Editoriale: lo “yuan digitale” è l’arma cinese per governare i mercati globali?

L’avvento delle criptovalute come Bitcoin come mercato di investimento mainstream e un gateway di pagamento affidabile ha costretto i governi di tutto il mondo a prendere atto della nascente tecnologia. La corsa al rialzo del bitcoin in corso guidata dai giganti finanziari tradizionali come PayPal e MicroStrategy & le crescenti tensioni commerciali globali hanno solo rafforzato la contesa delle valute digitali come futuro del denaro.

Rise of State Owned Digital Currency

I governi di tutto il mondo hanno mostrato interesse nello sviluppo della propria valuta digitale sovrana ancorata al fiat nazionale emesso dalle rispettive banche centrali. Tuttavia, il grande interesse istituzionale combinato con società multimiliardarie che pianificano di utilizzare bitcoin come asset di copertura ha fatto capire ai governi che è arrivato il momento delle valute digitali.

Molti paesi hanno pianificato di sviluppare una valuta digitale sovrana o l’hanno in fase di sviluppo. Se guardiamo ai progressi compiuti da questi paesi, la Cina è decisamente al vertice con il loro yuan digitale o DCEP che è già oggetto di diversi programmi pilota in diverse province del paese.

Gli Stati Uniti stanno attualmente lavorando sull’aspetto della ricerca mentre il Regno Unito è già pronto con un modello e in cerca di feedback. Oltre a questi, Russia, Canada, Corea del Sud e alcuni paesi europei hanno anche stabilito piani per una valuta digitale.

Fonte: Briefing in Cina

L’impronta in crescita della Cina nello spazio valutario digitale – Yuan digitale

La Cina è uno dei paesi più progressisti quando si tratta di pagamenti digitali, dove oltre l’80% della popolazione utilizza una qualche forma di pagamento digitale nella propria vita quotidiana. La Cina ha iniziato la sua ricerca verso una valuta digitale nazionale sovrana nel 2014 e ha già sviluppato il suo sistema di pagamento digitale chiamato DCEP o yuan digitale che è attualmente in fase di sperimentazione in diverse parti del paese. I programmi pilota per lo yuan digitale sono iniziati quasi un anno fa ed è già cresciuto da poche città a diverse province. Si vociferava infatti di un possibile lancio entro la fine del 2019 stesso.

Il progetto pilota per lo yuan digitale è iniziato come sussidio di viaggio per i dipendenti del governo ed è stato successivamente ampliato per essere utilizzato in ristoranti, hotel e molti altri fornitori di servizi. Le transazioni in yuan digitali hanno già superato i 2 miliardi di yuan, ovvero circa 300 milioni di dollari.

Guardare a diversi casi d’uso dello yuan digitale combinato con un lancio a livello nazionale darebbe alla Cina un vantaggio ingiusto nella corsa alla valuta digitale e la maggior parte dei paesi ha iniziato a realizzarlo, in particolare gli Stati Uniti.

Gli Stati Uniti e la Cina non hanno legami diplomatici molto cordiali e non sono buoni alleati poiché entrambi i paesi stanno cercando di imprimere la loro autorità come potenza mondiale dove gli Stati Uniti hanno il sopravvento. Il dollaro USA è visto come una valuta di default del commercio, dando loro il monopolio nel mercato commerciale e la Cina sta cercando di porre fine a tale dominio. Gli Stati Uniti sono molto consapevoli della minaccia che è evidente dalla recente lettera del direttore della National Intelligence al capo della SEC, in cui ritiene che lo yuan digitale abbia una minaccia per la sicurezza.

Il crescente predominio della Cina nello spazio delle valute digitali ha scatenato speculazioni sul suo impatto sul predominio del dollaro USA, dove molti temono che la Cina provi a bypassare il dollaro USA per il commercio con altri paesi.

Lo yuan digitale può diventare la valuta globale del commercio?


Il dollaro USA è attualmente utilizzato per oltre l’88% del commercio internazionale seguito dall’euro al 32,3%, mentre lo yuan cinese viene utilizzato solo per il 4,3% del commercio, che è quasi trascurabile rispetto all’USD. Questo brutale dominio del dollaro conferisce agli Stati Uniti un vantaggio ingiusto che consente loro di imporre sanzioni ad altri paesi con i quali non condividono un buon rapporto, impedendo loro di utilizzare o effettuare una permuta di USD.

Fonte: CNN

L’influenza della valuta cinese nel mercato del commercio internazionale è troppo piccola per sfidare il dominio del dollaro USA. Inoltre, la Cina non ha buone relazioni e fiducia nel resto del mondo, specialmente dopo la pandemia COVID-19. Al momento, il meglio che la Cina può sperare è aumentare la sua influenza con lo yuan digitale nel mercato del commercio internazionale.

Un altro aspetto in discussione sul possibile utilizzo dello yuan digitale è per il commercio con i paesi sanzionati. Le sanzioni sono diventate piuttosto crudeli per i paesi colpiti da essa come l’Iran che ha sofferto molto durante la pandemia e anche il suo fiat nazionale ha perso quasi il 50% del suo valore nell’ultimo decennio. L’emergere della Cina come corridoio commerciale alternativo potrebbe rivelarsi fatale per gli Stati Uniti ma solo se riuscirà a prosperare e creare un impatto di quel livello.

Pensieri finali

La Cina ha cercato di dominare come potenza mondiale da un po ‘di tempo e l’emergere della valuta digitale come possibile futuro del denaro potrebbe benissimo servire a loro. La presenza della Cina nel mercato del commercio internazionale è abbastanza grande da sfidare gli Stati Uniti, tuttavia, i suoi progressi con la valuta digitale sovrana potrebbero darle un giusto vantaggio nel crescente mondo del fintech.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Adblock
detector