Un’intervista esclusiva con il vicepresidente di un fornitore di servizi di cloud mining multifunzionale, Cryptouniverse

In un’intervista esclusiva con il VP di Cryptouniverse, ha spiegato come un minatore non ha bisogno di fare un grande investimento per iniziare l’estrazione. Ha spiegato come, con Cryptouniverse, un utente può iniziare il mining con soli $ 50 [circa].

          1. Come è nato il progetto CryptoUniverse.io? 

La nostra storia risale al 2015. L’industria delle criptovalute stava appena iniziando a formarsi. Per due miei amici e l’attività mineraria era una passione. Analizzeremmo la tecnologia blockchain, le criptovalute e il mining di POW, acquisteremmo e testeremmo ogni scheda video che potremmo trovare. 

Nel 2017 abbiamo creato la nostra prima fattoria di prova. Abbiamo iniziato con solo due rig, ma due mesi dopo avevamo già 54 rig, 10 ASIC S9 e stavamo aspettando che venisse consegnato un L3 nuovo di zecca. Entro ottobre abbiamo creato la seconda fattoria mineraria. L’esecuzione di test farm ci ha permesso di raccogliere un gran numero di statistiche inestimabili e di avere un’idea di cosa funziona e cosa no. 

2. Quando è stata fondata la società e da chi? 

Abbiamo creato CryptoUniverse il 14 febbraio 2018, con gli stessi due miei colleghi che erano stati nel progetto sin dall’inizio. Allora avevamo un team di 8 persone, ma in un paio di mesi abbiamo aperto una nuova sede e il nostro personale è quadruplicato. Quindi abbiamo messo insieme tutta la nostra esperienza di mining e le statistiche e abbiamo costruito il nostro primo data center completamente funzionante a Kirishi, nella regione di Leningrado. Da allora ci siamo espansi. Attualmente la nostra azienda ha attualmente 126 dipendenti e siamo rappresentati in diversi paesi.

3. Fornire il riepilogo corrente dell’azienda. Quali erano gli obiettivi della creazione di CryptoUniverse?

La nostra visione iniziale era di introdurre più persone nel mondo della criptovaluta e della blockchain. L’obiettivo è creare fiducia e creare una piattaforma trasparente e di facile utilizzo in cui tutti possano accedere facilmente all’industria mineraria. 

Al momento, CryptoUniverse offre servizi di cloud mining con una vasta gamma di contratti per qualsiasi strategia e budget e sta sviluppando anche nuove funzionalità. Mettiamo al primo posto le esigenze dei nostri clienti, quindi miriamo a ridurre il numero di clic. Uno degli ultimi progressi è un’opzione per effettuare pagamenti con Visa e Mastercard. 

4. Piani per i prossimi cinque anni?

Poiché il numero dei nostri clienti è in costante crescita, stiamo aumentando. Quest’estate abbiamo in programma di aprire un nuovo data center avanzato. Sarà un technopark, dove, oltre alle criptovalute, lavoreremo con AI, BigData e IoT. In secondo luogo, stiamo sviluppando una nuova piattaforma con funzionalità avanzate. Sarà uno spazio in cui puoi estrarre, archiviare i tuoi guadagni, scambiare criptovalute, vendere e acquistare contratti di mining e così via. 


Oltre a ciò, abbiamo in programma di entrare nel mercato statunitense. Lavoreremo anche ai nostri progetti collaterali, ad esempio l’Università mineraria, dove forniremo conoscenze rilevanti nel campo delle criptovalute. 

5. Dove si trovano i Data Center? 

Il nostro data center principale si trova a Kirishi, in Russia, e il nuovo sarà costruito nella regione di Irkutsk. Abbiamo deciso di sfruttare il clima freddo della Siberia e il facile accesso all’energia idroelettrica. Ci consente di risparmiare sui sistemi di raffreddamento, così possiamo essere più efficienti dal punto di vista energetico, fissare prezzi contrattuali bassi e, ultimo ma non meno importante, essere più green.

6. Parla della tua attrezzatura: è competitiva?

Assolutamente. Testiamo costantemente nuovi modelli di miner nei nostri data center e offriamo solo i modelli che si sono dimostrati più efficienti. Ad esempio, lo scorso maggio abbiamo acquistato nuovi minatori da Сanaan (AvalonMiner 852, 911 1041F, 1041) e Bitmain Antminers (S15, T15, S17, T17). Stiamo collaborando con i principali produttori di attrezzature minerarie: abbiamo lavorato con Bitmain e Canaan e Innosilicon si unirà a loro nel prossimo futuro come nostro nuovo partner.

7. Puoi sfatare il mito che per essere un minatore hai bisogno di molto capitale iniziale per le attrezzature? 

In realtà, non è un mito. I costi di mining dipenderanno dalle tue strategie. Se costruisci il tuo sistema di mining, il capitale iniziale richiesto è elevato, così come i costi di manutenzione. I minatori domestici devono imparare a lavorare con il software, mantenere lo stato operativo, fornire un raffreddamento costante delle apparecchiature e affrontare il problema del rumore. I costi dell’elettricità possono consumare oltre il 50 per cento del loro reddito. Il cloud mining è molto più accessibile. Quando scegli di estrarre nel cloud, deleghi tutti questi problemi al tuo provider di cloud mining.

8. Quanto capitale è sufficiente per diventare un minatore sulla tua piattaforma? 

Non avrai bisogno di un grande capitale per iniziare il mining con CryptoUniverse. L’importo minimo dell’investimento iniziale è di circa $ 50. Sto dicendo “circa”, perché la volatilità del mercato delle criptovalute è elevata e i prezzi cambiano leggermente continuamente, a volte anche più spesso di una volta al giorno. Tuttavia, il prezzo del contratto è paragonabile al costo di uscire in un bar. L’estrazione mineraria è un’alternativa più sana.

9. Come si può investire in queste piattaforme?

Acquistando hashrate, comprando minatori o investendo direttamente nell’azienda. L’acquisto di hashrate è il modo più semplice per iniziare il mining. Acquistare il proprio minatore è più redditizio a lungo termine, ma è un investimento a lungo termine – minimo 2-3 anni. In futuro, ci sarà anche un’opzione di partecipazione al capitale nell’acquisto di un minatore.

Ultimamente ci sono stati molti progetti sospetti di crittografia e sono consapevole che molti investitori hanno paura di entrare nel mercato a causa della paura di perdite o frodi. CryptoUniverse è sinonimo di fiducia e trasparenza totale. I nostri data center sono reali e aperti alla visita di tutti i nostri clienti e potenziali investitori.

10. Quali criptovalute o metodi di pagamento utilizzi?  

Estraiamo BTC e LTС, le criptovalute che si sono dimostrate le più stabili negli anni. Ovviamente li accettiamo entrambi. Ci sono anche opzioni per effettuare pagamenti tramite SWIFT e il sistema europeo SEPA sul conto corrente IBAN. Recentemente, abbiamo stretto una partnership con Connectum, una banca online che ha una licenza finanziaria in Gran Bretagna e acquisisce licenze da VISA e Mastercard, che garantiscono affidabilità e alta qualità dei servizi che forniscono. Quindi ora accettiamo anche pagamenti con carta.

11. Quali garanzie offrite ai vostri clienti in termini di sicurezza? Ci sono stati casi in cui gli hacker sono entrati in portafogli e scambi.

Abbiamo affrontato in maniera esaustiva il tema della sicurezza, partendo dalla scelta dei materiali da costruzione per i nostri data center, fino ad elaborati hack e protezioni antifrode. CryptoUniverse ha un sistema di sicurezza e monitoraggio unificato con un sistema di avviso duplicato. Gli specialisti in sicurezza e IT sono in servizio 24 ore su 24, 7 giorni su 7. 

Il sistema è protetto da DDOS e attacchi di hacker e i server vengono controllati ogni mese. Per proteggere i fondi, utilizziamo cold wallet e chiavi private crittografate. Quando qualcuno cerca di prelevare denaro, il sistema esegue un’analisi comportamentale; quindi ogni transazione passa attraverso un audit manuale. Sì, aumenta il tempo di elaborazione ma fornisce in cambio un elevato livello di protezione. Grazie a questo sistema, non c’è stata una singola situazione discutibile relativa al processo di prelievo nell’intera storia di CryptoUniverse. Oltre a tutto quanto sopra, abbiamo 700mila dollari nel nostro capitale sociale, quindi abbiamo la piena responsabilità finanziaria. Possediamo il terreno e gli edifici, il che ci rende indipendenti dagli inquilini e costituisce anche una parte preziosa del nostro patrimonio.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Adblock
detector