Informarsi su tasse e criptovalute

Le tasse non devono essere tassative, secondo il vecchio slogan di HMRC, e fintanto che sei a conoscenza delle regole che possono essere applicate anche agli investimenti in criptovaluta.

Guardare bitcoin, litecoin e altri asset aumentare e diminuire di valore rende gli investimenti in criptovaluta un passatempo entusiasmante e potenzialmente redditizio. Ma, come con la maggior parte delle cose nella vita, se guadagni soldi, sei tenuto a pagarne una parte al fisco.

Per aiutarti a capire se potresti dover pagare delle tasse, prova Calcolatore delle tasse di eToro – aggiungi semplicemente le tue operazioni di criptovaluta, oltre ai guadagni da altre risorse, e il calcolatore calcolerà se potresti dover pagare delle tasse. È inoltre possibile scaricare il file da mostrare a un consulente fiscale o professionista fiscale.

calcolatrice crittografica

In alternativa, ascolta eToro UK, HMRC, Deloitte e ICAEW webinar sulla criptovaluta, l’attuale panorama delle criptovalute e il futuro delle criptovalute. Oppure dai un’occhiata al nostro facile da capire criptovaluta infografica

Qui, esamineremo alcuni dei modi principali in cui potresti ritrovarti con una fattura fiscale, ma anche come puoi compensarne una parte. Questo non è un elenco esaustivo, ma intende evidenziare alcuni dei punti chiave da considerare.

Tassa sul reddito

Siamo tutti abituati alla sensazione di lavorare sodo tutta la settimana solo per vedere il fisco prendere una parte del nostro stipendio. Con gli investimenti in criptovaluta, potresti dover soffrire lo stesso.

Anche se toccare un pulsante “acquista” o “vendi” non equivale a fare un turno di 12 ore, in alcuni casi, HMRC può classificare le tue azioni come guadagni.

Se il fisco sospetta che la tua attività di acquisto e vendita costituisca “scambio”, potrebbe picchiarti con un conto sui guadagni che realizzi.

Tuttavia, il trading, almeno per quanto riguarda i mercati finanziari, è una carriera a tempo pieno, quindi dovresti fare un numero significativo di transazioni per stuzzicare l’interesse del fisco.

Finora, non ci sono limiti pubblicati su ciò che potrebbe comportare il “trading”, ma vale la pena essere consapevoli.

L’estrazione mineraria può attirare l’imposta sul reddito in quanto può essere percepita come un lavoro. Nonostante sia il computer che mette le ore per eseguire i calcoli complessi per posizionare le transizioni sulla blockchain, sei tu che il fisco vede come prendere il guadagno.

Finora, HMRC non ha pubblicato il limite superiore del mining esentasse, ma se hai un seminterrato pieno di dischi rigidi ronzanti giorno e notte, bussare alla porta del fisco potrebbe essere qualcosa da considerare.


Imposta sulle plusvalenze

La CGT è uno dei fatti della vita adulta che può sembrare un po ‘ingiusto.

Compri un disco a una svendita del bagagliaio di un’auto che risulta essere l’ultima registrazione in assoluto di Elvis: l’HMRC vuole una fetta del profitto. Qualcuno ti regala un piccolo gingillo da caminetto che risulta essere una reliquia chiave della rivoluzione russa: il fisco vuole la sua parte di ciò per cui lo vendi a Mosca.

E così è con le criptovalute. Se vendi un’attività a un prezzo più alto di quello che hai pagato, potresti essere responsabile per CGT. Nonostante questo sia il punto di investire in qualsiasi risorsa, HMRC vuole una parte dell’azione.

imposta sulle plusvalenze

La regola CGT si applica se hai acquistato i token anni fa quando hai sentito qualcuno menzionare bitcoin sull’autobus, dimenticato, poi venduto al massimo nel 2017 o anche solo acquistando lunedì e vendendo venerdì.

Si applica anche se qualcuno ti dà dei gettoni in regalo o in cambio di qualcos’altro.

Ma ricorda, non è il processo di ricezione che ti rende responsabile, è la vendita per un profitto di cui HMRC tiene.

Compensazione

Tuttavia, ci sono buone notizie.

Come per tutte le tasse, ci sono modi per compensare la bolletta. Con l’imposta sul reddito, come con il tuo stipendio quotidiano, le spese che hai sostenuto per consentirti di svolgere il lavoro possono compensare la responsabilità.

Potresti non aver bisogno di stivali da lavoro, un elmetto o un MBA per acquistare gettoni, ma ci sono alcuni elementi di cui potresti legittimamente aver bisogno per scambiare criptovalute e ricavarne un reddito.

CGT offre anche alcune utili opportunità di compensazione che vale la pena esplorare. Ad esempio, ogni anno, puoi guadagnare £ 12.000 in questi guadagni inaspettati percepiti prima che la CGT entri in gioco. L’importo viene adeguato (di solito in aumento) ogni anno, quindi tieniti aggiornato su questo.

Inoltre, puoi richiedere il rimborso delle spese contro la responsabilità fiscale per tutto ciò di cui avevi bisogno per migliorare, mantenere o persino acquistare e vendere l’attività che ti ha reso il profitto.

Mentre nel mondo delle risorse fisiche, questo potrebbe estendersi al deposito di un’auto d’epoca o alla ristrutturazione di una casa, in cryptoland questo potrebbe significare pagare per portafogli sicuri o pubblicità per acquirenti / venditori dei tuoi token.

Vale la pena fare la tua ricerca qui, in quanto potrebbe essere un modo per evitare di cancellare i tuoi profitti e puoi compensare il tuo CGT fino a quattro anni.

Tocca a voi

C’è una cosa fondamentale da ricordare con tutto questo: la responsabilità di tutto questo è su di te.

Devi dichiarare all’HMRC qualsiasi guadagno, guadagno e compensazione – e devi farlo in modo tempestivo. Proprio come devi compilare una dichiarazione dei redditi ogni anno o chiedere al tuo datore di lavoro di farlo per te, così è con le criptovalute.

Se il fisco viene a chiamare (o più probabilmente ti manda una lettera), l’ignoranza non è una difesa. Sta a te essere informato.

E non pensare che nemmeno l’HMRC sappia cosa stai facendo. Tutti i broker regolamentati dalla Financial Conduct Authority del Regno Unito segnalano tutte le transazioni effettuate sulla loro piattaforma all’HMRC su base annuale.

Inoltre, ricorda che il fisco ha poteri di vasta portata per entrare nei conti bancari e guardare quello che abbiamo fatto tutti … e preferisce essere tenuto aggiornato piuttosto che doverlo scoprire da solo.

Infine, HMRC ha bisogno che tu segnali ciò che devi nella valuta ufficiale del Regno Unito, piuttosto che in USD, che è ciò in cui viene solitamente valutata la crittografia. Ci sono molti calcolatori online che possono aiutarti a farlo, con dati che risalgono a anni fa quindi tu può vedere con precisione ciò che hai fatto (o perso).

Potrebbe sembrare tutto oneroso, ma a volte è la vita. È meglio stare dalla parte del fisco: potrebbe persino diventare un amico.

I Cryptoassets sono strumenti volatili che possono fluttuare ampiamente in un lasso di tempo molto breve e quindi non sono appropriati per tutti gli investitori. Oltre che tramite CFD, il trading di asset crittografici non è regolamentato e quindi non è supervisionato da alcun quadro normativo dell’UE. Il tuo capitale è a rischio.

eToro non rappresenta alcun ente governativo. Dovresti verificare con un professionista fiscale o HMRC se stai pagando il giusto importo di tasse.

Applicabile solo ai contribuenti del Regno Unito.

 

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Adblock
detector