novità nell’idea che una banca centrale stia sperimentando questa forma di FinTech. In questo momento, diverse grandi banche centrali stanno lavorando a iniziative simili, inclusa la Banca centrale cinese che allo stesso tempo sta cercando di reprimere scambi di bitcoin nazionali. Tuttavia, il rappresentante di Norges ha ancora affermato che i loro sforzi sono cruciali per il futuro stato dell’ecosistema finanziario.


Ha detto che per molti consumatori, la moneta elettronica potrebbe essere un’ottima alternativa se non desiderano depositare denaro in contanti in una banca tradizionale, poiché il processo funziona oggi. All’altro capo di questa equazione, le banche hanno la capacità di attirare i clienti utilizzando i tassi di interesse che offrono.

Tuttavia, c’è la convinzione nella Norges Bank che la capacità delle banche di generare profitti ed estendere il credito potrebbe essere sostanzialmente influenzata quando le nuove forme di moneta elettronica entreranno in uso diffuso. In questa semplice idea si può affermare l’intera motivazione di fondo di questa banca centrale: cambiare o affrontare potenziali problemi a causa del cambiamento globale che sta arrivando, non importa quale.

L’ecosistema norvegese

A parte la posizione intelligente della banca centrale, l’intero paese della Norvegia ha una serie di vantaggi che si agevolerebbero in qualsiasi valuta digitale nazionale. In primo luogo, la popolazione del paese è piccola ma è sostenuta da un apparato statale estremamente ricco e da un’agenda socialdemocratica stabile. Ciò fornirebbe una base per la parità di accesso alla valuta digitale, indipendentemente dalla sua forma.

Quindi, il paese non è nell’UE, il che gli consente di aggirare i problemi che gli Stati membri potrebbero affrontare quando questo tipo di iniziative entrano in gioco altrove. Inoltre, il paese ha un sistema economico sviluppato e diversificato, quindi questi tipi di servizi FinTech potrebbero essere facilmente accettati dai cittadini, specialmente quelli che vivono nelle regioni remote dove qualsiasi tipo di pendolarismo richiede molto impegno.

In questo caso, avere un mezzo aggiuntivo solo online per gestire le finanze personali, o anche quelle appartenenti a piccole aziende, potrebbe essere un enorme vantaggio. Con tutto questo per Norges Bank, non c’è motivo di dubitare che l’attuale ricerca potrebbe facilmente diventare una delle prime risorse finanziarie digitali nazionali al mondo.

Fonte: CoinDesk

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Adblock
detector