Grafici storici dei prezzi del gas naturale – Cronologia dei prezzi del gas naturale

Il gas naturale è la più importante fonte di energia, dopo il petrolio e il carbone. L’uso del gas naturale è aumentato rapidamente e si prevede che questo combustibile supererà il carbone e passerà al secondo posto entro il 2030.

I maggiori paesi produttori di gas naturale sono Stati Uniti, Russia, Iran, Qatar, Canada e Norvegia. Non è prodotto solo in questi paesi. Lo hanno anche esportato in altri paesi del mondo, a causa della sua abbondanza. Per il processo di esportazione, il gas viene trasportato attraverso condotte o come gas naturale liquefatto (GNL).

Quasi un quarto del consumo energetico degli Stati Uniti è basato sul gas naturale. Il prezzo di riferimento nazionale è solitamente determinato dal contratto futures sul gas naturale della divisione NYMEX, che viene scambiato in unità di 10.000 mmBtu. Le fluttuazioni dei prezzi del gas naturale dipendono da molti fattori, tra cui il lato dell’offerta e della domanda del mercato, che copre la produzione di gas naturale degli Stati Uniti, la produzione di petrolio degli Stati Uniti, le esportazioni in Messico, i livelli di stoccaggio sotterraneo, le condizioni meteorologiche, le esportazioni di GNL, le condizioni economiche, e prezzi dei carburanti alternativi.

Gas naturale – Grafici e dati storici dei prezzi

Gas naturale – Grafici storici dei prezzi:

Grafico di 25 anni

Grafico di 10 anni

Grafico a 5 anni

Grafico di 1 anno

Perché guardare ai prezzi storici del gas naturale?

Ci sono molteplici fattori coinvolti nella determinazione di un bias ribassista nel gas naturale. Esploriamoli uno per uno, al fine di prevedere il prezzo del gas naturale.


Riduzione della domanda / dei consumi a causa del clima mite – Il gas naturale è sceso nei suoi principali mercati nei primi mesi di quest’anno, a causa delle temperature storicamente miti nell’emisfero settentrionale. Secondo gli operatori del sistema di trasporto del gas naturale, il clima più mite in Europa ha spinto verso il basso la domanda di gas naturale del 2,6% previsto nel primo trimestre del 2020, rispetto all’anno precedente. La combinazione di un basso consumo energetico legato al riscaldamento e un’elevata produzione eolica ha causato un calo del 3% nel consumo di gas naturale da parte dei clienti della distribuzione e un calo del 5% nella produzione di energia a gas.

Al contrario, la domanda di gas naturale negli Stati Uniti è diminuita del 4,5% nel primo trimestre del 2020, contro i prezzi dell’anno precedente. Questo è stato seguito da un forte calo della domanda residenziale e commerciale, di quasi il 18%. Anche il consumo di gas naturale nei mercati asiatici maturi si è contratto, poiché le importazioni di GNL in Giappone sono diminuite del 3% nel primo trimestre di quest’anno. Anche la vendita interna di gas naturale in Corea si è contratta del 2,5% nei primi 2 mesi dell’anno. Anche la domanda in Russia e in altri mercati eurasiatici è diminuita, poiché il consumo di elettricità russo nei primi tre mesi del 2020 è diminuito dell’1,9%. Questa bassa domanda, a causa dei minori consumi a causa del clima mite, ha causato un trend ribassista del gas naturale.

Crescita dell’offerta – Il commercio globale di GNL è aumentato del 13% nel primo trimestre di quest’anno, poiché la produzione di gas secco negli Stati Uniti è cresciuta del 7%. In questo periodo, l’Europa ha avuto una quota di quasi il 60% delle importazioni di GNL. Le scorte di stoccaggio sotterraneo sono aumentate e le importazioni di gasdotti sono diminuite sia nell’UE che negli Stati Uniti. Le scorte di gas naturale negli Stati Uniti sono aumentate del 77% rispetto all’anno precedente. Questo aumento è stato del 17% superiore al livello medio di 5 anni. Nel frattempo, in Europa, le scorte di stoccaggio sono aumentate del 40%, a un livello superiore dell’80% rispetto alla media quinquennale. I prezzi spot eccezionalmente bassi hanno sostenuto tutti questi aumenti delle scorte. Quest’anno, i prezzi spot del gas naturale dell’Henry Hub negli Stati Uniti sono stati al livello medio più basso per il primo trimestre dal 1999. Nel frattempo, il prezzo del TTF europeo ha raggiunto il livello più basso dalla sua istituzione nel 2003. Anche l’aumento dei volumi di stoccaggio del gas naturale ha pesato sul prezzi.

I blocchi indotti dalla pandemia del Coronavirus – L’epidemia di COVID-19, che ha raggiunto il suo picco a febbraio, ha causato una massiccia contrazione del consumo di gas, a un livello prossimo allo zero. L’utilizzo globale del gas naturale nei settori industriale e della produzione di energia è stato ridotto a metà marzo a causa delle restrizioni di blocco, che sono state imposte nel tentativo di controllare la diffusione del coronavirus. Tuttavia, il consumo della rete di distribuzione non è stato influenzato, a causa della ragionevole domanda dal lato residenziale. In Europa, la domanda di gas naturale è diminuita, con la Germania che ha registrato un calo del 3% e i Paesi Bassi che hanno registrato un calo del 7%, rispetto al 2019. Ma la pressione rimane sui prezzi del gas naturale, poiché i timori di una seconda ondata di coronavirus sono pesare sul mercato. Tuttavia, la pressione sarà bassa rispetto a marzo, poiché i blocchi sono stati rimossi e le economie hanno ricominciato a crescere. Il rallentamento dell’attività economica ha fatto diminuire i consumi industriali di gas naturale di 1,4 Bcf / g a luglio rispetto all’anno precedente, compensando i consumi e pesando sui prezzi del gas naturale.

Uragano Laura – Recentemente, l’uragano Laura è atterrato e ha interrotto numerosi impianti di esportazione di GNL e operazioni di raffineria. Ciò ha disturbato l’esportazione di gas naturale e ha influito sui prezzi della merce.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Adblock
detector