Scegliere il broker giusto in 7 passaggi – Parte 1

Il tuo broker è onesto?

Il tuo broker è onesto?

Quando decidi di entrare nel business Forex, ci sono diversi passaggi che dovresti compiere. Innanzitutto, devi imparare le basi del trading e del mondo finanziario. Puoi ottenere un po ‘di questa saggezza qui sul nostro sito, leggendo le nostre strategie Forex e anche l’analisi giornaliera e / o settimanale. In secondo luogo, devi mettere da parte dei fondi e aprire un conto con un broker. Ma prima di buttare tutti i tuoi sudati soldi su un broker, dovresti valutare e confrontare diversi broker con un minimo di conti live. Solo allora puoi aprire un conto e finanziarlo in modo ragionevole. Scegliere un broker non è così semplice; c’è un processo alla follia e ti aiuteremo a capire come scegliere un broker che sia giusto per te.

Sicurezza del broker

L’onestà è la prima regola quando si tratta di scegliere un broker. Esistono diversi tipi di broker, alcuni più affidabili di altri. Alcuni broker perderanno il tuo account in modi diversi, come la manipolazione dei prezzi, la caccia allo stop loss o semplicemente il rifiuto di restituire i tuoi fondi. Pertanto, prima di aprire un conto live dovresti fare qualche ricerca sulle loro credenziali … hanno la licenza e se sì allora dove sono registrati? Non sto insinuando che tutti i broker nei paesi del primo mondo siano angeli o che tutti i broker nei paesi in via di sviluppo non lo siano, ma da quello che ho visto alcuni dei broker più deboli sono registrati in paesi come Cipro, Mauritius, Isole Cayman ecc. Quindi sarebbe meglio se il broker con cui hai aperto un conto reale fosse registrato presso una delle seguenti agenzie di regolamentazione:

STATI UNITI D’AMERICA – La Commodities Futures Trading Commission (CFTC) e la National Futures Association (NFA).

UK – La Financial Conduct Authority (FCA) e la Prudential Regulation Authority (PRA).

Germania – Autorità federale di vigilanza finanziaria (BaFin)

Francia – Autorité des Marchés Financiers (AMF)

Svizzera – Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari o (FINMA) e Association Romande des Intermédiaire Financiers (ARIF).

Hong Kong – The Hong Kong Securities and Futures Commission (SFC).

Italia – Commissione Nazionale per le Società e la Borsa (CONSOB)

Australia – La Australian Securities and Investments Commission (ASIC)

Nuova Zelanda – The Financial Markets Authority (FMA)

Danimarca – La FSA danese


In caso di cattiva condotta o se il tuo broker dichiara bancarotta, potresti avere diritto a un rimborso. Ciò proviene dal deposito di sicurezza obbligatorio del broker, che è un prerequisito per ottenere una licenza dall’autorità di regolamentazione. Il rimborso dipende dalla regolamentazione finanziaria del singolo paese. Alcuni di questi broker potrebbero avere uffici operativi, call center o persino sedi centrali in altri paesi per ridurre i costi, ma il paese in cui hanno la licenza è ciò che conta, quindi non lasciarti scoraggiare dagli accenti stranieri. Ci sono molti buoni broker con licenza e registrati in altri paesi, ma come sempre sii assertivo quando controlli per la prima volta. Quando apri un conto live, dovresti effettuare un piccolo deposito e poi ritirarlo per vedere quanto è veloce il broker con queste procedure.

Broker o Introducing Broker (IB)?

Stai meglio con un broker o con un introducing broker?

Stai meglio con un broker o con un introducing broker? L’altro passo nella scelta di un broker è decidere se si desidera aprire un conto con un prime broker o con un introducing / carry broker (IB). Puoi controllare la sezione legale sul loro sito web e / o chiamare l’azienda e chiedere loro se sono un prime broker o un introducing broker. Ci sono vantaggi e svantaggi per entrambi. Quando apri un conto con un prime broker, firmi un contratto direttamente con il broker in modo da non dover passare attraverso la terza / intermedia parte se ci sono problemi. Quando apri un conto con un IB, i fondi e i titoli vengono depositati presso il prime broker. I broker primari di solito offrono spread più bassi perché uno dei modi in cui i broker introduttori traggono profitti è aggiungendo 0,2-2 pip allo spread fornito dal broker. Un IB potrebbe essere molto affidabile, ma c’è poco o niente che IB possa fare se non desideri trasferire il tuo account da quel broker principale per determinati motivi (ad es. Cattive prestazioni).

D’altra parte, stare con un introducing broker ha i suoi vantaggi. Molti prime broker accettano solo clienti con un grande capitale, quindi se hai fondi limitati il ​​modo migliore è passare attraverso un IB che raccoglie i fondi di molti piccoli clienti e poi li deposita presso il prime broker. Il prime broker può avere rapporti con diversi broker, quindi avrai la possibilità di scegliere il broker o la piattaforma più adatti a te. Alcuni IB più grandi hanno dipartimenti di avvocati, contabili, amministratori, società di hosting IT e fornitori di dati che possono aiutare i loro clienti. Questo può essere molto utile per i piccoli commercianti al dettaglio che non possono negoziare da soli con i prime broker, quindi privi di protezione legale. In questo momento i piccoli clienti di Alpari UK desiderano aver negoziato tramite un IB perché Alpari UK è fallita dopo la rimozione del limite EUR / CHF da parte della BNS e la società di liquidazione (KPMG) ha deciso di inseguire i saldi negativi causati da quell’evento. I clienti non possono negoziarlo da soli o intraprendere un’azione legale perché sarebbe molto costoso per loro, ma se avessero negoziato con Alpari UK tramite un IB, l’ufficio legale di IB se ne occuperebbe. Un IB può spesso aiutare anche con un’introduzione di capitale.

Il tuo stile di trading

Il broker si adatta al tuo stile di trading?

Il broker si adatta al tuo stile di trading?

Molti nuovi trader adattano il loro stile di trading, in base allo stile operativo del broker, quando dovrebbe essere il contrario. Dovresti trovare un broker adatto al tuo stile di trading. Pertanto, dovresti leggere le recensioni, chiedere e provare diversi broker in modo da poter trovare quello che si adatta meglio al tuo stile di trading.

Scalper – Se sei un trader a lungo termine, gli spread non sono così importanti per te, ma se sei uno scalper gli spread possono fare la differenza alla fine della giornata. Devi prima trovare un broker che consenta lo scalping e che offra spread bassi, cosa più importante.

Commercianti di notizie- Ci sono molti trader che scambiano le notizie non appena vengono pubblicate o anche prima se pensano di poter anticipare la reazione del mercato. Ma sappiamo che il mercato diventa molto pruriginoso e volatile nei pochi minuti prima e dopo la notizia, quindi se sei questo tipo di trader vuoi scegliere un broker di esecuzione del mercato che esegua le operazioni rapidamente. C’è sempre uno slittamento quando il mercato è volatile, quindi i broker con lo slittamento più piccolo sono i migliori per il trading di notizie. Oltre a ciò, vorresti un broker che non blocchi lo schermo o non allarghi troppo gli spread durante i tempi delle notizie.

Commercianti esotici-Ci sono molte persone che vivono in paesi che utilizzano valute minori, quindi potrebbero avere una conoscenza più approfondita dello stato economico, della politica ecc. Di quel paese, quindi ovviamente preferiscono scambiare la loro valuta. Non molti broker includono valute esotiche nelle loro piattaforme e quelli che hanno spread straordinari, quindi questi tipi di trader devono controllare più a fondo il background dei broker in questo settore. Questa è la prima parte di questo articolo che include i primi 3 passaggi: Broker security, Broker o Introducing Broker (IB) e stile di trading. Questi sono aspetti molto importanti del processo di selezione del broker, ma gli altri quattro passaggi sono altrettanto importanti e sono: Commissioni, Piattaforme, Affidabilità ed Extra. Vai a;

Scegliere il broker giusto in 7 passaggi – Parte 2

Questo potrebbe interessarti anche:

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Adblock
detector