Gli Stablecoin possono essere più redditizi dello Staking di Altcoin?

Lo staking di criptovaluta è esploso in popolarità nell’ultimo anno, poiché più criptovalute che mai ora consentono agli utenti di mettere in gioco le loro risorse in cambio di premi pagati dalla rete.

Sebbene lo staking di altcoin possa essere redditizio in molti casi, una parte considerevole di stakers sta attualmente subendo perdite devastanti, a causa della volatilità sottostante dell’asset che sta puntando e / o delle condizioni di mercato prevalenti. Per coloro che hanno meno propensione al rischio, gli investimenti in stablecoin sono emersi come un’alternativa più sicura allo staking di altcoin, poiché i possessori di stablecoin possono ora ottenere un rendimento impressionante assumendosi poco o nessun rischio mentre lo fanno.

Molte monete di stake hanno un APR negativo

Sebbene molte criptovalute vantino APR elevati, apparentemente consentono ai titolari di guadagnare un rendimento impressionante sui loro asset senza rischi minimi o nulli. La verità è che poche criptovalute producono effettivamente un rendimento positivo se si considera anche l’azione dei prezzi dell’asset sottostante. Dopo tutto, a che serve guadagnare il 50% di TAEG all’anno, quando l’attività sottostante è diminuita di molto di più?

Poiché questo TAEG è misurato nell’asset sottostante, non in termini di valore in dollari USA (USD), molti stakeholder credono erroneamente di realizzare un profitto puntando i propri asset, quando in realtà sono effettivamente in rosso. Questo è spesso il caso quando si guarda alla durata di un bene, piuttosto che concentrarsi su eventuali variazioni di valore a breve termine.

coinmarketcapGrafico Algorand (ALGO): da agosto 2019 ad agosto 2020 (Immagine: CoinMarketCap)

Prendi Algorand (ALGO) come esempio. I titolari di ALGO possono attualmente guadagnare circa il 5,1% di APR per lo staking dei loro token. Tuttavia, secondo i dati di CoinMarketCap, Algorand ha visto il suo prezzo crollare di quasi il 90% da quando è stato lanciato nel giugno 2019, il momento in cui la stragrande maggioranza dei possessori di ALGO ha acquistato per la prima volta i propri token.

Complessivamente, se avessi detenuto ALGO dalla data in cui i premi di staking sono stati introdotti per la prima volta (agosto 2019) e mantenuti fino a un anno dopo (agosto 2020), avresti perso quasi la metà dei tuoi soldi in termini di valore in USD, ma ne avresti 5 % in più di ALGO rispetto a quello con cui hai iniziato – non ideale.

Pertanto, è importante considerare la performance dell’asset puntato per calcolare il vero rendimento atteso.

Puoi guadagnare rendimenti senza piattaforme centralizzate

L’obiettivo finale della finanza decentralizzata (DeFi) è aiutare le persone a riprendere il controllo delle proprie finanze riducendo o eliminando la dipendenza da istituzioni finanziarie centralizzate come banche, mercati azionari e persino governi.

Tuttavia, mentre molti progetti DeFi sono emersi negli ultimi mesi – molti dei quali hanno l’unico scopo di generare rapidi ritorni per gli investitori – pochi hanno effettivamente capacità di resistenza, perché il token dietro molti di questi progetti manca di reale utilità. Inoltre, negli ultimi mesi sono stati sfruttati molti protocolli DeFi, inclusa la piattaforma di prestito DeFi Bzx che è stata hackerata tre volte quest’anno e Balancer, che ha violato due volte nell’arco di 24 ore.

Allo stesso modo, sebbene ci siano un gran numero di piattaforme che promettono generosi ritorni sui depositi di criptovaluta, queste piattaforme sono quasi sempre vulnerabili agli hack e agli eventi del cigno nero, che possono causare perdite totali agli utenti. Ciò ha reso molte aziende caute nel lanciare piattaforme DeFi o accettare le loro risorse sulla loro piattaforma.

Per aiutare a superare gli attuali limiti di DeFi e fornire una risorsa sicura e generatrice di rendimento ai partecipanti al mercato, BXTB ha lanciato una soluzione completamente nuova: la prima soluzione di stablecoin che genera rendimento, nota come CHIP. A differenza di altre stablecoin che sono supportate da valute legali, CHIP è supportata da altre stablecoin, come DAI e Tether (USDT).


Immagine: BXTB

Per creare CHIP, gli utenti devono combinare un secondo token noto come BXTB con uno stablecoin supportato, per generare un numero equivalente di token CHIP oltre a BXTB attivato (yBXTB): questo è un processo reversibile, che consente agli utenti di recuperare le loro stablecoin originali.

I gettoni CHIP sono progettati per rimanere ancorati alla stablecoin sottostante, mentre BXTB attivato è l’asset che genera rendimento. Tenendo yBXTB, gli utenti guadagnano una quota dei ricavi dalla transazione completata sulla sidechain BXTB.

I rischi dei pool di liquidità

I pool di liquidità stanno rapidamente crescendo in popolarità tra i trader di criptovaluta, poiché consentono ai trader di contribuire con le loro risorse a un pool e guadagnare una frazione delle commissioni generate quando i trader scambiano le loro attività.

Sebbene esista una vasta gamma di piattaforme di scambio decentralizzato (DEX) che consentono agli utenti di contribuire con liquidità, Uniswap è emerso come di gran lunga il più riuscito, grazie alla sua facilità d’uso, flessibilità e all’apparente redditività dei suoi pool di liquidità. Tuttavia, i fornitori di liquidità con minore esperienza devono fare attenzione alle perdite temporanee (IL), che possono avere un impatto drammatico sul valore delle attività immagazzinate nel pool di liquidità.

Il pool ETH-RARI sta attualmente perdendo di più a causa di perdite temporanee (-7,83%) di quanto guadagnato in commissioni mensili (+ 1,93%). (Immagine: UniswapROI)

Queste perdite temporanee si verificano quando una parte di un pool di liquidità perde rapidamente valore rispetto all’altra. Ciò può far sì che gli utenti che hanno una partecipazione nel pool perdano somme significative, che non sono coperte dalle commissioni guadagnate per il contributo di liquidità. Per questo motivo, Uniswap può essere rischioso quando fornisce liquidità per asset volatili che non hanno una traiettoria rialzista a lungo termine.

Ciò può essere ampiamente evitato contribuendo con asset meno volatili o contribuendo a pool di liquidità puramente stablecoin su piattaforme come Curva.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Adblock
detector