L’esplosione del prezzo di Bitcoin definisce la criptovaluta come una fonte di guadagni più elevati in mezzo all’incertezza del mercato globale

Il mercato delle criptovalute ha attraversato un boom inaspettato negli ultimi mesi, nonostante i casi di coronavirus siano ripresi con un ritmo crescente in tutto il mondo. Dall’inizio dell’anno, il prezzo di ETH e BTC, le criptovalute più popolari, è aumentato rispettivamente del 200% e del 65%, il che ha anche spinto le commissioni di transazione di rete completamente vicine al massimo storico. Il capitalizzazione di mercato di entrambe le criptovalute ha raggiunto le vette del cielo nel 2020 e il numero di attivi Bitcoin e Ethereum gli indirizzi sono diventati il ​​secondo più alto dopo l’esplosione dei prezzi di dicembre 2017.

Criptovaluta come rifugio sicuro

La spiegazione alla base di questo eccezionale rapporto prezzo-prestazioni è nascosta contemporaneamente in una serie di fattori determinanti. Una è una preoccupazione sempre crescente che circonda COVID-19 e il suo effetto macroeconomico sull’economia globale, il che dà il vantaggio di un dubbio se la piena ripresa avrà finalmente luogo prima che il vaccino venga esplorato e distribuito al pubblico. Tenendo conto dell’assenza di passaggi definitivi fino ad ora, questo potrebbe fornire una spiegazione del motivo per cui un’ampia frazione della popolazione ha spostato i propri asset in criptovalute invece che in fiat convenzionale. Anche il ricerca di JPMorgan evidenzia che le criptovalute condividono un fascino molto più ampio tra i millennial, che preferiscono conservare le proprie risorse in criptovalute per il prossimo periodo di un’economia globale sempre più volatile, al contrario dei baby boomer, che mostrano una chiara inclinazione all’acquisto di oro.

In secondo luogo, la risposta all’aumento dei prezzi delle risorse digitali risiede nella fornitura di token. Con le criptovalute come il bitcoin, che per la sua scarsità meritava un riferimento di ‘oro digitale’, è già in testa alla lista delle criptovalute il cui prezzo sta pompando a causa della sua natura molto limitata di token in circolazione – è stato frenato proprio a 21 milioni. Ancora più stimolato da un atteggiamento normativo amichevole delle autorità, compresa la più recente approvazione di un fattura di criptovaluta in Russia supportando il rilascio di token da parte delle società e nominando la criptovaluta come proprietà tassabile, Bitcoin sta ora avendo le sue ruote orientate verso un’adozione globale ancora più ampia.

Anche le stablecoin stanno affrontando un’ondata crescente di interesse. Poiché Tether è utilizzato principalmente da molti trader come deposito intermedio durante brevi pause tra le negoziazioni, la sua circolazione composta all’interno della rete ha raggiunto 10,3 miliardi. Inoltre, sempre più organizzazioni di fama mondiale nutrono interesse nell’emettere i loro token. Uno degli esempi più notevoli è Goldman Sachs, che solo pochi mesi fa ha criticato Bitcoin per la sua natura speculativa, ma in seguito fece una dichiarazione in merito una possibile liberatoria del token della banca. Dopo un lungo giro di colloqui, Moneta JPM è troppo predetto per nascere presto.

Il mercato delle criptovalute si trasforma in un pool di enormi guadagni per i commercianti

Vedendo l’aumento della popolarità della crittografia e della crittografia, questa tendenza ha già spinto le nuove società ad accelerare la loro posizione nel mercato delle criptovalute. Dal momento che alcuni dei file scambi Già saldamente affermate in questo ambiente, non è raro che nuove aziende si uniscano al circolo per promuovere le caratteristiche di funzionalità avanzate. Soprattutto, questo è pertinente per quanto riguarda il trading con margine, già replicato con successo dopo un mercato Forex. Essendo una soluzione abbastanza nuova nel dominio delle criptovalute, è attualmente incorporata da non più di 30 piattaforme di trading, di cui solo Bitmex, Bybit, FTX, Bitfinex e Deribit sono abbastanza vicini all’idea di un trading a margine completo terminale.

L’aggiunta più rilevante a questo elenco è WhiteBIT – lo scambio che si è concentrato sul commercio di coppie di valute ad alta liquidità, come Euro (EUR), Rublo russo (RUB), Lira turca (TL) e Grivnia ucraina (UAH) contro asset di criptovaluta di maggiore tendenza. Ciò che lo rende particolarmente distinto è la leva fino a x25, che proviene dal pool di oltre 180.000 partecipanti. Facendo la prima apparizione pubblica nel 2018, la piattaforma è già saldamente radicata nel mercato e si è dimostrata un meccanismo affidabile resistente agli attacchi degli hacker, principalmente per la sua caratteristica di cold wallet.

Tutto sommato, man mano che il mercato delle criptovalute cresce, si trasforma in un nuovo vantaggio per lo sviluppo tecnologico finanziario e digitale. Molto probabilmente, continuerà a progredire per il futuro fino a quando non raggiungerà gradualmente lo stesso livello del mercato Forex e alla fine lo rovescierà. Ecco perché le piattaforme di trading di criptovalute possono diventare un boccone gustoso per i trader che cercano di crescere già ora.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Adblock
detector